Charlie Hebdo. C’è qualcosa aldilà dell’attentato terroristico? La compagna di Stéphane Charbonnier (Charb) non si dà pace e a quasi un anno di distanza ripropone le sue teorie che andrebbero oltre l’atto terroristico dei due fratelli Kouachi - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

19-10-2015

Charlie Hebdo. C’è qualcosa aldilà dell’attentato terroristico?

La compagna di Stéphane Charbonnier (Charb) non si dà pace e a quasi un anno di distanza ripropone le sue teorie che andrebbero oltre l’atto terroristico dei due fratelli Kouachi


Responsive image

A quasi un anno dall’attentato che ha decimato la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, riemergono alcuni particolari che sarebbero stati ignorati dagli inquirenti. Rivelazioni importanti o materiale utile ad alimentare futili teorie complottiste?

 

A ribadire l’esistenza di un piano molto più esteso e di mire che andrebbero oltre quelle di annientare l’intera redazione della rivista “anti-islam” Charlie Hebdo, è Valérie M.. La donna non sembra infatti essersi rassegnata al tragico destino del compagno che ha trovato la morte una mattina come tante per mano di due fanatici islamisti che hanno messo a tacere per sempre alcune delle penne fumanti della rivista più dissacrante e politicamente scorretta, oseremmo dire d’Europa. Valérie ha rilasciato l’ennesima intervista a Le Parisien nella quale allude, come già fatto in passato, a strani incontri e misteriosi rapporti che Charb aveva allacciato con dei ricchi uomini d’affari, a suo dire “mediorientali”,  poco prima di essere ucciso. Il motivo degli incontri riguardava finanziamenti pari a 200mila euro per risollevare le casse del giornale ormai in rosso, cosa di cui erano al corrente anche i giornalisti che, interpellati da Le Parisien hanno confermato quanto detto da Valérie. In particolare il giornalista Patrick Pelloux afferma: “Mi aveva detto che mancavano effettivamente 200mila euro nelle casse. So anche che si dava da fare per trovare i soldi anche se era molto discreto su questo fatto. Mi ha detto che vedeva gente ricca, banchieri, uomini d’affari ma non ho saputo chi di preciso. In ogni caso una volta mi aveva detto ridendo che alcune di queste persone che incontrava non erano esattamente nello spirito del giornale, ma che non gli importava. Il punto era solo salvare Charlie”. Proprio alla base di queste dicerie emerse subito dopo l’attentato c’è la falsa notizia riportata dalla rivista olandese Quote che riguardava l’acquisizione da parte del ricco banchiere di origini ebraica, Philippe de Rothschild, del giornale satirico, pochi giorni prima dell’attentato. Altro non era che un’insinuazione alquanto infamante che il banchiere ha rispedito al mittente. I Rothschild infatti avevano acquistato sì un giornale, ma era la testata Libération dove in seguito i sopravvissuti di Charlie Hebdo furono accolti.

 

C’è anche chi rimane scettico di fronte a un finanziamento da parte di esterni, in quanto lo statuto di Charlie Hebdo impediva finanziamenti al giornale da persone che non facevano parte di esso, se non per le donazioni provenienti dai lettori. Altri particolari inquietanti ai quali la compagna di Charb ha fatto riferimento riguardano il giorno della morte del giornalista che al ritorno dal bar si era recato a casa alquanto turbato. La donna dice: “Mi ha raccontato di aver visto sotto il suo palazzo un’auto nera con i vetri oscurati, di marca Peugeot o Renault, non ricordo precisamente. Non era il tipo da turbarsi con un nonnulla, ma quella cosa lo aveva sconvolto, continuava a ripetere: “Che strana quella macchina”. Senza tralasciare il fatto che, tre giorni dopo l’attentato, dall’appartamento di Charbonnier furono rubati documenti e un computer. Mere congetture o reali indizi?    

di Clara Pellegrino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Non siamo più Charlie Hebdo. Il settimanale francese rappresenta in vignetta il 'Sisma all'italiana'
I terremotati sono pasta al sugo e strati di lasagna

ESTERI | 02-09-2016

Responsive image

Parigi, uomo con finta cintura esplosiva prova a entrare in commissariato: ucciso dagli agenti
Nel giorno dell'anniversario della strage di Charlie Hebdo, torna la paura a Parigi. L'uomo, nel tentativo di introdursi nel commissariato, avrebbe agito come un militante dell'Isis

ESTERI | 07-01-2016

Responsive image

Ricordando l'attentato a Charlie Hebdo: polemica sullo speciale in uscita il 6 gennaio
L’immagine di copertina è stata disegnata dal nuovo direttore, Riss Laurent Sourisseau. Il titolo: Un anno dopo, l’assassino è ancora in libertà

ESTERI | 05-01-2016

Responsive image

Charlie Hebdo. Ancora umorismo contro ogni paura
Così la prima pagina della rivista: "Loro con le armi, noi con lo champagne"

ESTERI | 17-11-2015

Responsive image

Responsive image

Da Charlie Hebdo al Curtis Culwell Center: sparatoria al concorso di vignette su Maometto
Il bilancio delle vittime: 2 morti e 1 ferito. Tra i presenti anche Wilders, il politico olandese noto per le sue posizioni xenofobe

CRONACA | 04-05-2015




CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia