Francia: guerra non solo dichiarata. Nella notte nuovi bombardamenti in Siria Hollande: “così distruggeremo l’Isis” - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

17-11-2015

Francia: guerra non solo dichiarata. Nella notte nuovi bombardamenti in Siria

Hollande: “così distruggeremo l’Isis”


Responsive image

"La Francia intensificherà gli attacchi in Siria. I miei complimenti ai piloti francesi che ieri hanno portato a termine l'operazione a Raqqa”. È quanto ha dichiarato il presidente francese François Hollande a Versailles, il quale così prosegue, riferendosi all’Isis: "Non dobbiamo contenere quest'organizzazione, la dobbiamo distruggere". E così nella notte sono ripresi i bombardamenti francesi sulla Siria: 30 raid sono stati lanciati in poche ore da 12 jet francesi su Raqqa e sul polo petrolifero di Dayr az Zor. Dalle operazioni militari sono stati distrutti un centro di comando e un campo d'addestramento jihadisti, nonché colpiti gran parte dei centri nevralgici. In un comunicato diramato dallo stato maggiore francese si legge come l’attacco, avvenuto alle ore 1.30 italiane, sia stato condotto in coordinamento con le forze USA, ed “era diretto a distruggere obiettivi identificati durante voli di ricognizione effettuati da jet francesi, a differenza del primo in cui Parigi aveva colpito postazioni di Isis identificate dal Pentagono”. Attacchi, quelli francesi sulla Siria, ritenuti legittimi in seguito agli attentati di Parigi. È quanto ha dichiarato il ministro degli esteri francese Laurent Fabius  a margine del G20 in Turchia. È stata in quella occasione che  Fabius ha spiegato come  la decisione di condurre attacchi aerei a Raqqa sia stata ”politica e che la Francia deve essere presente e attiva in seguito agli attentanti che hanno ucciso 129 persone”. Stando comunque a quanto diramato da  jihadisti islamici in un comunicato, i raid francesi hanno colpito luoghi deserti e quindi sembra non ci siano state vittime tra la popolazione civile.

 

Del resto Hollande ha parlato chiaro davanti al Parlamento riunito lunedì in seduta straordinaria a Versailles: "Siamo in guerra. Gli atti commessi venerdì a Parigi sono atti di guerra. L'aggressione contro il nostro Paese - spiega - è un'aggressione contro i suoi valori, la sua gioventù e il suo stile di vita perché noi siamo la patria dei diritti dell'uomo”. E fa anche riferimento e fede  a un glorioso passato, Hollande, quando dichiara che la Francia, nel corso della storia, ha affrontato molte prove e tutti coloro che hanno voluto sfidarla sono stati perdenti e “sarà così anche questa volta perché il popolo francese non si rassegna". E quando afferma che l’Isis non va contenuta bensì distrutta, Hollande, rivolgendosi sempre alle camere, afferma ancora come serva una grande e unica coalizione per combattere questo esercito terroristico. Asserendo ciò il premier francese chiede esplicitamente l’aiuto dell’unione europea, puntando sul  fatto che il terrorismo non è soltanto un nemico della Francia ma di tutta Europa. Una solidarietà “avanzata” facendo diretto riferimento all’articolo 42.7 del trattato dell'Unione, il quale prevede,  di fronte all'aggressione di uno Stato, che tutti gli Stati membri diano solidarietà. Non è però soltanto all’Europa che il premier francese chiede di collaborare nella lotta all’Isis e,  lamentandosi di come la comunità internazionale sia ancora troppo incoerente e divisa, annuncia  che nei prossimi giorni incontrerà Barack Obama e Vladimir Putinper unire le nostre forze contro gli jihadisti”, sempre più convinto che con l’unione delle forze si riuscirà a combattere questo male.

 

E mentre l’artificiere degli attentati di Parigi, Mohamed Amri, è stato catturato nel suo appartamento a Bruxelles, luogo nel quale sono stati ritrovati nitrato e sostanze utili per confezionare esplosivi, è ancora caccia all’ottavo uomo Salah Abdeslam. L’ottavo jihadista del commando, che dopo aver  ucciso venerdì sera a Parigi 129 persone e ferite 152 è fuggito a bordo di una Wolkswagen Polo grigia, risulta ora essere il più ricercato d’ Europa. 

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Salah Abdeslam: prigione dorata per il terrorista degli attacchi di Parigi
In un carcere della capitale francese affollato al 190% un intero piano dotato di confort e altro è solo per lui

ESTERI | 04-07-2016

Responsive image

Vertice Ue post Brexit, l'aula di liceo
Renzi ottiene attenzione, Farage fa boccacce, tedeschi non contenti

POLITICA | 28-06-2016

Responsive image

Attentati di Parigi: estradato in Francia Salah Abdeslam
‘Vuole spiegarsi al più presto’ annuncia il suo nuovo legale. Intanto, nuove testimonianze documentano come gli attentati di Parigi fossero prevedibilissimi

ESTERI | 27-04-2016

Responsive image

Arrestato Mohamed Abrini, il super ricercato per gli attentati di Parigi
Abrini potrebbe essere l'uomo col cappello che le telecamere dell'aeroporto di Zaventam filmarono in compagnia dei fratelli El Bakraoui

ESTERI | 08-04-2016

Responsive image

Responsive image

Attentati Bruxelles incompiuti. Il modello era Parigi
Salah Abdeslam e altri terroristi dovevano sparare sulla gente. Intanto sventato attentato a Parigi

ESTERI | 25-03-2016

Responsive image

Attentati Bruxelles: la centrale nucleare di Liegi era tra gli obiettivi sensibili
Diffuso l'identikit di un altro kamikaze ma Salah Abdeslam non collabora e chiede l'estradizione in Francia

ESTERI | 24-03-2016

Responsive image

Attacchi Bruxelles: l'Isis rivendica
Una risposta all'arresto di Salah Abdeslam, scrivono sui social. Salgono intanto a 33 le vittime

ESTERI | 22-03-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia