Charlie Hebdo. Ancora umorismo contro ogni paura Così la prima pagina della rivista: "Loro con le armi, noi con lo champagne" - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

17-11-2015

Charlie Hebdo. Ancora umorismo contro ogni paura

Così la prima pagina della rivista: "Loro con le armi, noi con lo champagne"


Responsive image

La guerra che l’ISIS sta combattendo contro l’Occidente è più che mai una guerra legata a simboli, visioni, modelli. Attraverso gli attentati del 13 novembre infatti, non è stata colpita soltanto Parigi (e quindi la Francia), ma l’Europa intera e con essa un preciso stile di vita, un modo di concepire la civiltà, una Weltanschauung. Il ristorante per giovani studenti, il locale per rocker, il quartiere in cui bere una cosa e passare la serata. Luoghi, questi, di perdizione, di vizio e quindi da dover ferire, abbattere, seguendo la logica del colpirne uno per educarne cento. Che sia dunque da lezione per i giovani di tutta Europa, avranno pensato.

 

A non aver imparato la lezione – fortunatamente – sono quelli di Charlie Hebdo. Irriverenti per natura, insopportabili a molti, perfino a sé stessi, continuano, attraverso le pagine del giornale, a difendere la fantasia, la laicità, la libertà contro ogni fanatismo, senza risparmiarsi linguaggi disturbanti e al limite del leggibile. «Soltanto l’umorismo, – diceva Hermann Hesse-  la stupenda invenzione di chi si vede troncata la vocazione alle cose più grandi, l’invenzione dei tipi quasi tragici, degli infelici dotati di massima intelligenza, soltanto l’umorismo compie l’impossibile, illumina e unisce tutte le zone della natura umana alle irradiazioni dei suoi prismi» e rende quindi tutto sopportabile, tutto svuotabile, perfino ciò che sembra talmente assurdo da non avere spiegazione alcuna. È con l’umorismo che i giornalisti di Charlie hanno deciso di rispondere al tremendo attacco subito il 7 gennaio 2015 ed è con l’umorismo – arma incensurabile e incontrollabile - che rispondono una volta ancora.

 

Ecco dunque la prima pagina di Charlie dopo gli attentati di venerdì scorso: un giovane parigino trafitto dai colpi danza baldanzoso con una coppa di champagne in una mano e un bicchiere nell’altra mosso dalla leggerezza di chi se ne infischia, di chi non si fa piegare, di chi sorride delle tragedie fischiettando i ricordi del varietà. Un’immagine, questa, che rivendica la gaia frivolezza, l’eroismo disinteressato e felicemente cialtrone di chi alla paura risponde con una pernacchia e sembra urlare senza paura: loro con le armi, noi con lo champagne.

 

di Giorgio Federico Mosco
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

'La mia casa è il Bataclan' riapre lo storico locale: siamo pronti a ripartire per Parigi?
La Francia ricorda gli attacchi del 13 novembre dopo un anno di sangue e crisi del turismo

ESTERI | 12-11-2016

Responsive image

Attentati di Parigi e di Bruxelles: la mente delle stragi ha un volto
Intanto il Governo francese inizia a risarcire le prime vittime degli attentati

ESTERI | 08-11-2016

Responsive image

Non siamo più Charlie Hebdo. Il settimanale francese rappresenta in vignetta il 'Sisma all'italiana'
I terremotati sono pasta al sugo e strati di lasagna

ESTERI | 02-09-2016

Responsive image

Attentati di Parigi: estradato in Francia Salah Abdeslam
‘Vuole spiegarsi al più presto’ annuncia il suo nuovo legale. Intanto, nuove testimonianze documentano come gli attentati di Parigi fossero prevedibilissimi

ESTERI | 27-04-2016

Responsive image

Responsive image

Arrestato Mohamed Abrini, il super ricercato per gli attentati di Parigi
Abrini potrebbe essere l'uomo col cappello che le telecamere dell'aeroporto di Zaventam filmarono in compagnia dei fratelli El Bakraoui

ESTERI | 08-04-2016

Responsive image

Attentati Bruxelles incompiuti. Il modello era Parigi
Salah Abdeslam e altri terroristi dovevano sparare sulla gente. Intanto sventato attentato a Parigi

ESTERI | 25-03-2016

Responsive image

Attentati di Parigi: dopo Salah, identificato un complice. È caccia al terrorista
Tracce del suo dna anche sul materiale esplosivo utilizzato per gli attacchi del 13 novembre

ESTERI | 22-03-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia