Ciao Valeria, Venezia e il mondo non ti dimenticheranno mai Nel giorno dei funerali, l'ultimo saluto alla ragazza uccisa dalla ferocia dei terroristi - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

24-11-2015

Ciao Valeria, Venezia e il mondo non ti dimenticheranno mai

Nel giorno dei funerali, l'ultimo saluto alla ragazza uccisa dalla ferocia dei terroristi


Responsive image

Venezia, piazza San Marco. Le bandiere a mezz’asta, il lento rintocco delle campane, una piazza aperta a tutti per il rito civile con cui oggi Valeria Solesin, morta lo scorso 13 novembre, ha ricevuto l’ultimo saluto. Sulle acque del Canal Grande, una gondola rivestita con dei tessuti di colore nero, espressione del lutto, trasporta il feretro della giovane ragazza. In questa fredda mattinata, molta gente è accorsa in piazza San Marco per mostrare il proprio cordoglio verso questa morte che insieme a quella delle altre vittime del terrorismo, sembra essere così illogica. Il feretro è posizionato al centro della piazza e intorno a esso c’è la famiglia di Valeria, la mamma Luciana, il papà Alberto, il fratello Dario e il fidanzato Andrea. In rappresentanza dello Stato italiano c'è il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e il ministro della difesa, Roberta Pinotti. Ma una presenza fondamentale è quella dei rappresentanti delle tre religioni monoteiste: mons. Francesco Moraglia, patriarca di Venezia, il capo rabbino della comunità ebraica di Venezia e la rappresentanza della comunità islamica con l’Imam. Gli ottoni del Teatro della Fenice intonano l’inno italiano e francese, così ha inizio il funerale di Stato per Valeria.

 

Si susseguono degli interventi per omaggiare la giovane: il sindaco di Venezia, Brugnaro, che ha detto commosso «Valeria, Venezia non ti dimenticherà mai» sottolineando la volontà insieme alla famiglia della ragazza, di trovare il modo più significativo per ricordarla, e ha parlato di una mozione approvata dal consiglio comunale, intitolata “Né con rabbia, né con paura, ma per un ponte di pace”, un’iniziativa volta a promuovere a Venezia un dibattito diplomatico internazionale per la pace nel Mediterraneo. Un momento intenso della cerimonia è stato il discorso del papà di Valeria, sostenuto dalla moglie. Egli ha descritto i momenti che hanno vissuto come dei giorni acerbi, ha ringraziato i rappresentanti delle religioni presenti e  dello Stato, ha ribadito la necessità di rivolgere alle altre vittime lo stesso senso di umana partecipazione. Ricorda Valeria, e lo fa nel contesto in cui la giovane viveva, l’università, i bistrot, le birrerie, i luoghi dove si incontrava con altri ragazzi e ragazze, rivolti come lei a un futuro che desiderano migliore. Parlano gli amici, visibilmente commossi, raccontano di una Valeria spontanea, sognatrice ma con i piedi per terra, vivace, curiosa, senza peli sulla lingua, di una grandezza indescrivibile, la Valeria che ti spronava a combattere. Il Ministro della difesa Pinotti legge il discorso inviato dal presidente della Repubblica francese, Francois Hollande.

 

Intervengono i rappresentanti delle religioni: il Patriarca di Venezia riferendosi ai feroci terroristi, afferma: «Non riuscirete a portarci ad odiare, sarebbe la vostra vittoria, sarebbe la nostra sconfitta». L’Imam di Venezia con tono deciso legge il suo discorso: «I tuoi assassini hanno voluto con il loro gesto criminale separarci, dividerci, ma oggi con questa presenza di unità i tuoi assassini criminali anti islamici, anti umanità, hanno fallito». Gli ottoni suonano l’inno alla gioia, l’inno europeo; i gondolieri prendono sulle spalle il feretro di Valeria, la folla applaude, lentamente la bara si allontana, la piazza si svuota, e Valeria oggi con questo rito civile di unione, è il simbolo della pace.

di Giulia Morici
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Paolo Gentiloni chi?
Il profilo semisconosciuto del nuovo premier: da militante del Movimento studentesco anni ’70 a premier

POLITICA | 11-12-2016

Responsive image

Castelporziano apre i battenti: la tenuta presidenziale diventa di tutti
Con più di 6.000 ettari, 1.000 specie vegetali e 3.000 animali, la riserva naturale sarà visitabile dal 20 settembre

MUNICIPIO EVENTI | 09-09-2016

Responsive image

Strage Nizza, le salme di 4 italiani tornano in Italia
Intanto in Francia Libération fa scoppiare la polemica sulla sicurezza

ESTERI | 21-07-2016

Responsive image

2 giugno: l'Italia è una Repubblica (?)
Nel 1948 viene celebrata per la prima volta la ricorrenza della nascita della Repubblica italiana

CRONACA | 03-06-2016

Responsive image

Responsive image

Google e i politici italiani, una relazione complicata
Cosa pensa il motore di ricerca dei nostri rappresentanti. O siamo noi a farglielo pensare?

POLITICA | 27-05-2016

Responsive image

Venezia: un saluto composto e silenzioso rende omaggio a Valeria Solesin
La camera ardente per la giovane resterà aperta fino ad oggi, prima dei funerali

CRONACA | 23-11-2015

Responsive image

Mattarella e Papa Francesco: primo incontro ufficiale in Vaticano
Temi toccanti per il nostro paese, centrale quello dellʼoccupazione giovanile

POLITICA | 18-04-2015



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia