Venezuela: ucciso leader d'opposizione durante un comizio Luis Manuel Diaz perde la vita sul palco durante un comizio. Il governo chavista viene additato come responsabile - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

27-11-2015

Venezuela: ucciso leader d'opposizione durante un comizio

Luis Manuel Diaz perde la vita sul palco durante un comizio. Il governo chavista viene additato come responsabile


Responsive image

A dieci giorni dalle elezioni politiche in Venezuela, un episodio premeditato tinge di rosso sangue la campagna elettorale. Luis Manuel Diaz, dirigente d'opposizione, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco durante un comizio nel centro del Paese.
L'episodio getta ombra sul governo chavista di Nicolas Maduro che, secondo tutti i sondaggi, è destinato a perdere le elezioni.
Chi ha sparato a Diaz?

 

Il responsabile del partito Azione Democratica dello stato di Guarico era felice e anche un po' teso quando è uscito di casa per recarsi al comizio. Ma, nel bel mezzo del meeting elettorale in una piazza di Altagracia de Orituco, improvvisamente, Diaz è stato raggiunto dagli spari che ne hanno stroncato sul colpo la vita. Sul palco era presente Lilian Tintori, moglie di Leopoldo Lopez, il dirigente antichavista che sta scontando una pena di oltre 13 anni. Tintori ricostruisce la dinamica dell'accaduto: l'episodio è stato premeditato e organizzato, gli autori hanno aspettato che i giornalisti scendessero dal palco prima di sparare. Tintori accusa Maduro di essere il responsabile, poiché l'attacco a Diaz non è l'unico tentativo di sabotaggio ai danni del partito antichavista.

 

Negli ultimi anni sono stati molti i dirigenti d'opposizione che hanno denunciato violenze contro la loro campagna. Gli autori erano sempre gruppi di civili armati fedeli al governo. Il presidente del Parlamento e numero due del chavismo, Diosdato Cabello, difende il governo additando come "completamente false" le insinuazioni dei dirigenti.
La Tintori non ha dubbi: "Stanno mostrando la loro peggiore faccia perché hanno paura, e hanno paura perché sanno di esser già sconfitti, sanno che perdono il 6 dicembre". E incalza: "Il chavismo non è una dittatura qualsiasi, è una dittatura fallita".

di Serena Gazzaneo
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Venezuela in crisi, fame e rivolte
Maduro sul filo del rasoio, il paese è in ginocchio

ESTERI | 22-06-2016

Responsive image

Venezuela, le elezioni segnano la fine del chavismo
Il trionfo dell’opposizione dopo quasi venti anni di egemonia socialista

ESTERI | 07-12-2015

Responsive image

Venezuela, nipoti del presidente Maduro arrestati per contrabbando di cocaina
Hanno tentato di introdurre negli Stati Uniti 800 chilogrammi di droga

ESTERI | 13-11-2015



POLITICA

Responsive image

Di Maio torna con una nuova proposta: le possibili imminenti elezioni fanno paura al pentastellato

Lo spostamento di Savona agli Interni ha riaperto uno scenario che sembrava tramontato

CRONACA

Responsive image

Racconto di una bella avventura che termina tra ricordi e riflessioni

Due anni di Pontilenews, di mare, di Ostia, di giornalismo

CULTURA

Responsive image

Word Press Photo: una mostra capace di raccontare un anno con gli occhi

A Roma, una mostra per fare il giro del mondo tra curiosità , natura, fatti



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Scontri Liverpool. Il ritorno Roma-Liverpool fa paura: se si ripetessero gli episodi di 34 anni fa?

Gravissime le condizioni del tifoso inglese rimasto ferito negli scontri di mercoledì

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia


Responsive image