Salah è in Siria per l’intelligence francese A darne notizia la Cnn ma i fatti non confermano e la polizia federale continua a cercarlo in Europa. Ennesimo blitz ieri sera a Molenbeek - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

01-12-2015

Salah è in Siria per l’intelligence francese

A darne notizia la Cnn ma i fatti non confermano e la polizia federale continua a cercarlo in Europa. Ennesimo blitz ieri sera a Molenbeek


Responsive image

Secondo i servizi segreti francesi Salah Abdeslam, il ricercato numero uno per gli attentati di Parigi, sarebbe riuscito a raggiungere la Siria,  grazie all’aiuto di amici e coperture. A riferirlo è la Cnn che cita una fonte vicina alle indagini e un’altra proveniente dall’antiterrorismo, confermando quindi l’informazione data qualche giorno fa dal sito belga Het Laatste Neuws.  La notizia però sembra non trovare riscontro nei fatti. Le infinite segnalazioni che si rincorrono in ogni angolo d’Europa, cui puntualmente fanno seguito verifiche a tappeto della polizia, si susseguono da giorni e tuttora continuano imperterrite. Solo ieri sera un ennesimo blitz a Molenbeek, dietro segnalazione d’avvistamento, si è concluso con un altro pugno di mosche. La polizia federale ha messo a soqquadro l’intero quartiere a seguito di indicazioni provenienti da un abitante della zona, secondo cui Salah avrebbe trovato rifugio all’interno di una casa disabitata.

 

Dunque, perché si continua imperterriti a cercare Salah in Europa se ormai è in Siria? La sensazione è che la caccia al fuggitivo non abbia ancora punti fermi, tanto che l’uomo viene avvistato ovunque e che le uniche e poche certezze rimangano ferme all’indomani degli attentati di Parigi. Secondo la ricostruzione ufficiale dei fatti, la notte del 13 novembre Salah è stato accompagnato a Bruxelles da Mohammed Amri e Hamza Attou, ai quali si era rivolto per chiedere il passaggio. Qui, il mancato kamikaze viene prelevato in macchina dal suo amico di infanzia Ali Oulkadi nella zona di Laeken, periferia della capitale belga e condotto  a Schaerbeek. Durante il tragitto, secondo il racconto di Oulkadi, non avrebbe detto nulla del suo ruolo negli attentati ma avrebbe parlato della morte del fratello Brahim. Arrivato a destinazione Salah avrebbe salutato l’amico, dicendogli che non l’avrebbe più rivisto. Era mezzogiorno del 14 novembre. Di fatto, da allora, sembra essere stato inghiottito dal buio, nonostante la sua presenza inquietante sia tenuta in vita dalla psicosi collettiva.

di Stefania D'Agostino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Cosa succede in Medio Oriente? Caos e guerre: il mondo resta a guardare.
Ci siamo chiesti a cosa è dovuto questo silenzio.

ESTERI | 17-04-2018

Responsive image

Questione Siria, la posizione dell'Italia: 'a fianco degli alleati, ma non coinvolta direttamente'
Anche il nostro paese si schiera contro l’attacco chimico in Siria

CRONACA | 12-04-2018

Responsive image

Quel Matrimonio Siriano 'celebrato' a Ostia
Laura Tangherlini (Rainews24) ha presentato presso la Tenda dei Popoli il suo ultimo libro (+dvd) sulla Siria

MUNICIPIO EVENTI | 06-10-2017

Responsive image

Ostia, Laura Tangherlini (Rainews24) presenta il suo Matrimonio Siriano
Un reportage che ha per protagonisti 150 bambini siriani

MUNICIPIO EVENTI | 02-10-2017

Responsive image

Responsive image

Gas tossici sulla Siria. Cosa sta succedendo e come si sta distruggendo l’umanità
L'attacco chimico è solo un capitolo di sei anni di crisi e di guerra civile

ESTERI | 05-04-2017

Responsive image

Portare la disciplina Yoga in un campo di profughi siriani: a cosa serve?
Un’esperienza fuori dal comune raccontata da chi l’ha vissuta

CULTURA | 24-01-2017

Responsive image

Dopo un 2016 dove tutto ha tremato. Per il 2017 cosa augurarci?
Riflessioni su un nuovo modo di stare nel mondo

POLITICA | 31-12-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia