Rio 2016. Il Kenya potrebbe rinunciare ai giochi a causa del virus Zika Dopo l'allarme lanciato dagli Stati Uniti, le nazioni valutano se far partecipare i propri atleti alle prossime Olimpiadi. Ma il Brasile rassicura: Lo Zika non sarà un problema - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SPORT

 

09-02-2016

Rio 2016. Il Kenya potrebbe rinunciare ai giochi a causa del virus Zika

Dopo l'allarme lanciato dagli Stati Uniti, le nazioni valutano se far partecipare i propri atleti alle prossime Olimpiadi. Ma il Brasile rassicura: Lo Zika non sarà un problema


Responsive image

Successivamente all’allarme proveniente dagli Stati Uniti, anche il Kenya esplicita il suo timore nei confronti del virus Zika: sarebbe, infatti, propenso a non mandare gli atleti ai Giochi di Rio. “Ovviamente non prenderemo alcun rischio se questo virus raggiungerà livelli di epidemia. Ci devono assicurare che il Brasile sarà sicuro abbastanza per ospitare i nostri sportivi. Abbiamo detto chiaramente che finché non saranno bonificati gli impianti delle manifestazioni noi non andremo”, la spiegazione del presidente del comitato olimpico Kipchoge Keino. Ma, il governo brasiliano, attraverso una nota del Ministero della Sanità, ha prontamente risposto alla decisione dello Stato africano: “Il governo federale, insieme a Stati e Comuni, sta compiendo uno sforzo per proteggere non solo i brasiliani, ma anche coloro che verranno nel nostro Paese per i Giochi. Lo Zika non sarà un problema: la delegazione degli Stati Uniti sarà completa, perché nessuno rinuncerà alle Olimpiadi per via di una malattia che colpisce in estate”.

 

Le autorità sanitarie statunitensi hanno innalzato a “livello 1” l’emergenza per il virus Zika. Questa situazione ha inevitabilmente ripercussioni sui Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Così, il Comitato olimpico degli Stati Uniti ha invitato le federazioni sportive nazionali a valutare bene la situazione e a scegliere in maniera ponderata l’eventuale presenza dei propri atleti alle Olimpiadi. Tale monito è stato espresso agli atleti e agli accompagnatori delle squadre anche dall’Istituto nazionale per la Salute, che raccomanda di lasciar scegliere i singoli e di non “sentirsi obbligati a partecipare”. La situazione di allarme è alimentata dall’alta possibilità di contagio e dall’assenza di un vaccino in grado di sconfiggere la malattia trasmessa dalle zanzare.

 

Non solo gli Stati Uniti, anche le altre nazioni hanno esplicitato la loro preoccupazione nei confronti del virus Zika. Ad esempio, il Comitato olimpico australiano, l’Aoc, sta sponsorizzando un gel repellente particolarmente efficace e ha avvisato gli atleti qualificati per Rio 2016 di mantenere sempre braccia e gambe coperte. Anche la Nuova Zelanda viaggia in questa direzione, che afferma di comprendere eventuali ritiri da parte degli atleti. La stessa raccomandazione è stata espressa dal Comitato giapponese. L’Italia, invece, è relativamente tranquilla. Il Coni, infatti, ha assicurato che non sussiste alcun motivo per essere spaventati. “L’Istituto di Medicina per lo Sport ha fatto un buon lavoro, sono in contatto con dei luminari della materia di infettivologia, ci sarà anche un’attività di prevenzione”, ha spiegato il presidente Giovanni Malagò. Serena è anche la Gran Bretagna secondo quanto affermato dal presidente del Comitato britannico, Sebastian Coe.

di Chiara Di Nicola
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Rio 2016: al ritmo di samba stasera la cerimonia inaugurale
Musica e spettacolo accompagneranno la tradizionale sfilata degli atleti ma il virus Zika continua preoccupare

SPORT | 05-08-2016

Responsive image

Olimpiadi 2016: Zika minaccia la competizione
Si moltiplicano le richieste di posticipare i giochi o di spostarli altrove

SPORT | 28-05-2016

Responsive image

Rio 2016. Il Brasile corre ai ripari ed eroga 415 milioni di euro per combattere il virus Zika
Una minaccia importante per la salute e l'economia dello Stato sudamericano che rischia di compromettere i prossimi Giochi Olimpici

SPORT | 18-02-2016

Responsive image

La febbre Zika arriva in Italia: registrato il primo caso in Emilia Romagna
Nove casi di febbre Zika accertati in Italia, tutti importati da viaggi in paesi a rischio: 'situazione sotto controllo'

CRONACA | 10-02-2016

Responsive image

Responsive image

Zika, zanzare ogm create in laboratorio per eliminare gli insetti portatori del virus
La società biotech britannica Oxitec ha creato un esemplare geneticamente alterato in grado di sterminare la Aedes aegypti. Si attende il via libera del Brasile

SALUTE | 08-02-2016

Responsive image

Zika, in Texas primo caso di trasmissione per via sessuale
Il contagio non avviene quindi solo attraverso una puntura di zanzara. Negli Usa un paziente avrebbe contratto il virus dopo aver avuto un rapporto con una persona infetta rientrata dal Venezuela

SALUTE | 03-02-2016

Responsive image

Texas: primo caso di trasmissione per via sessuale del virus Zika
Un paziente è stato contagiato dopo aver avuto un rapporto con il partner appena tornato dal Venezuela. Si aprono ora nuovi, delicati scenari sulla malattia

ESTERI | 03-02-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia