Fabrizio De André: le sfumature della vita tra note e parole Il 18 febbraio 1940 nasceva 'Faber' - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CULTURA

 

18-02-2016

Fabrizio De André: le sfumature della vita tra note e parole

Il 18 febbraio 1940 nasceva 'Faber'


Responsive image

«E come tutte le più belle cose vivesti solo un giorno come le rose». Recita così l’ultima strofa della Canzone di Marinella, di Fabrizio de André in cui si potrebbe racchiudere la vita stessa del cantautore morto a soli 59 anni dopo aver segnato in modo indelebile la storia della musica italiana. Per questo, proprio oggi, 18 febbraio, nel giorno del suo compleanno, è impossibile non rivolgere un pensiero a quella vita che diventò tutt’uno con la musica: «È  bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra» canta De André in Amico fragile.

 

Le sue canzoni, poesie. Versi in musica di un’attualità disarmante. Non solo in italiano ma anche in genovese, gallurese e napoletano. Tra note e parole, tutti i colori della vita.  Non a caso a Paolo Villaggio, amico d’infanzia, piaceva chiamarlo «Faber». Perché De André amava colorare con i pastelli della Faber-Castell. E quelle sfumature della realtà, che coglieva sui fogli bianchi, le traduceva anche nella sua musica. Emarginati, prostitute, ribelli, matti, vigliacchi, gli ultimi degli ultimi i protagonisti, uomini con le loro debolezze per i quali è valido il motto incastonato ne Il Giudice: «è triste trovarsi adulti senza essere cresciuti». Vero motore di questa vita fatta «di gente d'ogni sorta di poveri straccioni e di grandi signori» è l’amore in tutte le sue forme: da quello che «strappa i capelli», a quello che, appassito, si riduce a «qualche svogliata carezza» e a «un po' di tenerezza» come ascoltiamo nella Canzone dell’amore perduto. Ma anche quell’amore «che si fa per noia o per professione». Bocca di rosa docet. O ancora quell’amore che ha solo l’amore come argomento (Dolcenera) e quell’amore che, se gettato, costruisce un vuoto nell’anima e nel cuore (Tutti morimmo a stento).

 

Poi la libertà, un privilegio sempre più fragile: «l'ho vista dormire nei campi coltivati a cielo e denaro, a cielo ed amore, protetta da un filo spinato» sentiamo nel Suonatore Jones. E ancora la sofferenza e la speranza di ricominciare. «Passerà anche questa stazione senza far male passerà questa pioggia sottile come passa il dolore» canta De André in Hotel Supramonte, consapevole che, come sottolinea in Via del Campo, prima o poi, «dal letame nascono i fiori».

di Valeria De Simone
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

'De André, principe libero'. La Rai taglia 'Bocca di rosa' e i social protestano
Non sono mancate le critiche in seguito alla proiezione in doppia serata della fiction De André

CULTURA | 15-02-2018

Responsive image

Fabrizio De André, il poeta che cantava l’amore sacro e l’amore profano
Oggi l’anniversario della morte

CULTURA | 11-01-2017

Responsive image

Addio a Leonard Cohen. Fu omaggiato dai Nirvana e da Fabrizio De Andrè
Dalle cover di Hallelujah alle traduzioni di De Andrè, passando per Pennyroyal Tea dei Nirvana

CULTURA | 11-11-2016

Responsive image

Ostia, dissequestrato il Faber Beach: il problema della gestione rimane
Il 3 giugno scorso la spiaggia libera attrezzata era stata sottoposta a sequestro

MUNICIPIO CRONACA | 08-07-2016

Responsive image

Responsive image

Cadavere ad Ostia: è giallo al Faber Village
L'uomo di circa 40 anni sembra essere deceduto da diverso tempo

MUNICIPIO CRONACA | 04-03-2015






Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia