Calais: tensioni durante lo sgombero della 'giungla' Scontri fra attivisti no-border, migranti e gendarmi - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

01-03-2016

Calais: tensioni durante lo sgombero della 'giungla'

Scontri fra attivisti no-border, migranti e gendarmi


Responsive image

Focolai di rivolta infiammano l’Europa. Se il confine greco-macedone è stato teatro di scontro tra le autorità di polizia ed una popolazione di profughi impossibile a contenere, un altro pericoloso focolaio si sta dimostrando lo sgombero della “jungla” a Calais dove, secondo le stime della prefettura di Pas-de-Calais, vivono circa 3.500 profughi. Il nome la dice lunga sulle condizioni di vita e sulla sicurezza di questa località francese sul canale della Manica che rappresenta storicamente la via di accesso all’Inghilterra. Peraltro, essendo Calais il terminale in territorio francese del famoso tunnel sottomarino che sfocia a Dover, sono molti i profughi che si sono ammassati nella jungla nella speranza di attraversarlo clandestinamente a bordo delle migliaia di camion che transitano giornalmente. 

 

Le operazioni di sgombero sono iniziate nella mattinata di ieri. Protetti da poliziotti in tenuta antisommossa, gli operai con l’impiego di ruspe hanno cominciato a demolire decine di baracche, provocando un clima di tensione fra i migranti per niente rassicurati dalle promesse del governo di Francois Hollande di ricoverare gli sfrattati in container riscaldati o in centri d'accoglienza. La tensione è accresciuta nel pomeriggio, quando si sono confrontati attivisti no-border, migranti e gendarmi, cinque dei quali sono rimasti feriti mentre sono quattro gli arresti operati. 

 

Un portavoce di Medici senza frontiere, Samuel Hanson, ha rilasciato in proposito la seguente dichiarazione: "Possiamo confermare che questa mattina decine di poliziotti sono andati al campo e hanno cominciato a rimuovere parte dell'accampamento. Sappiamo che questo pomeriggio hanno lanciato gas lacrimogeni e che qualche violenza si è verificata nei confronti dei migranti”.

 

Preoccupazioni sono state espresse dal Governo italiano, circa la situazione nei vari focolai europei. Paolo Gentiloni, ministro degli Esteri, e Angelino Alfano, titolare del Viminale, di fronte alle manifestazioni di disagio che si vanno espandendo a macchia di leopardo, chiedono una gestione comune della crisi da parte di tutti i Paesi. "L'Europa è sull'orlo del precipizio", ha ammonito Gentiloni in un'intervista al quotidiano tedesco Handelsblat, auspicando una risposta che “deve essere europea, non unilaterale".

 

di Stefania D'Agostino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

L'inferno sta a Calais, sgombero migranti nel centro 'la giungla'
Nel giro di una settimana circa 8mila migranti verranno smistati in Francia

ESTERI | 24-10-2016

Responsive image

Migranti: un muro a Calais ne impedirà l’ingresso nel Regno Unito
Finanziato dal governo inglese, sarà alto 4 metri e lungo 1 chilometro

ESTERI | 08-09-2016


Responsive image

Migranti, scattato il piano Ue: prime espulsioni in Grecia e primi arrivi di siriani in Europa
L'accordo siglato tra Ue e Turchia decolla tra le protesta delle organizzazioni umanitarie. In Turchia gravi lacune legali e mancanza di un'adeguata protezione'

ESTERI | 05-04-2016

Responsive image

Responsive image

Confine greco macedone: la vergogna d’Europa
La Germania vota a destra, mentre sul fiume Suva Reka abbiamo l’odissea dei profughi

ESTERI | 15-03-2016

Responsive image

Confine greco-macedone: profughi aprono varchi nelle barriere
Lancio di gas lacrimogeni e bombe assordanti non impediscono a 300 rifugiati di sconfinare

ESTERI | 29-02-2016

Responsive image

Roma: atterrati a Fiumicino 93 siriani in fuga dalla guerra
Si tratta di un primo gruppo su un totale di circa 1.000 profughi che saranno accolti in Italia grazie a un progetto di ‘corridoi umanitari’

CRONACA | 29-02-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia