Omicidio Varani: i genitori di Luca invocano la pena di morte Il padre e la madre della vittima rompono il silenzio. ‘Impossibile perdonare Prato e Foffo, vogliamo la pena capitale’ - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

16-03-2016

Omicidio Varani: i genitori di Luca invocano la pena di morte

Il padre e la madre della vittima rompono il silenzio. ‘Impossibile perdonare Prato e Foffo, vogliamo la pena capitale’


Responsive image

Hanno aspettato che si calmassero un po’ le acque, che gli inquirenti riuscissero a entrare in possesso del maggior numero di informazioni possibile, che si attenuasse lievemente l’attenzione mediatica su di loro e, soprattutto, hanno avuto bisogno di riordinare le idee e cercare di non affogare in quel mare di dolore dal quale sono stati travolti. Ora, a distanza di giorni dalla morte del figlio, i genitori di Luca Varani, ucciso a sangue freddo da Marco Prato e Manuel Foffo solo “per vedere che effetto fa togliere la vita a una persona”, hanno deciso di rompere il silenzio e invocano giustizia per il figlio, arrivando a chiedere la pena di morte per quelli che loro definiscono “due lucidi assassini”.

 

Parlando con la Stampa, i genitori del 23enne torturato e ucciso in una casa di Roma al termine di un festino a base di droga, alcol e sesso, hanno usato parole molto forti nei confronti di Prato e Foffo, invocando la pena di morte per i due assassini e rispondendo con decisione alla richiesta di un’incontro arrivata direttamente dal padre di Foffo: “Ci vuole incontrare per chiederci perdono? E con quale coraggio si presenterà? Noi non perdoneremo nessuno e non vogliamo vedere nessuno. Anzi, se voi giornalisti volete aiutarci fate una raccolta firme per chiedere la pena di morte nei confronti dei due assassini”. Parole scaturite comprensibilmente dal grande dolore che solo la perdita di un figlio può generare. Un figlio che loro definiscono buono, sensibile e lontanissimo dalle descrizioni di lui che sono state fatte subito dopo la sua morte; un ragazzo che “non ha mai fatto del male a nessuno”.

 

Se dalle bocche dei genitori di Luca sono uscite dichiarazioni molto forti, è stata una zia del ragazzo a cercare di abbassare un po’ i toni, chiedendo però una condanna esemplare per i responsabili di questo efferato delitto: “Se non proprio la pena di morte, quanto meno ci vuole l’ergastolo per quello che hanno fatto a mio nipote. Adesso quei due vogliono passare per pazzi o esauriti e così possono avere uno sconto di pena. E noi qui con il nostro dolore immenso”. Intanto, Valter Foffo, il padre di uno dei due assassini, dopo essersi esposto mediaticamente rilasciando diverse interviste e partecipando anche al programma di Rai Uno Porta a Porta dove ha difeso strenuamente il figlio, lamenta l’atteggiamento ostile e aggressivo che molte persone manifestano nei confronti della sua famiglia, additandola sempre più frequentemente con appellativi come “assassini” e “criminali”. Valter si dice addolorato e chiede di poter incontrare i genitori della vittima per scusarsi ma, al tempo stesso, sembra continuare a voler difendere Manuel, secondo lui quella sera non lucido a causa della massiccia quantità di droga assunta nelle ore immediatamente precedenti l’omicidio di Luca Varani.

 

Intanto, proseguono le indagini degli inquirenti sotto la supervisione del pm Francesco Scavo. Ieri i carabinieri sono entrati in possesso del computer di Marco Prato, e sperano ora, attraverso l’esame che sarà compiuto, di poter entrare in possesso di ulteriori elementi utili per fare chiarezza nelle indagini. La situazione, infatti, al momento è ancora ingarbugliata perché i due ragazzi continuano ad accusarsi a vicenda circa la morte di Varani. Foffo, infatti, che sarà risentito oggi dal magistrato, ha ammesso di aver accoltellato il povero Luca più volte ma ha dichiarato di averlo fatto con l’aiuto e la complicità di Prato. È quest’ultimo ad aver raccontato agli inquirenti che lui non ha mai partecipato attivamente; secondo la sua versione a torturare e uccide Varani è stato proprio Foffo. Sono ancora molti, dunque, i dubbi da sciogliere sul reale ruolo che i due assassini hanno avuto prima, durante e dopo l’uccisione del povero Luca. Nel frattempo, il corpo del ragazzo è stato restituito alla famiglia che, probabilmente domani, potrà celebrare il funerale e salutare l'amato figlio per l’ultima volta. 

di Chiara Ciripicchio
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Attentato a New York. Trump: 'Pena di morte per il killer'
Intanto la maratona di domenica si correrà, ma sarà superblindata

ESTERI | 02-11-2017

Responsive image

Omicidio Varani: Marco Prato si suicida in carcere
Domani si sarebbe tenuta l'udienza del processo

CRONACA | 20-06-2017

Responsive image

Dei delitti e delle pene di morte
La condanna a morte del killer di Charleston riapre la discussione sullo strumento disumano della pena capitale

ESTERI | 11-01-2017

Responsive image

Filippine, il presidente Duterte: "Pena di morte sarà ripristinata"
"Se qualcuno oppone resistenza, il mio ordine è di sparare per uccidere”, ha specificato il neo Presidente

ESTERI | 17-05-2016

Responsive image

Responsive image

Usa: Pfizer vieta l’uso di farmaci letali
In netto calo le esecuzioni nei penitenziari americani per l’embargo sui farmaci imposto da oltre venti produttori di iniezioni letali

ESTERI | 14-05-2016

Responsive image

Manuel Foffo scrive ai genitori di Luca Varani: un milione di euro per risarcirli
Parla il padre di Luca: 'È un denaro maledetto e non lo accetteremo mai'

CRONACA | 21-04-2016

Responsive image

Il killer scrive all'altro killer: la lettera di Pietro Maso a Manuel Foffo
Sull'omicidio Varani, scrive Maso: 'Non posso biasimarti per quello che hai fatto'

CRONACA | 16-04-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia