Venghino siori venghino, il circo dei candidati sindaco a Roma Un diluvio di candidature per il Campidoglio, ma alcune sembrano semplici provocazioni - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

20-03-2016

Venghino siori venghino, il circo dei candidati sindaco a Roma

Un diluvio di candidature per il Campidoglio, ma alcune sembrano semplici provocazioni


Responsive image

Forse il complotto per far vincere il M5s a Roma esiste davvero. Le parole della grillina Paola Taverna avevano fatto sorridere per il tono paranoico utilizzato, ma alla luce degli ultimi accadimenti acquistano una luce diversa, quasi inquietante. La scheda elettorale per le amministrative di Roma si preannuncia infatti ingombra di nomi, alcuni dei quali francamente inaspettati. A fornire la maggior parte del materiale per le discussioni è senz’altro il centrodestra. Oltre al duello in famiglia fra Guido Bertolaso e Giorgia Meloni, e alla candidatura del civico Marchini sostenuto da Ncd, c’è da registrare la presenza di Francesco Storace con la sua Destra. Che tuttavia non è abbastanza destra per Simone Di Stefano, candidato sindaco di Casapound, e Alfredo Iorio, il nome proposto dal redivivo Movimento Sociale Italiano, da Fiamma Nazionale e da Forza Nuova.

 

Come se non bastasse, però, negli ultimi giorni sono spuntati due nuovi possibili candidati nell’area moderata. Il primo è Flavio Tosi, leader del movimento Fare! e sindaco di Verona, da lui definita «la Roma del nord». A spingerlo a immolarsi per il bene della Capitale sarebbero due motivi in particolare: «Ho degli amici romani, anche di una certa rilevanza, che sono rimasti schifati da quello che è successo a proposito delle candidature; e quindi mi hanno detto di provare a pensarci, perché a Roma serve uno che sia in grado di fare il sindaco. E poi anche l’affetto dei romani: per strada mi hanno fermato e incoraggiato, stimano il sottoscritto in quanto riconosciuto capace di fare il sindaco». Gli elettori di centrodestra però avranno un’ulteriore alternativa, il senatore di Forza Italia Antonio Razzi. Sì, avete capito bene, proprio quello imitato da Crozza, l’appassionato estimatore del sistema politico-sociale della Corea del Nord. A chi gli chiede perché mai gli elettori romani dovrebbero votarlo, Razzi risponde così: «A Roma ci sono quasi 500mila abruzzesi residenti, e quando incontro qualcuno di loro per strada, che mi riconosce, mi sento dire: “Ma perché a Roma non ti candidi tu paisa'?”. Io questa Roma la farò funzionare perché vengo da una mentalità diversa, la mentalità del lavoro visto che sono 52 anni che lavoro». E assicura di avere già pronto un formidabile slogan: «So' c… vostri!».

 

Nel centrodestra hanno fatto le cose talmente in grande da riuscire a superare la storica tendenza alla divisione propria del centrosinistra. Di certo, però, neanche gli elettori progressisti si troveranno di fronte a un candidato unico. Il nome di Roberto Giachetti, vincitore delle primarie del Pd, sarà accompagnato sicuramente da quello di almeno un altro candidato riconducibile all’area di centrosinistra. Al momento, il nome in questione è quello di Stefano Fassina, fuoriuscito proprio dal Pd e candidato da Sinistra Italiana. Ma c’è un’altra figura che turba i sonni dei vertici del Partito Democratico, quella dell’ex sindaco defenestrato Ignazio Marino, che sta riflettendo sull’opportunità di scendere o meno di nuovo in campo. Secondo gli ultimi sondaggi, sostenuto anche soltanto dalla propria lista civica, Marino conquisterebbe un lusinghiero 7 per cento, troppo poco per tornare a occupare il Campidoglio, ma quasi sicuramente sufficiente per consumare la propria personale vendetta nei confronti di Matteo Renzi. Magari è a causa della candidatura alle Olimpiadi del 2024, ma in effetti a Roma si respira un clima decoubertiniano: nessuno vuole vincere, ma tutti vogliono partecipare.

di Andrea Piccoli
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Airbag difettosi, Mercedes ritira 400mila auto dal commercio
Il portavoce della casa automobilistica tedesca alla BBC rassicura: 'Contatteremo i clienti con le auto a rischio'

CRONACA | 16-10-2017

Responsive image

Piano partecipate di Roma. Marino: ‘Raggi mi ha copiato il progetto’
Lo sfogo arriva dal suo profilo Facebook

POLITICA | 23-09-2017

Responsive image

Ricordando Malagrotta. Ignazio Marino: 'Roma è facile da governare'
L'ex sindaco ricorda il successo della chiusura della discarica di Malagrotta, e da qui riflette sulle condizioni della Capitale

POLITICA | 16-07-2017

Responsive image

Ignazio Marino, il Pd, il M5s e la mafia: storie di querele per diffamazione
L'ex sindaco di Roma è stato rinviato a giudizio e sarà chiamato a difendersi il 24 gennaio 2018

POLITICA | 26-01-2017

Responsive image

Responsive image

Caso scontrini, Ignazio Marino assolto: ‘Sapevo di essere innocente’
L’ex sindaco di Roma era stato accusato di truffa, peculato e falso

POLITICA | 07-10-2016

Responsive image

Ignazio Marino: chiesti 3 anni di carcere e 600mila euro di risarcimento per lo scandalo degli scontrini
L’ex sindaco avrebbe pagato cene non istituzionali per l’ammontare di 13mila euro circa

POLITICA | 29-09-2016

Responsive image

Mal d’auto? 5 mosse per sconfiggerlo
Le partenze estive in macchina sono per molti una sofferenza, ecco i consigli per rendere il viaggio meno traumatico

SALUTE | 21-07-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia