Madre di Satana: l’esplosivo che si tramanda tra i terroristi islamici L’esplosivo si basa su una combinazione di acetone e detergenti - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

22-03-2016

Madre di Satana: l’esplosivo che si tramanda tra i terroristi islamici

L’esplosivo si basa su una combinazione di acetone e detergenti


Responsive image

A quanto pare per l’Isis non è necessario disporre di un arsenale munito di ogni sorta di esplosivo o arma di distruzione di massa per piegare un intero continente, dato che - come abbiamo visto oggi e come abbiamo potuto constatare il giorno degli attacchi al centro di Parigi - basta veramente poco per provocare una deflagrazione in grado di sterminare centinaia di persone. E dire che non stiamo parlando di grandi menti, eppure questi diavoli armati di kalashnikov sono in grado di gettare nel terrore il mondo intero armati solamente di acetone e detergenti. Un’arma da casalinghe, si potrebbe pensare, al quale è stato affibbiato il nome di “Madre di Satana”.

 

L’ordigno (chiamato anche con la sigla Tapt) si basa sulla combinazione di acetone e detergenti che insieme formano il perossido di acetone, un potente esplosivo primario che si presenta sotto forma di cristalli in polvere e non presenta odore, anche per questo è praticamente impossibile da individuare. È inoltre difficile e pericoloso da maneggiare poiché presenta una grande sensibilità agli urti e al calore e per questo vanta un potenziale esplosivo superiore a quello della dinamite dell’80%. Per creare la “Madre di Satana” basta solo unire acido solforico, cloridrico o muriatico, acqua ossigenata (che funge da perossido di idrogeno), bicarbonato e acetone per unghie. Non essendo ingombrante e non emanando alcun odore, è facilmente occultabile negli indumenti o nelle lattine.

 

il Tapt non è nuovo all’interno dei gruppi terroristi islamici. Questo esplosivo rimpiazzava, infatti, quelli più ortodossi ma molto più difficili da reperire come il Tnt, ossia il trinitrotoluene cioè il tritolo. Uno dei suoi estimatori è stato Yahya Ayyash, combattente e costruttore di bombe tra le fila di Hamas, che spesso ha usato questo tipo di ordigno in attentati terroristici contro gli israeliani che provocarono centinaia di morti.        

di Clara Pellegrino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Sventato presunto attentato Isis a Firenze. Anonymous prende le distanze da queste dichiarazioni
Le dichiarazioni del 'membro x' non sono in linea con il modus operandi di Anonymous, lo afferma nel comunicato pubblicato nella pagina Facebook

CRONACA | 04-01-2016

Responsive image

Isis: allarme attentati terroristici nelle capitali europee
Una nota inviata dall’Intelligence di un Paese amico allerta tutta Europa sulla concreta possibilità di attentati tra Natale e Capodanno. Non si specifica luogo e ora ma viene fornito un elenco coi nomi di potenziali attentatori

ESTERI | 27-12-2015

Responsive image

San Pietro, Duomo di Milano e Teatro Scala a rischio attentati Isis secondo l’FBI
Le informazioni sono contenute in un documento inviato all’Italia che contiene anche cinque nominativi su cui indagare. Intanto l’ambasciata Usa da disposizioni di sicurezza ai suoi cittadini in Italia.

CRONACA | 19-11-2015



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia