Expo Milano: informazione giornalistica comprata? Nuove ipotesi di irregolarità Secondo un'inchiesta di uno dei maggiori quotidiani nazionali, il Fatto Quotidiano, sarebbero stati regalati circa 50 milioni di euro alle più importanti testate dello stivale per sponsorizzare l'evento - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

27-03-2015

Expo Milano: informazione giornalistica comprata? Nuove ipotesi di irregolarità

Secondo un'inchiesta di uno dei maggiori quotidiani nazionali, il Fatto Quotidiano, sarebbero stati regalati circa 50 milioni di euro alle più importanti testate dello stivale per sponsorizzare l'evento


Responsive image

Sembra proprio che l'armadio all'interno del quale vengono tenuti gli scheletri di Expo 2015 sia esageratamente grande, forse a quattro ante. Infatti oggi escono nuove, scottanti, rivelazioni sull'evento internazionale che sta per essere inaugurato a Milano, riportate da il Fatto Quotidiano, secondo cui le principali testate editoriali italiane sono state pagate fior di quattrini per tacere su tutti gli inquietanti retroscena dell'evento. Sul sito del giornale si legge: “Pioggia di 50 milioni di euro da Milano 2015 a tv, stampa ed editori per promuovere l’evento ed evitare notizie sgradite: 5 milioni alla Rai e 1,8 a Feltrinelli, 850 mila euro a Mondadori, 900 mila a Repubblica, 990 mila a Rcs. Risultato: titoli entusiastici, inserti-spot e nessuna critica”.

 

Ed è forse proprio questo giornalismo “comprato”, è il caso di dirlo, il motivo per la quale nella classifica sulla libertà di stampa l'Italia si colloca al 73° posto (maggiori informazioni qui: http://www.pontilenews.it/articolo.php?ID=236&cat=), in barba a tutti i redattori intellettualmente onesti che cercano di svolgere serenamente e correttamente il loro mestiere.

 

Insomma, dopo gli appalti, il caso sponsor e il bando per il “camouflage” (maggiori informazioni qui: http://www.pontilenews.it/articolo.php?ID=333&cat=POLITICA) ora spunta fuori anche la compravendita dell'informazione per non far sfigurare l'Expo davanti al mondo intero. Forse sarebbe bene fare in fretta a dare il via all'evento prima che anche gli ultimi, coraggiosi, visitatori decidano di boicottare la manifestazione.

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Ostia, Fi: ‘Fatto Quotidiano cattivo informatore: il centrodestra non è appoggiato dai neofascisti’
Masi: ‘Picca non ha nulla a che fare con l’estremismo, ha affrontato questa campagna elettorale con l’appoggio delle forze moderate e liberali’

MUNICIPIO POLITICA | 16-11-2017

Responsive image

Caso Consip, Renzi: «Lasciate in pace mia nonna»
Dopo gli ultimi sviluppi sull'inchiesta che vede coinvolto papà Tiziano, l’ex premier si sfoga sui social network

POLITICA | 17-05-2017

Responsive image

Coca Cola, da insetticida a disinfettante per la gola: ecco gli usi più stravaganti
In cucina, ma anche in giardino, è alleata infallibile nella vita di tutti i giorni

SCIENZE E TECNOLOGIA | 20-03-2017

Responsive image

Il ministro Luca Lotti indagato. Un’altra bufera si abbatte sul governo Gentiloni
A sollevare il polverone sul ministro dello Sport è Il Fatto Quotidiano

POLITICA | 24-12-2016

Responsive image

Responsive image

Satira: che piaccia o no, non si farà mai castigare
È polemica sulla vignetta satirica di Riccardo Mannelli che ritrae la ministra Maria Elena Boschi

POLITICA | 12-08-2016

Responsive image

Undici arresti Expo: quando la mafia ci mette lo zampino
Le accuse: associazione a delinquere finalizzata a favorire gli interessi di Cosa Nostra

CRONACA | 07-07-2016

Responsive image

I padiglioni di Expo 2015. Fine o nuovo inizio?
Dal 1° novembre si è partiti con la chiusura di Expo Milano 2015 e lo smontaggio delle strutture, con la loro nuova destinazione e riqualificazione

CULTURA | 04-11-2015



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia