Texas, eseguita pena capitale: l'uomo uccise un dodicenne Le 'voci' ordinarono all'uomo di uccidere il giovane e di berne il sangue - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

07-04-2016

Texas, eseguita pena capitale: l'uomo uccise un dodicenne

Le 'voci' ordinarono all'uomo di uccidere il giovane e di berne il sangue


Responsive image

È stata eseguita in Texas con un'iniezione letale la condanna a morte di Pablo Vasquez. L'uomo, 38enne e di origine ispanica, era stato condannato a morte per aver ucciso, circa venti anni fa, David Cardenas. Un omicidio che, all'epoca dei fatti, fece molto scalpore per la sua efferatezza e perché la vittima aveva appena dodici anni. Era l'alba del 18 aprile 1998. David Cardenas, Vasquez e suo cugino Andy Chapa erano stati a una festa a Donna, sul confine meridionale del Texas. Vasquez, come lui stesso raccontò agli inquirenti dopo l'arresto, aveva abusato di droghe e alcol. Nella sua mente annebbiata cominciarono a farsi spazio "voci" sempre più insistenti che lo spinsero a uccidere Cardenas.

 

Il giovane fu aggredito alle spalle e con un pezzo di tubo gli venne tagliata la gola. Era ancora in vita quando Vasquez, spinto sempre dalle "voci", ha bevuto il suo sangue. A mettere fine all'agonia del dodicenne fu il cugino di Vasquez, con la stessa pala con cui gli scavò la fossa per nasconderlo. Non prima però di oltraggiarne ulteriormente il cadavere, a cui fu tagliato malamente un braccio e un piede con l'intento di squartarlo. Il corpo di Cardenas fu rinvenuto dalla polizia 4 giorni dopo. Una segnalazione anonima portò gli inquirenti dritti a Vasquez, che nel frattempo era fuggito a Houston, e a suo cugino. "Il diavolo mi diceva di farlo" dichiarò Vasquez che fu condannato a morte. Il cugino, invece, che all'epoca dei fatti era minorenne, fu condannato a 35 anni di carcere.

 

La condanna è stata eseguita nel carcere di Huntsville dov'era detenuto, dopo che la Corte Suprema aveva respinto un appello dell'ultima ora in cui gli avvocati sostenevano che l'omicida non avesse ricevuto un giusto processo. Vasquez, a cui è stata fatta un'iniezione letale, è stato dichiarato morto alle 18,35. Le ultime parole sono state: "Mi dispiace per la famiglia di David. Questo è l'unico modo per perdonarmi. Ecco la vostra giustizia". Si tratta della sesta esecuzione in Texas dall’inizio dell’anno, l’undicesima in tutti gli Stati Uniti.

di Stefania D'Agostino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Sparatoria in Texas. Ecco chi è l’uomo che ha ucciso 26 persone in una chiesa
Le vittime hanno dai 5 ai 72 anni

ESTERI | 06-11-2017

Responsive image

Dei delitti e delle pene di morte
La condanna a morte del killer di Charleston riapre la discussione sullo strumento disumano della pena capitale

ESTERI | 11-01-2017


Responsive image

Texas: la Corte suprema degli Usa boccia la legge che limita l’aborto
Cinque giudici su tre l’hanno dichiarata incostituzionale

ESTERI | 28-06-2016

Responsive image

Responsive image

Texas, sparatoria in un negozio Walmart. Presi ostaggi
L’allarme è stato diffuso dall’account twitter della municipalità di Amarillo

ESTERI | 14-06-2016

Responsive image

Texas: sparatoria in una base militare. Due i morti
L’episodio ieri pomeriggio alla Joint Base San Antonio Lackland Air. Per gli inquirenti si tratterebbe di omicidio-suicidio

ESTERI | 09-04-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia