California, rabbia e violenza accolgono Trump. Una folla di manifestati grida 'Stop Hate' Trump doveva prendere parte alla convention dei repubblicani della California, ma fatica a raggiungere l'entrata dell'hotel dove la convention aveva sede - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

30-04-2016

California, rabbia e violenza accolgono Trump. Una folla di manifestati grida 'Stop Hate'

Trump doveva prendere parte alla convention dei repubblicani della California, ma fatica a raggiungere l'entrata dell'hotel dove la convention aveva sede


Responsive image

Una folla urlante e violenta, che brandiva striscioni d'insulti e denuncia, ha accolto Donald Trump al suo arrivo in California. Il candidato repubblicano in corsa per la Casa Bianca ha faticato a raggiungere il suo hotel, sede della Convention dei repubblicani della California, a Burlingame, alla quale doveva prendere parte. La situazione si è fatta violenta in fretta, tramutandosi in uno scontro tra polizia e manifestanti mentre Trump, aggirata la folla che bloccava l'ingresso, riesce a raggiungere l'hotel attraverso una entrata secondaria sul retro.    

 

Le proteste, durante le quali sono stati bruciati una bandiera americana e dei fantocci raffiguranti il miliardario newyorkese, sono proseguite all'interno dell'hotel, l'Hyatt Regency, dove alcuni manifestanti avevano prenotato delle camere. Ed è dalle finestre di queste che vengono srotolati gli striscioni contenenti la benzina della protesta: "Stop Hate". Al termine degli scontri, la polizia ha arrestato 5 manifestanti. Nulla di nuovo all'orizzonte per Trump: tra picchi di gradimento che si tramutano in alto numero di consensi e violente battute d'arresto, il candidato repubblicano continua a far parlare di sé. Le sue idee, bizzarre e improntate alla più retrograda -a tratti comica- forma di razzismo, ne hanno paradossalmente sancito il successo. Un successo che è uno scherzo: il fantoccio Trump inizia a dar fastidio, e se negli scontri televisivi con gli altri candidati riesce ad avere la meglio (tra lo sbigottimento generale), il mondo lo guarda con sospetto. "Trump è una minaccia globale come l'Isis", scrive l'Economist. La California prende in parola il settimanale londinese e prova, a suo modo, a distruggere gli effetti di questo tornado.

di Serena Gazzaneo
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Elezione Trump: partono gli arresti agli oppositori
In migliaia a protestare contro l’elezione di Donald Trump a presidente, mentre Hilary Clinton accusa l’Fbi

ESTERI | 13-11-2016

Responsive image


CULTURA

Responsive image

Roma: arriva il salone dedicato ai corsi di lingua: Language Expo

Fiera specializzata in viaggi studio all’estero



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Scontri Liverpool. Il ritorno Roma-Liverpool fa paura: se si ripetessero gli episodi di 34 anni fa?

Gravissime le condizioni del tifoso inglese rimasto ferito negli scontri di mercoledì

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia


Responsive image