Primarie Usa: Trump stravince, Cruz si ritira, Sanders batte la Clinton Per Trump la nomination è ormai a un passo, ma anche la Clinton per i democratici continua a essere superfavorita - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

04-05-2016

Primarie Usa: Trump stravince, Cruz si ritira, Sanders batte la Clinton

Per Trump la nomination è ormai a un passo, ma anche la Clinton per i democratici continua a essere superfavorita


Responsive image
La dirompente corsa di Trump alla nomination repubblicana per la Casa Bianca sembra ormai non conoscere più ostacoli. Con la vittoria di ieri in Indiana, non solo il tycoon si avvicina implacabilmente alla soglia dei 1237 delegati necessari alla candidatura, ma resta anche senza rivali all'interno del suo stesso partito. Ted Cruz, infatti, che pensava di poter colmare il divario, sottraendo elettori a Trump proprio nell'Indiana, ha annunciato il ritiro dalla corsa; mentre il governatore dell'Ohio, John Kasich, è troppo lontano per costituire una seria minaccia alla marcia trionfale del multimiliardario. Con la vittoria di ieri, infatti, Trump, che già vantava 996 delegati, ne ha aggiunti almeno 51, raggiungendo una soglia troppo alta per permettere a Cruz fermo a 565 e a Kasich con 153 di riprendere seriamente il discorso.
 
Bruciante la sconfitta di Ted Cruz che sull'Indiana, disponendo di una base politica importante, aveva puntato tutto. Forte dei consensi e di un'inedita alleanza di partito con Kasich, che sull'Indiana non si presentava per fargli confluire i suoi voti, aveva annunciato che se avesse perso si sarebbe ritirato dalla corsa. Così è stato, nonostante abbia messo in campo un impegno elettorale non indifferente, per il quale si è avvalso dell'aiuto di centinaia di volontari che hanno battuto a tappeto il territorio. L'appuntamento con la sconfitta è stato dunque pesantissimo. Dal canto suo Trump, dall'alto della sua "torre" newyorchese, ha festeggiato la vittoria concedendo ineditamente l'onore delle armi al sempre sbeffeggiato avversario. “Un magnifico rivale” lo ha definito, seppellendo mesi di insulti reciproci arrivati anche nelle aule dei tribunali, e con grande "umanità" ha aggiunto di sapere “che cosa significa essere sbattuto così a terra da una sconfitta”. Trump, dopo il generale Dwight D. Eisenhower, si appresta quindi a diventare il primo candidato repubblicano in un’elezione che non ha mai rivestito in precedenza un incarico pubblico.
 
Sul versante democratico, invece, si registra la vittoria di Bernie Sanders, che ha conquistato il 52,5 per cento dei consensi, contro il 47,5 ottenuto da Hillary Clinton. “Siamo in questa campagna per vincere e combatteremo sino all’ultimo voto – ha annunciato Sanders - Non c’è nulla che desideri di più che combattere e vincere contro Trump, uno che non può diventare presidente di questo Paese”. La vittoria in Indiana, che non giunge del tutto inattesa, potrebbe anticipare altri risultati positivi attesi in Stati a larga maggioranza bianca, come la West Virginia e l’Oregon. E sarebbero vittorie pesantissime prima del duello finale in California, che metterà in palio la posta più alta di tutta la campagna: ben 546 delegati. Da parte sua, la Clinton non ha battuto ciglio davanti alla sconfitta. Forte dei sondaggi e soprattutto dei numeri, che prima della sconfitta in Indiana le davano già un vantaggio su Sanders di 300 delegati, continua a essere la super favorita per la corsa alla Casa Bianca. Ieri sera, dopo aver appreso i risultati, si è rivolta ai suoi elettori e ha chiesto loro di: "partecipare alla nostra corsa, se non volete che Trump diventi presidente". Su Sanders stavolta neanche una parola.
di Stefania D'Agostino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

L'età del caos. Viaggio nell'America di Donald Trump
Dal 29 al 30 gennaio uno spettacolo di giornalismo al teatro Vittoria di Roma

CULTURA | 22-01-2018

Responsive image

Usa, dopo Weinstein è il turno di Trump: il presidente indagato per molestie sessuali
«Quando sei una star, le donne te lo lasciano fare». Lo aveva dichiarato il tycoon nel 2005

ESTERI | 16-10-2017

Responsive image

Donald Trump:«You’re fired». Tutti gli uomini (licenziati) dal presidente
Da Anthony Scaramucci, passando per Sally Yates, fino a James Comey

ESTERI | 01-08-2017

Responsive image

#Covfefe, Donald Trump svela la password per il lancio nucleare?
Un refuso sul profilo Twitter del presidente scatena la fantasia della community

ESTERI | 31-05-2017

Responsive image

Responsive image

Trump e la 'Bestia': il presidente arriva a Roma con il suo mezzo speciale
La Capitale sarà blindata per 24 ore da martedì 23 maggio

POLITICA | 22-05-2017

Responsive image

Trump, il muro con il Messico è rimandato ma ‘si farà’
Divisioni in seno al Congresso allungano i tempi. Ma il presidente americano non si arrende

ESTERI | 26-04-2017

Responsive image

Tutti contro The Donald: Starbucks, Google, Facebook e Apple boicottano Trump
Starbucks risponde al decreto anti-immigrazione con l’assunzione di 10 mila immigrati

ESTERI | 30-01-2017



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia