Strage di Capaci. Perché Falcone doveva morire? Era il 23 maggio del 1992: il giudice siciliano veniva ucciso dalla mafia con mille kg di tritolo - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

23-05-2016

Strage di Capaci. Perché Falcone doveva morire?

Era il 23 maggio del 1992: il giudice siciliano veniva ucciso dalla mafia con mille kg di tritolo


Responsive image

Ci sono uomini che sono la Storia. Era il 23 maggio del 1992. Sull'autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci, nel territorio comunale di Isola delle Femmine, a pochi chilometri da Palermo, il giudice siciliano Giovanni Falcone, di rientro da Roma, veniva ucciso dalla mafia con mille kg di tritolo insieme alla moglie Francesca Morvillo e ai tre uomini della scorta: Vito Schifani, Antonio Montinaro e Rocco Dicillo. Quattro i sopravvissuti: gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo e Gaspare Cervello e l'autista giudiziario Giuseppe Costanza. È il giorno della strage di Capaci.

 

Durante il suo operato Falcone aprì un vero e proprio vaso di Pandora. Membro del famoso “pool antimafia” ideato dal giudice Rocco Chinnici (assassinato nel 1983), una squadra di magistrati alla quale si unì anche Paolo Borsellino, Falcone fu uno degli uomini in prima linea nella lotta contro la mafia. Nelle sue indagini il magistrato raccolse importanti testimonianze (grazie soprattutto alle deposizioni del pentito mafioso Tommaso Buscetta) sull’organizzazione e sui componenti della “cupola”, ovvero i vertici di Cosa nostra; dove figuravano i nomi di pericolosi boss mafiosi come Totò Riina e Bernardo Provenzano. Ma in realtà i nemici di Falcone non dimoravano soltanto dentro le cosche. Erano forse soprattutto tra i suoi colleghi, a Palermo e a Roma.

 

In un certo senso l'omicidio di Falcone rappresenta uno dei grandi misteri della storia italiana, analogo al rapimento Moro, confluito nel grande e grosso buco nero in cui sembrano convogliare tutte le verità nascoste di questo paese. Ricordiamo che qualche mese dopo la strage di Capaci, il 19 luglio a Palermo, in via D’Amelio, un’autobomba uccise il magistrato Borsellino e i cinque agenti di scorta. Insomma, la parola fine sulla strage di Capaci non è mai arrivata, anche se nel 2008 la Cassazione confermò tutte le condanne per i boss che, insieme a Totò Riina, avevano ordinato le due stragi. Delle dodici condanne, dieci ergastoli: Salvatore Montalto, Giuseppe Farinella, Salvatore Buscemi, Giuseppe Madonia, Giuseppe Montalto, Carlo Greco, Pietro Aglieri, Benedetto Santapaola, Mariano Agate e Benedetto Spera.

 

In fondo, quel pomeriggio a Capaci, Giovanni Falcone beffò i suoi nemici, la mafia che gli tolse la vita, lasciando quel messaggio che ancora oggi sopravvive e che sancisce la sua vittoria, quella delle idee. «Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini».

di Giulia Bordini
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Palermo, scuola Giovanni Falcone: uccello decapitato all'ingresso. Intimidazione?
E' il secondo episodio di questo tipo nell'istituto del quartiere Zen: tre giorni fa decapitata statua dedicata al magistrato

CRONACA | 13-07-2017

Responsive image

Palermo. 'Vigliacchi' decapitano statua di Giovanni Falcone
Così definisce i vandali il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni

CRONACA | 10-07-2017

Responsive image

Strage di Capaci, 25 anni dopo. Insieme si può fare di più
25 anni fa Giovanni Falcone veniva assassinato da Cosa Nostra. Tante iniziative oggi in Italia

CULTURA | 23-05-2017

Responsive image

Anche Ostia ricorda la strage di Capaci
Una cerimonia in memoria del giudice Giovanni Falcone e della sua scorta

MUNICIPIO EVENTI | 22-05-2017

Responsive image

Responsive image

Mafia. In mostra a Fiumicino 150 scatti su Borsellino e Falcone
Curata dall’Ansa, Miur e Associazione nazionale magistrati, la mostra rimarrà esposta fino al 26 aprile

MUNICIPIO EVENTI | 20-04-2017

Responsive image

Processo Borsellino Quater, Totò Riina ricoverato per crisi respiratoria: non potrà deporre
Il capo dei capi non potrà essere interrogato per i fatti della strage di via D’Amelio, compiuta per uccidere il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta

CRONACA | 15-12-2015

Responsive image

Paolo Borsellino: il giudice ucciso dalla mafia 23 anni fa
Tra i lati oscuri nelle indagini sulla sua morte e nonostante le recenti presunte (e amare) affermazioni sulla figlia Lucia, la lotta di Paolo Borsellino contro la mafia semina in noi il dovere morale di continuare a lottare

POLITICA | 19-07-2015



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia