'L'uomo su Marte nel 2024' L'annuncio di Elon Musk, fondatore dell'azienda spaziale SpaceX - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SCIENZE E TECNOLOGIA

 

03-06-2016

'L'uomo su Marte nel 2024'

L'annuncio di Elon Musk, fondatore dell'azienda spaziale SpaceX


Responsive image

Che l'azienda spaziale SpaceX fosse pronta a conquistare Marte era noto: la società fondata da Elon Musk aveva infatti annunciato con un tweet l'invio della navicella Red Dragon sul pianeta rosso entro il 2018. Impresa non da poco, considerate le distanze e la difficoltà dell'atterraggio sullo scosceso suolo marziano, ma che vedrà SpaceX collaborare con la Nasa, che su Marte conta di far atterrare un equipaggio umano intorno al 2030. Con il rischio di arrivare tardi e trovarci già qualcuno, anche ben stanziato. Già, perché Elon Musk stavolta si è spinto davvero oltre.

 

Intervenendo nel corso del Code Conference di Los Angeles, infatti, l'imprenditore nato in Sudafrica ha fissato al 2024 (con arrivo nel 2025) la partenza del primo equipaggio umano alla volta del pianeta rosso. Un traguardo che passa proprio per le missioni che cominceranno nel 2018: con Red Dragon, infatti, SpaceX conta di raccogliere quanti più dati possibile al fine di studiare la biologia di Marte e le possibilità di vita sulla sua superficie. Il passo successivo, come detto, è il lancio del primo equipaggio umano, che dovrebbe mettere piede su Marte, secondo Musk, nel 2025, dopo un viaggio di circa un anno a bordo del Dragon V2, la versione da trasporto del Dragon, altamente tecnologica, capace di ospitare fino a 7 persone e spinta da 8 motori SuperDraco, fabbricati tramite stampa 3D in metallo.

 

Ciò che aspetta l'uomo su Marte è ovviamente ancora da stabilire, con le probabili ed inevitabili difficoltà legate non solo all'atterraggio, ma anche ai passaggi successivi, dall'esplorazione all'eventuale colonizzazione del pianeta rosso. In ogni caso, come dichiarato da Musk, i piani di SpaceX saranno rivelati in modo più dettagliato tra qualche mese. Ciò che è certo è invece di essere di fronte ad una nuova corsa allo spazio, dopo quella iniziata negli anni '60 tra Usa e Urss, il cui traguardo più prossimo è proprio Marte. Una corsa che oggi vede “competere” non solo le agenzie spaziali governative (dalla Nasa all'Esa, passando per quella cinese, che prepara l'invio di un rover su Marte), ma anche aziende private come SpaceX, che potrebbero accelerare l'esplorazione dello spazio e permettere un altro “grande balzo per l'umanità”.

di Flavio Del Fante
 





Responsive image
Responsive image


CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia