Ballottaggio Roma, Rutelli: "Questa rabbia che abbiamo" L'ex sindaco, ormai in giro per l'Europa, tra i ricordi della sua amministrazione, l'amore per il Tevere e i progetti del presente - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

17-06-2016

Ballottaggio Roma, Rutelli: "Questa rabbia che abbiamo"

L'ex sindaco, ormai in giro per l'Europa, tra i ricordi della sua amministrazione, l'amore per il Tevere e i progetti del presente


Responsive image

Incontriamo l’ex sindaco di Roma Francesco Rutelli sulle sponde del Tevere, vicino all’Isola Tiberina. Guarda incantato il “suo” fiume, che vede meno spesso da quando è sempre in giro per l’Europa come copresidente del Pde. “Er Tevere non saresse er Tevere, se la nera nun je desse da bevere”, borbotta.
Come?
“E certo. Sono detti romani, affondano le loro radici in quello che la gente ha sempre visto: un fiume bello, incantevole, ma sporco. L’Europa ha anche altri fiumi da prendere a modello di come una buona politica può e deve rivalutarli: il Tamigi, la Senna…”
Sindaco, ma il Tevere e il Tamigi hanno molto in comune?
“Il Tamigi è navigabile a tutti gli effetti, e il Tevere fino a non troppo tempo fa era anche balneabile. Certo, geologicamente è differente dal Tamigi, perché ha un regime idrologico meno costante. Ma i grandi fiumi delle capitali europee ora saranno tutti rivalutati, e il nostro non deve certo essere da meno. Se lo immagina cosa potrebbe fare, invece, una cattiva amministrazione, dopo il periodo già traumatico che ha avuto Roma di recente?”
Stiamo parlando di Marino?
“Ma no, lasciamo perdere. Quello che è necessario ora è guardare avanti senza polemizzare sul passato, che ci porta solo a rimuginare in modo negativo senza fare niente.”
Però la gente non ha più fiducia nel suo partito, almeno in Italia.
“Certo, le persone sono molto arrabbiate, d’altronde chi non lo è? A questo è dovuto il successo di idee vuote di contenuto che sembrano alternative, anche a Roma, e specialmente dopo questo periodo di grave crisi”.
Parliamo della rabbia?
“La rabbia è un sentimento che tutti abbiamo e che ognuno decide di incanalare come può e come ritiene opportuno. C’è chi ci lavora sopra, chi la elabora. E c’è chi la esprime in modi fini a se stessi, come nel caso della rabbia che si sfoga nei cinque minuti passati in cabina elettorale, che si esaurisce tutta lì. Cinque minuti, per poi passare cinque anni a pentirsene.”
Capito, stiamo parlando del Movimento 5 Stelle. E Giachetti, invece?
Giachetti è stato il mio capo di Gabinetto quando ero sindaco, vogliamo mettere? Quanta esperienza ha? Quanto conosce le problematiche della città? Quanto ama Roma? Moltissimo. Io lo voto perché ha il pregio di esser sostenuto da persone perbene. Non per dire, adesso, ma quando io ero sindaco abbiamo affrontato il Giubileo del 2000, e di 780 cantieri non ne è rimasto uno incompiuto, hanno tutti portato a termine il progetto senza un avviso di garanzia e senza una vittima sul lavoro. Ecco, e Giachetti lo conosco benissimo perché c’era, così come lui conosce come si lavora. Il fatto è proprio questo: occorre una persona capace, e onesta. Quando uno è capace ma disonesto, gli effetti sono traumatici come quando si elegge un incapace onesto. Mi spiego?”
Come no: Alemanno e Marino?
“Ancora. No-oo, non voglio puntare il dito, le intenzioni ora non sono e non devono essere polemiche, ma piuttosto c’è da rimboccarsi le maniche. Come fanno in Europa. Di recente mi sono trovato a confrontarmi con la sindaca di Parigi (Anne Hidalgo, n.d.r.), che mi stava dicendo che renderà la Senna balneabile. Veramente, io le ho risposto che poteva renderla balneabile quanto voleva, ma che io il bagno non me lo farò mai perché ho freddo, sono troppo freddoloso anche per il litorale romano.” (Ride).
E un progetto simile anche a Roma, come lo vede?
“Benissimo. Può e deve essere non solo salvato ma completamente rivalutato, il Tevere. Ha delle potenzialità eccezionali, tuttora si vedono le papere che nuotano qui nella zona intorno all’Isola Tiberina. E poi i suoi muraglioni, l’assetto idraulico curato dall’ingegnere ottocentesco Raffaele Canevari… c’è tanta materia su cui lavorare e da far scoprire sia ai romani che ai turisti. Il Tevere, rivalutato, è cultura e turismo, e offre delle opportunità incredibili.”

Quanto incredibili, sindaco?
“Se si rivaluta il territorio sono infinite le possibilità che offre Roma, anche per il lavoro. Mi viene in mente il campo vastissimo, e ancora trascurato dalle nostre parti, del turismo high-end: bisognerebbe affiancare il turismo di fascia alta a quello popolare, caratteristico, che sempre ci sarà. Mi viene in mete che ho scoperto che ci sono americani disposti a pagare 145 euro al giorno per imparare a fare l’Amatriciana. Quando vedo persone che si rivalutano e che ne ricevono l’opportunità… Alcune associazioni hanno avuto quest’idea: danno appuntamento ai turisti a Campo de’ Fiori, e li portano a fare un corso base di cucina italiana, insegnando le nostre ricette più tipiche, più popolari. I turisti pagano 145 euro a persona per imparare a cucinare due spaghetti, e sono contenti. Avoja, a cose da fa’.” 

di Sandra Korshenrich
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Trastevere: viaggio nel cuore di Roma, tra vita e spazzatura
Fotografia del rione più caratteristico della Capitale

CRONACA | 13-06-2017

Responsive image

Cinema gratis nel cuore di Trastevere: tornano i ragazzi del Cinema America
Dal 1 giugno al 1 agosto in piazza San Cosimato. Quest'anno le sedute raddoppiano

CULTURA | 30-05-2017

Responsive image

Roma, torna la Ztl notturna in versione estiva a Trastevere e San Lorenzo
Nel mese di agosto tutte le Ztl, come di consueto, saranno sospese

CRONACA | 03-05-2017

Responsive image

Ostia, Pedalata Mare Tevere 2017: la grande bellezza in bici
Il 30 aprile un tour alla scoperta del X municipio

MUNICIPIO EVENTI | 19-04-2017

Responsive image

Responsive image

Capodanno, un tuffo per Debora e Aurora
Maurizio Palmulli dedicherà il tuffo nel Tevere di Roma alle vittime del crollo della palazzina di Acilia

MUNICIPIO EVENTI | 31-12-2016

Responsive image

Giachetti vs Raggi dopo l'arresto di Marra: «Gridare onestà non è sufficiente»
L'ex candidato a sindaco di Roma fa un bilancio politico del governo pentastellato

POLITICA | 16-12-2016

Responsive image

Ostia Antica, recuperato il cadavere dell'uomo disperso nel Tevere
Non si esclude la pista del suicidio

MUNICIPIO CRONACA | 01-11-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia