Il giallo di Caserta è risolto: freddato davanti al nipotino Per l'omicidio sono tre gli indagati; al centro del fatto vi è la mafia - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

28-06-2016

Il giallo di Caserta è risolto: freddato davanti al nipotino

Per l'omicidio sono tre gli indagati; al centro del fatto vi è la mafia


Responsive image

Un efferato delitto consumatosi di fronte a un testimone oculare, ovvero il nipotino della vittima, un bambino di soli otto anni: è il giallo di Caserta per il quale sono stati necessari sedici lunghi anni per arrivare a una soluzione finale. Oggi, gli assassini di Antonio Bamundo, proprietario di un distributore di carburante, hanno un’identità. L’omicidio di Caserta è avvolto nell’ombra della mafia.

 

Facciamo un salto indietro nel tempo, fino ad arrivare a sedici anni fa. Antonio Bamundo ha quarantacinque anni e gestisce un distributore di carburante. Si trova proprio qui nel giorno della sua morte quando, senza alcuno scrupolo, viene freddato da due uomini. Questi ultimi si recano nel distributore di Bamundo per mettere di benzina. Sembrano clienti abituali ma, dopo aver fatto rifornimento di carburante, senza alcuna pietà, freddano Bamundo con svariati colpi d’arma da fuoco. Tutto ciò avviene di fronte agli occhi del nipotino della vittima: il testimone oculare dell’omicidio consumatosi su una strada provinciale nei pressi di Casapesenna e San Marcellino.

 

Il giallo di Caserta, per sedici lunghi anni, non è giunto a una soluzione finale. Oggi, si è appreso di una svolta nel caso: sono tre gli indagati per i quali è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare. La mafia è stata al centro dei fatti. Se Antonio Bamundo, la vittima, è stata ricondotta al clan camorristico di Vincenzo Zagaria, i tre indagati, accusati anche di detenzione illegale di armi,  sarebbero appartenuti al clan dei Casalesi. Metodo mafioso: nell’omicidio di Caserta è confluita anche questa aggravante. Tutto farebbe pensare a un regolamento di conti.

di Giulia Morici
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Operazione antimafia ad Acilia. Maxi sequestro di beni in tutta la Capitale
L’operazione ‘Game Over’ è partita dopo le indagini effettuate nei confronti del gruppo Guarnera e del gruppo Iovine

MUNICIPIO CRONACA | 16-02-2018

Responsive image

Ostia. Roberto Spada resta in carcere. La Cassazione conferma il metodo mafioso
Nei confronti di Spada è stata emessa un’altra misura cautelare

MUNICIPIO CRONACA | 09-02-2018

Responsive image

Ostia, al liceo statale Antonio Labriola un incontro per 'educare alla legalità'
L'appuntamento è per questo pomeriggio

MUNICIPIO CRONACA | 29-01-2018

Responsive image

Banda della Magliana, capitolo non ancora chiuso: arrestato il nuovo boss
Preso dopo una lunga latitanza Fausto Pellegrinetti

CRONACA | 22-01-2018

Responsive image

Responsive image

Mafia a Ostia. Rosy Bindi: ‘Situazione grave’
La presidente della commissione parlamentare antimafia assicura: 'Lo Stato c'è'

MUNICIPIO POLITICA | 06-12-2017

Responsive image

Ostia Antica. Fuoco al circolo Pd, poche ore prima si era tenuta la manifestazione antimafia
Ieri la manifestazione organizzata da Libera e Fnsi

MUNICIPIO CRONACA | 17-11-2017

Responsive image

Ostia, la libertà di stampa si fa corteo e scende in piazza
Raggi, Fnsi, Libera: tutti a manifestare contro le limitazioni violente della libertà di espressione

MUNICIPIO CRONACA | 15-11-2017



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia