Expo 2015: l'apertura ufficiale L'Expo è nata. Tutte le dichiarazioni sull'evento da Mattarella, a papa Francesco, a Renzi - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

01-05-2015

Expo 2015: l'apertura ufficiale

L'Expo è nata. Tutte le dichiarazioni sull'evento da Mattarella, a papa Francesco, a Renzi


Responsive image

Ci siamo. Il 1° maggio è arrivato anche quest’anno, ma con più rumore di ogni altro anno. E il clamore, stavolta, non viene da Roma, che come di consueto ospiterà il concertone in piazza San Giovanni: a rubargli la scena, l’attesissimo evento di Milano, con palco e casse di risonanza – mediatica – senza precedenti: Expo 2015.

«Oggi si apre un nuovo ciclo. È il segno che l’Italia riparte»: così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in una lunga intervista al Corriere della sera, ha parlato della sfida che Milano, e in Milano l’Italia intera, è pronta ad affrontare. «L’Expo italiana intende dare un contributo culturale, sociale, di innovazione, di ricerca, di impresa, finalizzato a obiettivi di giustizia e di pace. Gli sforzi organizzativi di queste settimane, l’ospitalità che sapremo offrire, i segni della storia e le bellezze del nostro Paese che intendiamo mostrare, sono incardinati in questa grande scommessa. Non ho mai avuto dubbi sulla capacità dell’Italia di ripartire, e i segni di vitalità sono già visibili alla partenza dell’Expo».

 

«Tanta emozione, tanta fatica per essere arrivati fin qui», ha dichiarato il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina a Sky Tg24. «Sarà una grande festa e saranno sei mesi straordinari per far capire l’importanza cruciale del tema che l’Italia ha proposto. Credo ci siano davvero tutte le condizioni per fare di questo evento un appuntamento di svolta per l’Italia. Con i piedi per terra dico che questa è una grande occasione per l’Italia». E ha aggiunto:  «Il mondo si è organizzato per esserci». Il ministro è stato interrogato, inevitabilmente, anche sul rischio di quello che di brutto potrebbe venire fuori da una giornata come quella di oggi. «Io mi auguro che anche le manifestazioni di protesta siano equilibrate e che non si verifichino fatti spiacevoli. Chi la pensa diversamente deve manifestare, ma con il massimo rispetto delle istituzioni e delle regole», ha risposto Martina.

 

Paura a Milano, perché il rischio che qualcosa rovini la festa, effettivamente, c’è. I controlli sono intensificati sin dalla stazione metropolitana di Rho-Expo. Già ieri un corteo aveva provocato tensioni, giustificate e appoggiate dal rapper Fedez su Twitter come «atti di protesta, non vandalismo». Stamani un gruppetto di antagonisti ha manifestato davanti ai cancelli di Expo per una mezz’ora, ed è stato allontanato senza troppe agitazioni. Ma la giornata è appena iniziata. Expo è stata appena inaugurata.

 

Ad aprire la cerimonia, alle 12:05, Giuseppe Sala, commissario unico di Expo 2015: «Expo èoccasione di valorizzazione del lavoro e di rilancio del turismo. Expo è scienza, dibattito, confronto sulle idee. Expo è il risultato di una devozione al lavoro che gli italiani sanno esprimere come pochi al mondo».

Subito dopo è intervenuto il sindaco di Milano Giuliano Pisapia: «È tempo di agire, lo dobbiamo alle future generazioni. La prima risposta siamo noi stessi, dobbiamo rinunciare al nostro egoismo. Dobbiamo agire. Ogni padiglione è un inno all’uomo e alle sue capacità. Milano sarà la casa di tutti. Benvenuti nella nostra, nella vostra Milano. Milano e l’Italia vi stupiranno. Grazie a tutti i lavoratori che ci hanno messo l’anima e le mani».

Ancora, così Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia: «Sono onorato e fiero di rappresentare la regione che ospita l’Expo. Grazie a chi ha messo ingegno, creatività e impegno per arrivare a questa giornata storica. Qui a Milano oggi noi nutriamo il futuro».

E l’attesissimo messaggio di papa Francesco, in diretta dal Vaticano: «Sono grato per la possibilità di unire la mia voce a questa inaugurazione. È la voce di tanti poveri che con dignità cercano di guadagnarsi il pane. Vorrei farmi portavoce di tutti questi fratelli e sorelle, cristiani e non cristiani. L’expo è un’occasione per globalizzare la solidarietà. Vorrei che oggi ogni persona che visiterà l’Expo di Milano possa percepire la presenza dei volti degli uomini e delle donne che hanno fame, si ammalano e muoiono per un’alimentazione carente e nociva. L’Expo sia occasione di un cambiamento di mentalità. E ci sono altri volti che avranno un ruolo importante: ricercatori e operatori del campo alimentare. Imprenditori, commercianti, studiosi: che si sentano coinvolti in un progetto di solidarietà. Non voglio dimenticare i volti dei lavoratori che hanno faticato per Expo, soprattutto i volti di quelli più nascosti, che con Expo hanno portato il pane a casa. Che non manchino il pane e la dignità del lavoro a ogni uomo e donna».

E infine l’intervento del presidente del Consiglio Matteo Renzi: «L’Italia s’è desta, siam pronti alla vita! Grazie a tutte le lavoratrici e i lavoratori, grazie al vostro sudore. Oggi inizia il domani per un Paese che ha voglia di futuro, e l’unico modo per iniziare questo futuro è abbracciare il mondo». Renzi spende parole per i drammi del mondo contemporaneo, dalle situazioni del Mediterraneo e del Medio Oriente, al terrorismo, ai miliardi di persone che soffrono la fame. «Dobbiamo cambiare il mondo dal nostro piccolo. Abbiamo una grande forza, abbiamo un grande ruolo. Cari professionisti del “non ce la faremo mai”, Expo è una risposta! La politica deve dichiarare guerra alla fame. Oggi inizia il domani per l’Italia.. Dimostriamo che l’Italia è orgogliosa delle sue radici e delle sue tradizioni, ma la pagina più bella non è ancora stata scritta e la scriveremo tutti insieme. Il passato ci invita a costruire, non soltanto a ricordare. La Carta di Milano che andiamo a firmare va in questa direzione». Carta di cui Renzi è il primo firmatario.

Alle 13:03, Renzi dichiara ufficialmente aperta l’Expo 2015.

di Vittoria Montesano
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI


Responsive image

Cura del viso: tutti sui sieri

SALUTE | 23-03-2021

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato
Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del Covid-19

CULTURA | 02-10-2020


Responsive image





CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia