Italicum: la firma di Mattarella Le opposizioni chiedono al capo dello Stato di non firmare: ma l'alternativa? - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

06-05-2015

Italicum: la firma di Mattarella

Le opposizioni chiedono al capo dello Stato di non firmare: ma l'alternativa?


Responsive image

Oggi sul tavolo del Presidente della Repubblica ci sarà l’Italicum, approvata ieri dalla Camera. E proprio ieri le opposizioni, che non hanno partecipato al voto, hanno fatto appello al capo dello Stato, chiedendo di non firmare questo testo.

 

 

Che il capo dello Stato non stia lì per scaldare la sedia è ovvio, ma certo ogni volta che si approva una legge appellarsi al veto presidenziale è un comportamento da tifosi, nonché da ignoranti del buon costume politico: la legge elettorale ha certamente dei difetti, ma ha pienamente superato le questioni di incostituzionalità poste dalla Consulta sul Porcellum. In primis, le liste non sono più chiuse, blindate dai partiti, ma aperte alle preferenze, salvo i capolista; ma anche fossero liste chiuse, la Consulta aveva bocciato le liste del Porcellum non specificamente perché chiuse, ma perché anche molto lunghe, dunque gli elettori votavano liste di cui era impossibile conoscere tutti i nomi e di cui non si sapeva veramente quanti ne sarebbero entrati. Nell’Italicum i collegi, e quindi le liste, sono molto piccoli, in media di sei nomi, per cui il problema dell’incostituzionalità delle liste sarebbe comunque stato superato.

Per quanto riguarda il problema del premio di maggioranza, nell’Italicum è finalmente stabilita una soglia per raggiungere il premio del 55% dei seggi, soglia fissata al 40% dei voti, altrimenti ballottaggio e al vincitore il 53% dei seggi.

 

 

Ora, possiamo anche dire che la legge è imperfetta, forse l’uninominale sarebbe stata una soluzione migliore, forse no, ma rimane il fatto che senza questa riforma andremmo a votare con il cosiddetto Consultellum, un proporzionale puro con soglie di sbarramento al 4%, condannati eternamente alle larghe intese, agli intrugli, agli inciuci politici, agli accordi sotto e sopra il banco.

 

 

Chiedere a Mattarella di non firmare l’Italicum è come chiedergli di relegarci di nuovo a un monopolarismo di larghe intese che comprende tutto e tutti, da Bersani ad Alfano, e forse fino a Berlusconi.

 E chiedere questo, è chiedere troppo.

di Michelangelo Borri
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Governo, il secco 'no' di Mattarella fa saltare tutto. Nuove elezioni in vista
Il Presidente della Repubblica ha affidato a Carlo Cottarelli l'incarico di formare un nuovo governo

POLITICA | 28-05-2018

Responsive image

Conte premier: ecco come si sono espressi Grillo e Renzi sul nuovo capo del Governo
Nei prossimi giorni Conte incontrerà Mattarella per sciogliere la riserva

POLITICA | 24-05-2018

Responsive image

Nuova legge elettorale: il testo non convince, ma si cerca un accordo
Il testo dell'Italicum bis è stato presentato in Commissione

POLITICA | 12-05-2017

Responsive image

Paolo Gentiloni chi?
Il profilo semisconosciuto del nuovo premier: da militante del Movimento studentesco anni ’70 a premier

POLITICA | 11-12-2016

Responsive image

Responsive image

Castelporziano apre i battenti: la tenuta presidenziale diventa di tutti
Con più di 6.000 ettari, 1.000 specie vegetali e 3.000 animali, la riserva naturale sarà visitabile dal 20 settembre

MUNICIPIO EVENTI | 09-09-2016

Responsive image

Terremoto, oggi lutto nazionale: funerali ad Ascoli Piceno, presente Matterella
Il punto della situazione nella giornata di oggi

POLITICA | 27-08-2016

Responsive image

Strage Nizza, le salme di 4 italiani tornano in Italia
Intanto in Francia Libération fa scoppiare la polemica sulla sicurezza

ESTERI | 21-07-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia