Olimpiadi di Rio. Laachraoui, fratello dell’attentatore belga: ‘il taekwondo mi ha insegnato il rispetto’ Mourad Laachraoui è il fratello del terrorista che si fece esplodere all’aeroporto di Bruxelles e parteciperà, dal 17 al 21 agosto, alle Olimpiadi nella disciplina del taekwondo - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SPORT

 

06-08-2016

Olimpiadi di Rio. Laachraoui, fratello dell’attentatore belga: ‘il taekwondo mi ha insegnato il rispetto’

Mourad Laachraoui è il fratello del terrorista che si fece esplodere all’aeroporto di Bruxelles e parteciperà, dal 17 al 21 agosto, alle Olimpiadi nella disciplina del taekwondo


Responsive image

Essere riconosciuto a livello mondiale non per i traguardi conquistati, a soli 21 anni, nella disciplina in cui gareggi, ma per essere il fratello di Najim Laachraoui, il terrorista belga considerato l’artificiere dell’attentato al Bataclan e di quello mancato fuori lo Stade de France, fattosi esplodere all’aeroporto di Zaventem. È questo il marchio che il giovane campione di taekwondo deve sopportare. Ma se da un lato può apparire come un’ingiustizia, dall’altro Mourad può vantarsi di essere un sopravvissuto, un sopravvissuto a quel patto diabolico tra consanguinei – a cui spesso abbiamo assistito - che si sono uniti alla lotta all’ “infedele”. Quindi, è giusto associare Mourad Laachraoui al fratello terrosista? Sì, lo è, e vi spieghiamo il perché.

 

Lo spieghiamo attraverso il percorso sportivo e le vittorie di Mourad. Il giovane belga, nato da una famiglia originaria del Marocco, comincia a praticare il taekwondo a 14 anni spinto dal padre che non voleva che il figlio stesse tutto il giorno in giro per le strade della periferia di Schaerbeek, dove vivevano. Con lui anche il fratello Najim che presto, però, abbandona la palestra iniziando la sua radicalizzazione religiosa. Mourad no, e comincia con caparbietà un faticoso percorso di dedizione che lo ha portato, ad oggi, a vincere la medaglia d’argento alle Universiadi del 2015 e l’oro nella categoria - 54 kg ai Campionati europei tenutisi a  Montreux in Svizzera, lo scorso maggio. Una competizione, questa, vissuta con una “strana sensazione” come afferma lui stesso allo Spiegel; è infatti la prima volta che gareggia dopo l’attacco portato a termine da suo fratello nella loro città: Bruxelles. Mourad indossa l’uniforme con la bandiera del suo Paese e, nonostante quella “strana sensazione” vince 4:3 sul suo sfidante moldavo, vincendo anche i successivi combattimenti e arrivando in finale con la Spagna. Durante i primi due round, i due avversari si studiano come tigri all’interno della stessa gabbia; è durante il terzo round che Mourad con riflessi pronti schiva i calci dell’avversario per poi attaccare a sua volta. 3:0 è il punteggio guadagnato con un colpo ben assestato in pieno volto allo spagnolo, un altro colpo e lo spagnolo barcolla. Sono solo 4 i secondi che lo separano dalla vittoria e con un punteggio di 6:3 Mourad diventa il campione europeo di taekwondo del 2016.

 

Se la vittoria ha un odore, questa volta non è quello della morte. Mourad ha scelto, la propria coscienza lo ha guidato verso la strada del successo, un successo che si declina con i principi del taekwondo: cortesia, integrità, perseveranza e autocontrollo. “E così che ho imparato il rispetto per gli altri esseri umani”.

di Clara Pellegrino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Da Ostia a Rio: i campioni italiani allenati sul litorale
Al Polo Natatorio di Ostia si allenato Paltrinieri e Detti

MUNICIPIO GENTE DEL LITORALE | 10-08-2016

Responsive image

Rio 2016, il nuoto italiano sul podio: Gabriele Detti è l'erede di Rosolino
Dopo l'argento di Fiamingo, il livornese conquista il bronzo nei 400 stile libero

SPORT | 07-08-2016

Responsive image

Olimpiadi 2016: Zika minaccia la competizione
Si moltiplicano le richieste di posticipare i giochi o di spostarli altrove

SPORT | 28-05-2016

Responsive image

Pellegrini storica, quarto oro europeo a Londra
Per la quarta volta consecutiva la campionessa azzurra si siede sul gradino più alto dei 200 stile libero europei

SPORT | 21-05-2016

Responsive image

Responsive image

Taekwondo: il mondo piange la scomparsa di Cristiana Corsi
È stata stroncata da un male più forte di lei a soli 39 anni la campionessa romana plurimedagliata

SPORT | 22-02-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia