Sotto di qualche goal? Per coach Renzi minuti di recupero fino al 2018 In caso di sconfitta al referendum, il premier non si dimetterà. Per la messa in discussione personale, elezioni nel 2018 - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

22-08-2016

Sotto di qualche goal? Per coach Renzi minuti di recupero fino al 2018

In caso di sconfitta al referendum, il premier non si dimetterà. Per la messa in discussione personale, elezioni nel 2018


Responsive image

La prima giornata di campionato di Serie A si è conclusa ieri sera, 21 agosto, e in alcune partite i nuovi innesti hanno saputo trovare giocate brillanti e in qualche occasione anche la porta avversaria. Che il presidente del Consiglio Matteo Renzi abbia pensato di poter fare lo stesso? Le dichiarazioni degli ultimi giorni sembrano proprio collocare il premier sulla panchina della squadra che giocherà la partita referendaria e, analizzando le ultime uscite pubbliche, Renzi si sente sotto di qualche goal e sta operando le sostituzioni necessarie a tentare il recupero del risultato. «Si, le elezioni le abbiamo nel 2018» è la frase con cui ha lanciato la ripartenza, con cui cerca di far tremare le gambe degli attaccanti avversari: “midimettose” e “perdoilreferendum”.

 

Il referendum sembra dunque non indissolubilmente legato al futuro politico di Renzi, il quale sembra aver capito che la vittoria non è un dato certo e che è il momento di compiere un paio di passi indietro per evitare di perdere la faccia e la poltrona proprio a causa di promesse personali. Nell’intervista concessa a Paolo Del Debbio alla Versiliana, posticipata per concedersi la finale disputata da Zaytsev e compagni, il premier ha puntato il dito al 2018 «comunque vada il referendum». Renzi sta cercando di spersonalizzare il referendum in vista di un voto il cui ago della bilancia subisce spesso scossoni per l’ingente quantità di forze politiche avverse a esso e che ben volentieri hanno accolto il binomio Renzi-referendum da lui stesso creato: un difensore centrale rivelatosi scarso.

 

Il presidente del Consiglio fa il proprio mea culpa, ammettendo di aver sbagliato a personalizzare la campagna referendaria e lo stesso voto, accettando anche la critica sulla questione degli 80 euro, ma reindirizzandola su «errori di comunicazione». Riguardo al referendum «la domanda sulla scheda è: volete approvare la riforma costituzionale che prevede una riduzione dei costi della politica, che supera il meccanismo del ping pong tra Camera e Senato? Chi vota No si tiene il paese così com’è». Immancabile, poi, il “noi contro loro”: armato costantemente della prima persona plurale, Renzi invita il presidente dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) Carlo Smuraglia, dichiaratamente pro No, a una festa dell’Unità in Emilia-Romagna; attacca poi Massimo D’Alema accostandolo a Berlusconi, Grillo e Salvini in quanto oppositore a prescindere, come un rivale da derby, rimandandolo al girone di ritorno, il prossimo congresso del Partito Democratico. Congresso che, sicuramente, si svolgerà dopo il referendum. Dichiarazione che lascia ben intendere che Renzi non vuole mettersi in discussione fino alle elezioni del 2018 e che comincia a compiere le mosse atte ad arginare gli avversari e avvicinare possibili bacini di voti. 

di Andrea Graziano
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

X Municipio, al via la campagna informativa sulla raccolta differenziata
Il Presidente Giuliana Di Pillo invita tutti i residenti del municipio a partecipare agli incontri

MUNICIPIO CRONACA | 12-04-2018

Responsive image

Rese pubbliche le dichiarazioni dei redditi dei politici: chi è il più ricco del 'reame'?
Tra i tanti spiccano i nomi di Valeria Fedeli e di Beppe Grillo

POLITICA | 17-03-2018

Responsive image

Politici e social: ecco i commenti post elezioni
Non importa che siano vincitori o vinti, che sia per ringraziare o lanciare frecciatine, nessuno rinuncia ai social per dire la sua

POLITICA | 06-03-2018

Responsive image

Elezioni 2018. Renzi pronto a dimettersi dopo il crollo del Pd
L’ex Presidente del Consiglio alle 17:00 di oggi potrebbe rinunciare alla carica di segretario del partito

POLITICA | 05-03-2018

Responsive image

Responsive image

Elezioni 2018: i possibili scenari di governo
Ci sarà un'alleanza tra Di Maio e Salvini?

POLITICA | 05-03-2018

Responsive image

Chi votare il 4 marzo? A sciogliere i dubbi ci pensa l'ironia del Terzo Segreto di Satira
La clip satirica dei film maker milanesi per chi è ancora incerto in vista del voto di domenica

POLITICA | 02-03-2018

Responsive image

Elezioni 2018. Cosa succederebbe se vincesse il centrosinistra
Cosa prevede il programma del centrosinistra

POLITICA | 02-03-2018



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia