Piper precipitato in Macedonia, morti 6 italiani A guidare il velivolo il presidente dell'Aeroclub Treviso. Ancora ignote le cause dell'incidente - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

07-09-2016

Piper precipitato in Macedonia, morti 6 italiani

A guidare il velivolo il presidente dell'Aeroclub Treviso. Ancora ignote le cause dell'incidente


Responsive image

Sarebbe dovuto atterrare a Pristina, in Kosovo, il Piper con a bordo sei persone, partito ieri pomeriggio alle 14.00 da Treviso. Ma, forse anche complici le condizioni meteo avverse, l’aereo privato scomparso dai radar intorno alle 17.40, è precipitato vicino al villaggio di Veles, in Macedonia. Stando alle prime ricostruzioni dell’incidente, il velivolo avrebbe dovuto fare scalo a Skopje per rifornirsi di carburante, ma qualcosa in fase di atterraggio è andato storto. Confuse le dichiarazioni dei testimoni. Alcuni abitanti del villaggio in cui sono stati rinvenuti i rottami dicono di aver udito un forte boato prima che l’aereo si schiantasse al suolo in fiamme. Altri, invece, affermano di aver visto il Piper bruciare ancor prima che precipitasse. Intanto la procura generale macedone ha aperto un’inchiesta.

 

Tutti morti i passeggeri a bordo. Si tratta di 6 italiani che risiedevano tra le province di Treviso, Padova, Udine: il pilota Francesco Montagner, presidente dell'Associazione dilettantistica sportiva Aeroclub Treviso, il vicepresidente dello stesso club, Dario Bastasin e poi Luca Dalle Mulle, Angelo Callegari, Ilaria Berti e Visar Degaj, cittadino italiano di origine kosovara. Il gruppo era diretto a Pristina per prendere parte all’inaugurazione di un Aeroclub nella capitale del Kosovo. Altri tre gli aerei simili al Piper coinvolto nell’incidente partiti da Treviso, per lo stesso motivo, alla volta di Pristina ma fortunatamente giunti a destinazione.

 

L’incidente avvenuto nella notte riporta alla mente quello dello scorso luglio in cui perse la vita il milionario Thomas Wagner insieme ad altre 3 persone: anche in quell’occasione un Piper partito da Venezia era precipitato in Slovenia. L’Unità di Crisi della Farnesina e l’Ambasciata d’Italia a Skopje, da ieri, stanno lavorando insieme alle autorità locali macedoni per fare chiarezza su quanto accaduto la scorsa notte nel piccolo villaggio a pochi chilometri da Skopje. Al momento dell’incidente le condizioni meteo non erano delle migliori. Pioggia, vento e scarsa visibilità potrebbero aver influito negativamente in fase d’atterraggio. Ma solo le perizie tecniche potranno ora fornire maggiori dettagli.

di Valeria De Simone
 





Responsive image
Responsive image


CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia