Sanità: c’è una cura per la corruzione? Il ‘Tribunale dei diritti del malato’ ha raccolto dei dati riguardanti le liste d’attesa - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

20-09-2016

Sanità: c’è una cura per la corruzione?

Il ‘Tribunale dei diritti del malato’ ha raccolto dei dati riguardanti le liste d’attesa


Responsive image

«Tredici mesi per una risonanza magnetica, un anno per una mammografia e una tac, tredici mesi per una visita psichiatrica, nove mesi per una visita oculistica e otto mesi per il cardiologo»: sono tutti esempi di attese medie per esami specialistici – riguardanti l’anno 2015 – raccolte dal Tribunale dei diritti del malato, e diffuse in un interessante servizio mandato in onda dal programma della Rai, Presa diretta. Attese scoraggianti che contribuiscono a indirizzare il paziente verso il privato e, di conseguenza, accrescono la disuguaglianza tra cittadini: coloro che possono permettersi di pagare una prestazione sanitaria presso uno studio privato (o grazie all’intramoenia), oppure quelli che, per ragioni economiche, sono costretti ad attendere. C’è un’altra questione che trova terreno fertile nella sanità e nelle liste d’attesa: è la corruzione. C’è un rimedio per quest’ultimo aspetto?

 

Teresa Di Giacomo è stata una dei protagonisti del servizio di Presa diretta, raccontando la sua esperienza vissuta nel reparto di neurochirurgia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria OO.RR. San Giovanni di Dio Ruggi d’Aragona di Salerno. Il fratello di Teresa, Angelo, malato di cancro, doveva essere sottoposto a intervento chirurgico nel suddetto ospedale. La lista d’attesa per l’operazione al cervello era davvero improponibile: «un paio di mesi». Una chiamata ricevuta dal professor Luciano Brigante – ora agli arresti domiciliari – ribaltò la situazione: per saltare quella lunga lista d’attesa, riducendola a una settimana, sarebbero bastati duemila euro in contanti. Questi ultimi furono consegnati in una busta bianca dalla sorella di Angelo a Brigante, così da saltare quell’improponibile attesa. Una storia di corruzione, quella avvenuta nell’ospedale di Salerno, ma di certo non l’unica, tantoché il nosocomio finì nel mirino di uno scandalo. Il salto delle liste d’attesa e interventi venduti: il tutto a scapito dei pazienti, sia quelli che pagavano quelle cifre ingenti, sia gli altri che non potevano permetterselo.

 

A confermare la presenza di corruzione all’interno della sanità, fornendo dei dati allarmanti, è stato uno studio condotto dall’Associazione Transparency International Italia, riassunto nella trasmissione della Rai. «Negli ultimi cinque anni, una asl, o azienda ospedaliera su tre, ha rilevato un episodio di corruzione»: questo uno dei risultati dello studio. Una delle motivazioni è la «troppa poca prevenzione» e, forse, la cura per la corruzione potrebbe partire proprio da qui. Come ricorda Transparency International, infatti, «in Italia la metà delle aziende sanitarie non ha ancora fatto i piani anticorruzione che sono dovuti per legge dal 2012». Anche la mancanza di controllo sulle liste d’attesa contribuisce ad accrescere la corruzione, e il paziente si ritrova così costretto a ricorrere a servizi privati o all’intramoenia. Di questo passo, curarsi non è più un diritto.

 

di Giulia Morici
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Nord e sud Italia: un divario incolmabile
I dati dell'Istat sulla disparità economica e sanitaria in Italia

CRONACA | 20-04-2018

Responsive image

Roma corrotta. Sentenze comprate:15 arresti tra cui ex magistrato
Reati contro la pubblica amministrazione e associazione a delinquere dedita alla frode fiscale

CRONACA | 06-02-2018

Responsive image

Ostia, ex commissario di polizia a giudizio: aiutò imprenditore legato agli Spada
Corruzione, rivelazione del segreto d’ufficio e falso: per Antonio Franco il processo inizierà il prossimo 12 aprile

MUNICIPIO CRONACA | 30-11-2017

Responsive image

Roma, aneurisma scambiato per stress: muore 14enne
Presunto caso di malasanità: sotto inchiesta l’ospedale Pertini

CRONACA | 21-11-2017

Responsive image

Responsive image

Depressione, parliamone
In occasione della Giornata Mondiale della Salute, L’Oms lancia la campagna ‘Depression let’s talk’

SALUTE | 06-04-2017

Responsive image

Analisi dal Grassi al San Camillo? Zingaretti: 'la parola smantellare non fa parte di questa stagione'
Il Presidente della Regione Lazio risponde alle polemiche

MUNICIPIO POLITICA | 27-03-2017

Responsive image

Sanità, due insoddisfatti su tre: perché la situazione non è tragica
Il 54,3% degli italiani si dichiara scontento, con differenze a seconda della zona di provenienza

SALUTE | 09-03-2017



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia