Cena di Stato alla Casa Bianca: tra Vermentino, vestiti accecanti e pecorino di New York Un saluto in grande stile quello che Obama ha riservato al suo amico Matteo Renzi - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

19-10-2016

Cena di Stato alla Casa Bianca: tra Vermentino, vestiti accecanti e pecorino di New York

Un saluto in grande stile quello che Obama ha riservato al suo amico Matteo Renzi


Responsive image

Allietata dalle note dell’allegra Funiculì Funiculà seguita dall’aria del Nessun Dorma, si è svolta l’ultima cena presieduta dall’ancora per poco presidente degli Stati Uniti Barack Obama, in onore del presidente del Consiglio Matteo Renzi. Dopo il colloquio istituzionale del primo pomeriggio e la conferenza congiunta, i due leader, accompagnati dalle rispettive consorti, si sono lasciati andare alla serata. Le premesse non facevano pensare certamente a nulla di spartano, ma quella che si è svolta ieri alla Casa Bianca è stata una vera e propria parata di very important person. Presenti figure illustri del panorama culturale e sportivo tra cui l’acclamato regista partenopeo Paolo Sorrentino, la campionessa paralimpica Bebe Vio, lo stilista della moda italiana riconosciuta in tutto il mondo Giorgio Armani e il braccio destro del premier per la campagna referendaria, Roberto Benigni.

 

Sfarzo e scintillio è stato il fil rouge della serata, a partire dalle first lady inguainate in abiti luccicanti che riflettevano i flash dei fotografi presenti alla serata. Michelle Obama fasciata in un abito di Versace color oro rosa che non lasciava all’immaginazione la sua silhouette tornita e sinuosa, risultato della dieta bio tanto sbandierata in questi anni e numerose sessioni di fitness; la first lady italiana ha invece optato per uno stile più classico, ma sempre di tendenza. Anche lei non ha mancato di esibire la sua figura asciutta e longilinea avvolta da un abito color argento senza spalline di Scervino, arricchito da lavorazioni luminose dai toni più scuri che riprendevano i colori della stola. Luce anche all’interno della sala dove si è svolto lo State dinner. Candelabri di cristallo hanno illuminato la tavola imbandita di prelibatezze che profumavano d’Italia: agnolotti, braciole e insalata di zucca impreziosita dal pecorino di New York che non è dato sapere se sia stato di gradimento ai palati degli ospiti italiani.

 

Con gli animi scaldati dal buon cibo e dai calici ricolmi di Vermentino e Sangiovese, gli ospiti si sono abbandonati a divertenti battute. Il mattatore a sorpresa è stato lo stesso Obama che prima ha ironizzato sul tempo in cui era lui il capo di Stato più giovane - “ Una volta ero io quello più giovane, ora è lui. Stimo il suo ottimismo, la sua energia e la sua visione” – e poi rivolgendosi al comico italiano, in memoria del siparietto fatto quando vinse l’Oscar per La vita è bella: “Benigni ha promesso di non saltare sui tavoli”. Un saluto in grande stile, quello del presidente americano dei record (positivi e negativi), che ha chiuso in bellezza il suo secondo e ultimo mandato.      

di Clara Pellegrino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Renzi è arrivato alla Casa Bianca, Obama: “Italia è nostra alleata e amica”
Durante l’incontro si è parlato anche di riforme e referendum. Stasera l’ultima cena di Stato dell’era Obama

POLITICA | 18-10-2016

Responsive image

Renzi negli Usa, domani la cena con Obama. Preparativi in corso alla Casa Bianca
Poi il pranzo con lo staff di Hillary Clinton

POLITICA | 17-10-2016

Responsive image


CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia