Terremoto: anche a Roma l’allarme per il patrimonio artistico Il patrimonio artistico italiano, dalle Marche al Lazio, rischia di andare in frantumi - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

30-10-2016

Terremoto: anche a Roma l’allarme per il patrimonio artistico

Il patrimonio artistico italiano, dalle Marche al Lazio, rischia di andare in frantumi


Responsive image

L’inesorabile terremoto di questi ultimi tempi ha arrecato forti danni al patrimonio artistico italiano. Per la sua potenza, il sisma di questa mattina ha intaccato anche alcune chiese di Roma. Prima fra tutte è stata lesionata la cupola di Sant’Ivo alla Sapienza, capolavoro barocco del Borromini, provocando la sua immediata chiusura. Celeri sono stati i controlli su tutto il patrimonio archeologico capitolino, dal Colosseo ai Fori. È stata predisposta la chiusura del palazzo del Quirinale e lo stop alle visite dei turisti, dopo la segnalazione della caduta di polvere da alcune pareti. La basilica di San Paolo fuori le mura, una delle quattro basiliche maggiori, ha richiesto l’intervento della polizia municipale, a causa dell’apertura di crepe, della caduta di calcinacci e del distacco di uno dei supporti che tiene in piede un enorme candelabro. Nella basilica di San Lorenzo al Verano è stato predisposto un controllo per dei calcinacci caduti dalla navate.

 

A causa del terremoto di quest’oggi a Norcia, è crollato prima il campanile, poi l’intera copertura e la navata della basilica di San Benedetto da Norcia. La struttura aveva superato le altre scosse, ma ha inesorabilmente ceduto all’ultima. Solo la facciata trecentesca è rimasta in piedi: questa era la parte più antica della struttura, che si ritiene, per tradizione, essere costruita sul luogo in cui sorgeva la casa natia di San Benedetto e Santa Scolastica. Ingenti danni anche agli altri edifici religiosi del paese: «La cattedrale di Santa Maria è crollata per tre quarti, la chiesa della Madonna Addolorata, che era un santuario molto caro alla gente, è completamente distrutto così come la chiesa di Santa Rita», questo l’aggiornamento dell’arcivescovo di Spoleto-Norcia, monsignor Renato Boccardo. Anche porzioni delle mura medievali sono franate, come anche intere postazioni di guardia e i basamenti d’epoca romana.  

 

Ad Amatrice è crollata una delle poche strutture ancora in piedi, la torre civica. Questa, con il suo orologio fermo all’orario del terremoto del 24 agosto, era il simbolo di ciò che era sopravvissuto alle ondate di scosse degli scorsi mesi. È crollata anche la chiesa di Sant’Agostino. Secondo il sindaco di Preci, molte chiese nelle frazioni hanno subìto forti danni. Girando per la provincia di Ancona, molte sono le strutture storiche crollate. Persino a Rieti, il ponte romano, che collega il centro storico, è stato chiuso per il sospetto di gravi lesioni strutturali. In tutte gli edifici religiosi presenti nella zona del sisma non è permesso l’ingresso ai fedeli, al fine di evitare incidenti e ulteriori danni.

di Pierluigi Liguori
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Terremoto del Friuli-Venezia Giulia: 42 anni fa la regione cadeva per rialzarsi più forte di prima
La ricostruzione dopo il sisma del Friuli a confronto con quella dell'Irpinia

CRONACA | 06-05-2018

Responsive image

Terremoto Marche, presidente Ingv: «Possibile che la sequenza attivata nel 2016 duri ancora un anno»
Diverse le scosse di assestamento che hanno seguito il terremoto

CRONACA | 10-04-2018

Responsive image

Terremoto dell’Irpinia: quando l’arte fa tornare a vivere
Sono passati 37 anni da quel tragico 23 novembre

CULTURA | 23-11-2017

Responsive image

Messico, la terra trema ancora. Oltre 200 morti per il terremoto di magnitudo 7.1
Succede nel giorno dell'anniversario del terremoto che nel 1985 causò almeno 5mila morti

ESTERI | 20-09-2017

Responsive image

Responsive image

Catastrofe in Messico. Dopo il terremoto allerta tsunami
Magnitudo superiore a 8. L'epicentro del sisma sarebbe al largo della costa sud occidentale del Paese

ESTERI | 08-09-2017

Responsive image

Terremoto Ischia: quando la storia non insegna
Il 28 luglio 1883 un terremoto causò più di 2mila morti sull’isola di Ischia

CRONACA | 23-08-2017

Responsive image

Il Centro Italia trema ancora: scossa di magnitudo 4.2 nella notte
Epicentro tra le province di Rieti, L’Aquila e Teramo

CRONACA | 22-07-2017



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia