Oms contro il cibo-spazzatura: “I bambini sono bombardati da messaggi sbagliati” Un marketing persuasivo di alimenti e bevande ricchi di zuccheri, sale e grassi imperversa su internet. Bambini e adolescenti vittime privilegiate - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SALUTE

 

04-11-2016

Oms contro il cibo-spazzatura: “I bambini sono bombardati da messaggi sbagliati”

Un marketing persuasivo di alimenti e bevande ricchi di zuccheri, sale e grassi imperversa su internet. Bambini e adolescenti vittime privilegiate


Responsive image

Il pericolo è dietro l’angolo, si maschera da normale pubblicità, e va eliminato. Il monito arriva dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) che si scaglia contro l’enorme diffusione, sul web, di pubblicità sul “cibo-spazzatura” – ricco di zuccheri, sale e grassi - che rispondono a tecniche di digital marketing sempre più aggressive e subdole. Le vittime privilegiate sono i bambini e gli adolescenti, sottoposti alla pressione del marketing che ha raggirato i media tradizionali – sui quali non trova più spazio – ottenendo una vasta eco nelle promozioni su social media, cellulari e giochi online (gli advergames, che veicolano messaggi sui prodotti). 

 

Il meccanismo attraverso il quale tali promozioni raggiungono i soggetti più vulnerabili è semplice e spesso sottovalutato: secondo uno studio condotto in Gran Bretagna, il 73% degli adolescenti segue sui social network le pagine ufficiali dei marchi preferiti, il 62% clicca sui banner pubblicitari e il 57% fa acquisti –spesso mediante un click sbagliato – mentre utilizza un’app. A ciò si aggiungono la pubblicità impercettibilmente veicolata dai giochi online (nei quali troviamo spesso cibi e bevande di famosi marchi che fanno da contorno) e le catene di fast food che si presentano come luogo di ritrovo e gioco per i bambini che poi automaticamente consumano cibi al loro interno (è il caso della partnership tra McDonald’s e Pokemon Go che ha spopolato in Giappone). 

 

È Innegabile che tale marketing persuasivo di alimenti e bevande sia legato al problema dell’obesità in bambini e adolescenti. È dunque arrivato il momento di intervenire, insorge l’Oms in un rapporto di oltre 50 pagine, con severe sanzioni, anche economiche, se necessario. L’obiettivo è formulare una legge che estenda la protezione già esistente anche alle attività online e che permetta agli stati (e non alle aziende) di stabilire i parametri di marketing per i bambini.

 

Un primo passo, insiste l’Oms, potrebbe essere la rimozione di pubblicità di cibi considerati dannosi da parte delle piattaforme private. Un passo minuscolo in direzione di una regolamentazione –apparentemente impossibile – del vasto e impervio mare di internet. 

di Serena Gazzaneo
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Depressione, parliamone
In occasione della Giornata Mondiale della Salute, L’Oms lancia la campagna ‘Depression let’s talk’

SALUTE | 06-04-2017

Responsive image

Inquinamento classista: uccide più i poveri che i ricchi
Tre milioni di persone muoiono ogni anno a causa dell’inquinamento. È in arrivo una road map per combatterlo

ESTERI | 12-05-2016

Responsive image

Oms: 12,6 milioni i decessi a causa dell'inquinamento
1,4 milioni di morti solo in Europa

ESTERI | 15-03-2016

Responsive image

Carni rosse e lavorate: est modus in rebus
Allerta tumori per il consumo di carni rosse e lavorate

CRONACA | 27-10-2015

Responsive image

Responsive image

I Wurstel fanno venire il cancro: allarme OMS
Wurstel, bacon e le carni lavorate sono cancerogene e l'America si mobilita

SALUTE | 27-10-2015



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia