Arrestato il reclutatore di combattenti Isis in Italia Era ricercato per aver organizzato gli attentati al Museo del Bardo e allʼHotel Imperial di Sousse - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

14-11-2016

Arrestato il reclutatore di combattenti Isis in Italia

Era ricercato per aver organizzato gli attentati al Museo del Bardo e allʼHotel Imperial di Sousse


Responsive image

Ricercato dai tunisini per aver organizzato gli attentati al Museo del Bardo e allʼHotel Imperial di Sousse, se ne erano perse le tracce. Dopo la falsa notizia del suo arresto a Sirte, diffusa lo scorso agosto, arriva oggi la resa dei conti per Moez Fezzani. Meglio noto alle cronache come Abu Nassim, il tunisino 46enne, considerato tra i reclutatori Isis in Italia, è stato, infatti, arrestato in Sudan. Individuato grazie al lavoro condotto dalle intelligence italiane, Fezzani, affiliato ad Al Qaeda, era tra l’altro ricercato in base ad un mandato di cattura internazionale, dopo la condanna definitiva a 5 anni e 8 mesi, emessa nel 2014 dalla Procura Generale della Repubblica di Milano per associazione per delinquere con finalità di terrorismo.  

 

Ma facciamo un passo indietro. Fezzani era arrivato nel nostro Paese negli anni ‘80 dove ha lavorato inizialmente come bracciante agricolo e muratore. Giunto a Bolzano, dove viveva con il fratello, viene fermato per spaccio di sostanze stupefacenti. Successivamente, tra il 1997 e il 2001, lo troviamo a Milano. È proprio nel capoluogo lombardo che Fezzani avrebbe fatto parte di una cellula del Gruppo salafita per la predicazione e il combattimento, associazione dedita al reclutamento di uomini da inviare nei paesi in guerra. Ed è lo stesso Fezzani, proprio durante un interrogatorio a Milano, davanti al gip Guido Salvini e al pm Elio Ramondini, nel dicembre 2009, a delineare un ritratto di sé: «Ho vissuto a Milano, Napoli, Bolzano e Valle d'Aosta. A Napoli ho fatto il bracciante, a Milano ho venduto eroina e hashish prima di diventare un uomo pio e religioso».

 

Nel 2007 Fezzani era finito al centro di un'inchiesta, condotta a Milano, per terrorismo. Ma di lui si erano perse le tracce per anni fino al 2009. Il reclutatore Isis era infatti detenuto nella base militare americana di Bagram, in Afghanistan. Fatto rientrare in Italia con un accordo tra Italia e Usa, era stato processato. Ma nel 2012 viene assolto dalle accuse, prima della condanna definitiva del 2014. Successivamente è stato, invece, rintracciato in Libia dove ha gestito alcuni campi di addestramento per coloro che aspiravano a diventare combattenti della guerra santa portata avanti dall'Isis.

di Valeria De Simone
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

L’Isis stava per commercializzare in Italia la ‘droga del combattente’
Sequestrati più di 24 milioni di pasticche

CRONACA | 03-11-2017

Responsive image

Isis: bloccato in Italia un macedone che reclutava leve terroriste
A Mestre, Ajhan Veapi arruolava giovani mujaheddin che avrebbero preso parte agli attacchi in Medioriente

CRONACA | 26-02-2016

Responsive image


CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia