Il ministro Luca Lotti indagato. Un’altra bufera si abbatte sul governo Gentiloni A sollevare il polverone sul ministro dello Sport è Il Fatto Quotidiano - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

24-12-2016

Il ministro Luca Lotti indagato. Un’altra bufera si abbatte sul governo Gentiloni

A sollevare il polverone sul ministro dello Sport è Il Fatto Quotidiano


Responsive image

Luca Lotti indagato? A sollevare il polverone sul ministro dello Sport del governo Gentiloni è Il Fatto Quotidiano, sulle cui pagine il giornalista Marco Lillo scrive che il ministro sarebbe indagato dalla Procura di Napoli per rivelazione di segreti d’ufficio e favoreggiamento sulla corruzione in Consip. Dopo le aspre polemiche che hanno coinvolto Valeria Fedeli e Giuliano Poletti, ministri dell’Istruzione e del Lavoro, ora tocca a Lotti, stretto collaboratore di Matteo Renzi, che perentoriamente si difende con un post su Facebook: «È una cosa che semplicemente non esiste. Inutile stare a fare dietrologie o polemiche». Lillo, sulle pagine de Il Fatto, riporta anche che l’inchiesta è passata a Roma per competenza territoriale, e proprio nella capitale è tornato Luca Lotti per essere subito sentito: «È una cosa che non esiste e non ho voglia di lasciarla sospesa. Noi non scappiamo dalle indagini: siamo a totale disposizione di ogni chiarimento da parte dell'autorità giudiziaria». 

 

È Luigi Marroni, ex assessore toscano e capo della centrale acquisti della pubblica amministrazione italiana, a tirare in ballo Lotti. Marco Lillo scrive: «A far partire gli accertamenti che hanno portato a indagare tre persone, oltre a Lotti e Saltalamacchia (comandante della Legione Toscana, ndr) c’è anche il comandante generale dell’Arma dei carabinieri Tullio Del Sette, è stata una bonifica contro le microspie». Marroni afferma «di avere saputo dell’indagine dal presidente di Consip Luigi Ferrara che a sua volta era stato informato dal comandante Tullio Del Sette. Poi aggiunge altri nomi. I più importanti sono Lotti e il generale Emanuele Saltalamacchia, suoi amici». Il destino del ministro dello Sport è ora nelle mani del procuratore Giuseppe Pignatone. «La verità è più forte di qualsiasi polemica mediatica e non vedo l’ora di dimostrarlo», conclude Lotti. 

 

di Serena Gazzaneo
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Caso Consip, Renzi: «Lasciate in pace mia nonna»
Dopo gli ultimi sviluppi sull'inchiesta che vede coinvolto papà Tiziano, l’ex premier si sfoga sui social network

POLITICA | 17-05-2017

Responsive image

Lotti: «Le sentenze le fanno i giudici, non i blog». Bocciata sfiducia presentata da M5S
La mozione di sfiducia, presentata dal M5S contro Lotti, è stata bocciata dal Senato con 161 voti contrari

POLITICA | 16-03-2017

Responsive image

Satira: che piaccia o no, non si farà mai castigare
È polemica sulla vignetta satirica di Riccardo Mannelli che ritrae la ministra Maria Elena Boschi

POLITICA | 12-08-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia