Ostia. Secondo appuntamento con i protagonisti di Nanneò, il concorso-spettacolo dedicato a Mia Martini Intervista a Dario Emiliani, Alessandra Pallara e Anna Partini, tre fra gli otto concorrenti che si esibiranno al teatro Nino Manfredi il 21 e il 22 marzo - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

MUNICIPIO EVENTI

 

14-03-2017

Ostia. Secondo appuntamento con i protagonisti di Nanneò, il concorso-spettacolo dedicato a Mia Martini

Intervista a Dario Emiliani, Alessandra Pallara e Anna Partini, tre fra gli otto concorrenti che si esibiranno al teatro Nino Manfredi il 21 e il 22 marzo


Responsive image

Il 21 e il 22 marzo, dalle 21:00, al Teatro Nino Manfredi di Ostia, andrà in scena il concorso-spettacolo canoro dedicato a Mia Martini Nanneò, a cura della Start Promoting Entertainment di Mario Christos Marcello. Otto concorrenti si sfideranno con brani di Mia Martini attribuiti loro dagli organizzatori del concorso. Vi abbiamo già presentato i The Rode e Il Bar della stazione, le due band che saliranno sul palco nelle due serate di Nanneò. Oggi tratteggiamo il profilo di altri tre concorrenti, tutti di Ostia: Dario Emiliani, Alessandra Pallara e Anna Partini.

 

Dario Emiliani, 19 anni

Dario, cosa ti aspetti dalla partecipazione a Nanneò?

Sicuramente un miglioramento personale nell’interazione con il pubblico. Ho recitato e cantato in quattro musical, quindi mi sono esibito sul palco circondato da altre persone. Invece stavolta sarò da solo per la prima volta.

Gareggi con Se mi sfiori, che Mia Martini ha cantato nel 1976, e che è stata scritta dai fratelli Mango. Pino Mango l’ha anche riproposta in alcuni suoi concerti, ma ha dichiarato di averla sempre esclusa dai concerti in piazza, proponendola invece in quelli in teatro, dove «l’atmosfera è più adatta». Sei d’accordo? Anche tu la canterai in un teatro.

Sì, assolutamente. Credo che la canzone abbia più sentimento che note, quindi va interpretata più che cantata. E per fare questo un teatro è meglio di una piazza.

Parteciperesti a un talent show?

In realtà non amo come sono strutturati. In generale non amo la competizione…

Però stai partecipando a un concorso. Lo fai per metterti in gioco?

Sì, ecco, per mettermi in gioco, non per competere. Io mi metto in gioco davanti a una giuria. Dei talent non mi piace la competizione davanti a un pubblico che se vogliamo è fittizio, che non ti valuta solo per la tua esibizione.

C’è forse un po’ di paura, bella, sana, e legittima, dietro a questo rifiuto della competizione?

Non paura nel senso di paura di perdere. È più una paura che il sentimento venga messo da parte rispetto alla gara e al voler prevalere sugli altri. In questo concorso c’è competizione, ma anche collaborazione tra i partecipanti, e sono contento di questo. Il lavoro che viene fatto per Nanneò è anche di gruppo.

 

Alessandra Pallara, 19 anni

Alessandra, so che studi medicina. In un futuro nemmeno troppo lontano di immagini più medico o cantante?

Mi sono sempre immaginata come medico. Ma adesso ho iniziato a immaginarmi anche cantante.

Cos’è per te la musica?

È una passione, e soprattutto uno sfogo.

Cosa devi sfogare?

Un po’ di stress. Poi soffro di emicrania da quando avevo sei anni, e la musica è come se mi sollevasse.

Sulla tua biografia hai scritto: «Nel canto riesco a esprimere veramente me stessa». Hai già capito chi sei veramente?

Sono una persona molto chiusa, e faccio fatica a esprimermi. Nelle canzoni però posso farlo attraverso le parole di altri. Sicuramente sono testarda, ambiziosa, e forse un po’ troppo puntigliosa.

Tu canti Viva l’amore, di Mia Martini, del 1994. Che è un po’ un “viva l’amore sempre e comunque”. C’è una strofa, o anche solo una parola, che ti colpisce particolarmente, di questa canzone?

«Sporchi dentro al cuore, non sulle mani», ma non so spiegare perché, davvero. Non so spiegarlo a parole, posso solo cantarlo.

Cosa ti aspetti dalla partecipazione a Nanneò?

Voglio mettermi alla prova. È la prima volta che canto in italiano, non ci sono mai riuscita. Ma questa canzone mi piace veramente tanto. 

 

Anna Partini, 54 anni

Anna, sei di Ostia?

Sono qui da quattro anni appena, vengo da Napoli.

E dal mare di Napoli al mare di Ostia… come ti trovi?

Diciamo che il panorama di Napoli è sicuramente più affascinante, però a Ostia mi trovo benissimo. È la giusta dimensione. Non c’è il caos della città, ma non è nemmeno un paesino.

So che hai due figli poco più che ventenni e che ogni tanto vi divertite a cantare e suonare insieme.

Io canto e loro mi accompagnano. Uno suona il pianoforte e l’altro la chitarra. Quello che suona la chitarra canta pure, e ci è capitato una volta di cantare insieme a un saggio della scuola di musica: è stata una bella emozione.

Nella tua biografia hai scritto: «Il mio più grande desiderio è che la vita riservi ai miei figli un futuro meraviglioso». E invece il tuo futuro? Perché partecipi a Nanneò?

Io partecipo per fare una bella esperienza. Questa non è la mia professione (sono un’insegnante) ma voglio provare. Il mio maestro mi ha proposto di partecipare. Io ero anche un po’ incredula, e invece sono stata selezionata ed eccomi qui.

Tu gareggerai con Il colore tuo, di Mia Martini, del 1989. Cosa suscita in te questa canzone?

La canzone mi piace molto perché è delicata, e la reputo adatta alle mie corde. Ovviamente il testo è particolare, e come tutte le canzoni di Mia Martini ha un taglio un po’ triste. Questo nomina diversi colori, e alla fine predomina il nero. Però mi è piaciuto.

E quali sono le persone o le cose che colorano la tua vita?

I miei figli. Sono al centro di tutto.

 

 

In foto, da sinistra verso destra, Dario Emiliani, Alessandra Pallara e Anna Partini nella redazione di PontileNews.

 

di Vittoria Montesano
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Racconto di una bella avventura che termina tra ricordi e riflessioni
Due anni di Pontilenews, di mare, di Ostia, di giornalismo

CRONACA | 20-06-2018

Responsive image

Ostia, a giugno arriva il Cinema America
Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia

MUNICIPIO EVENTI | 04-06-2018

Responsive image

Festa di Sant'Aurea, dal 7 al 10 giugno i festeggiamenti per la patrona di Ostia Antica
Momenti di preghiera, ma anche tanto divertimento e "scatti di memoria" per il borgo del X Municipio

MUNICIPIO EVENTI | 21-05-2018

Responsive image

Ostia, la palestra della legalità verrà aperta dopo l'estate
Ad annunciarlo, con grande orgoglio, la sindaca Virginia Raggi

MUNICIPIO CRONACA | 19-05-2018

Responsive image

Responsive image

A Ostia gli 'Angeli nel vento' trasformano la barca a vela in terapia
Nel porto turistico di Roma la decima edizione dell'iniziativa velica dedicato alle persone affette da disabilità

MUNICIPIO EVENTI | 13-05-2018



MUNICIPIO POLITICA

Responsive image

X Municipio, il centrodestra va all'attacco del M5s: 'Spiagge sporche e senza attrezzatura'

Diffidati il sindaco di Roma e la presidente del...

di Livia Larussa
MUNICIPIO CRONACA

Responsive image

Ostia, la palestra della legalità verrà aperta dopo l'estate

Ad annunciarlo, con grande orgoglio, la sindaca...



MUNICIPIO EVENTI

Responsive image

Ostia, a giugno arriva il Cinema America

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite...

MUNICIPIO TERRITORIO

Responsive image

Ostia e il surf in mostra a Roma

Alla manifestazione di Wave Market Faire troviamo...


Responsive image

MUNICIPIO GENTE DEL LITORALE

Responsive image