Poletti non ha detto quello che pensate Poletti a Bologna: ‘Il rapporto di lavoro è prima di tutto un rapporto di fiducia. Lo si trova di più giocando a calcetto che mandando in giro dei curriculum’ - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

28-03-2017

Poletti non ha detto quello che pensate

Poletti a Bologna: ‘Il rapporto di lavoro è prima di tutto un rapporto di fiducia. Lo si trova di più giocando a calcetto che mandando in giro dei curriculum’


Responsive image

I social network sono una macchina inarrestabile, si sa, l’effetto a catena ingenerato da una notizia si ingigantisce sino a fagocitare completamente il bandolo della matassa. Mettiamo il caso che il bandolo perso di vista sia il ministro del Lavoro Giuliano Poletti (o meglio, le sue affermazioni) e che i fili ingarbugliati siano i social. È vero, il ministro - reo di «cervelli in fuga? Alcuni è meglio non averli tra i piedi» - non gode di molta simpatia, ma se l’ultimo episodio che lo vede protagonista fosse in realtà una bomba assemblata ad arte per colpire un Poletti senza peccato (stavolta)?

 

Nella giornata di lunedì 27 marzo, il ministro Poletti ha incontrato gli studenti dell’istituto Manfredi Tanari di Bologna. In un’ora e mezza di colloquio, il ministro ha risposto alle domande degli studenti sull’alternanza scuola-lavoro (la riforma Buona Scuola approvata durante il governo Renzi), riservando parole incoraggianti nei confronti di una realtà, come quella di Bologna, «con una grande presenza di imprese». Ad un certo punto, la frase incriminata, benzina per la macchina delle polemiche: «Il rapporto di lavoro è prima di tutto un rapporto di fiducia. È per questo che lo si trova di più giocando a calcetto che mandando in giro dei curriculum». 

 

Cosa intendeva Giuliano Poletti? Che i curricula sono inutili? Che «è meglio giocare a calcetto che mandare curriculum», come ha sottolineato il leghista Matteo Salvini, sulla scia di molti utenti social? Oppure che tutte le polemiche sono ormai inutili perché Poletti «è da cartellino rosso», come suggerito dal M5S? Il bandolo nascosto in realtà è molto più semplice da trovare, la soluzione può essere tranquillamente affidata alle parole dello stesso, maldestro Poletti che in serata ha chiarito: «Non ho mai sminuito il valore del curriculum e della sua utilità. Ho sottolineato l’importanza di un rapporto di fiducia che può nascere e svilupparsi anche al di fuori del contesto scolastico. E quindi dell’utilità delle esperienze che si fanno anche fuori dalla scuola». Il “calcetto” è metafora, insomma, di quelle relazioni sociali importanti per creare “un rapporto di fiducia” dentro “un rapporto di lavoro”.Una spiegazione semplice, nuda e cruda, ma che nella travisata versione originale ha fornito un assist imperdibile ai detrattori del ministro. 

di Serena Gazzaneo
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Alternanza scuola-lavoro: un progetto pieno di crepe
Proteste degli studenti (e non solo) in tutta Italia

CRONACA | 13-10-2017

Responsive image

Poletti contro i giovani all’estero: ‘Non soffriremo a non averli più tra i piedi’
Il M5S ha avanzato alla camera una mozione di sfiducia nei confronti del ministro del Lavoro

POLITICA | 20-12-2016

Responsive image

Ostia, partita di calcetto al femminile contro la violenza sulle donne
La squadra femminile della Polizia locale di Roma e quella della Polizia di Stato si sfideranno il prossimo 23 novembre

MUNICIPIO EVENTI | 18-11-2016

Responsive image

Dimissioni in bianco addio, nuova procedura on line
Uno dei decreti attuativi del Jobs Act pone fine al fenomeno. Lavoratori più protetti, in particolare le donne

POLITICA | 14-03-2016

Responsive image


CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia