Depressione, parliamone In occasione della Giornata Mondiale della Salute, L’Oms lancia la campagna ‘Depression let’s talk’ - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SALUTE

 

06-04-2017

Depressione, parliamone

In occasione della Giornata Mondiale della Salute, L’Oms lancia la campagna ‘Depression let’s talk’


Responsive image

Tristezza, perdita di interesse e autostima, agitazione e – nel peggiore dei casi – pensieri di morte e suicidio. Sono solo alcuni dei sintomi della depressione, il disturbo dell’umore scelto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come focus per l’edizione 2017 del World Health Day (giornata mondiale della salute), che si celebra il 7 aprile di ogni anno. La campagna "Depression: let’s talk", lanciata dall’Oms, punta un faro sull’importanza di una comunicazione efficace a vantaggio dei soggetti che soffrono di disturbi depressivi affinché, iniziando a parlarne, possano compiere il primo passo per uscirne.

 

La depressione è una patologia che affligge persone di tutte le età, in qualunque fase della vita, in tutto il mondo. Può comparire a seguito di un evento scatenante (come un lutto improvviso o un periodo di difficoltà economica) o slegato, almeno apparentemente, da un problema significativo. Provoca uno stato di angoscia mentale che impatta pesantemente – tramutandosi in una vera e propria disabilità – sulle attività quotidiane e sulle relazioni interpersonali. Secondo i dati diffusi dall’Oms, a livello globale sono circa 300 milioni le persone che soffrono di depressione, con un incremento del 18% tra il 2005 e il 2015. Del totale dei casi circa 800mila di essi sfociano nel suicidio ogni anno. L’Oms sottolinea anche il forte legame tra depressione e malattie fisiche, poiché essere depressi può aumentare il rischio di dipendenza da sostanze stupefacenti, di diabete e patologie cardiache. Ma è altrettanto valido il percorso contrario: essere affetti da una malattia fisica può portare allo sviluppo di disturbi depressivi. 

 

La difficoltà di far fronte ai disturbi depressivi deriva essenzialmente da due fattori: insufficienza o mancanza totale di sostegno alle persone che ne sono affette e la paura dell’altrui giudizio. Il recinto spinato del pregiudizio che circonda le malattie mentali, compresa la depressione, si impone come insuperabile barriera per tutti coloro che cercano aiuto. «Lo stigma continuo associato alle malattie mentali – ha spiegato Shekhar Saxena, direttore del dipartimento di salute mentale dell’Oms citato dall’Ansa – è la ragione per cui abbiamo chiamato la nostra campagna 'Let’s talk'. Per chi convive con la depressione, parlare con una persona di cui si fida è spesso il primo passo verso la terapia e la guarigione». A supporto della campagna, L’Oms chiama tutti a rapporto. Sul sito, l’appello: «Se lavori per il governo, per un'organizzazione non governativa  o per i media, se sei un dottore, un insegnante, giornalista, blogger, un genitore o semplicemente qualcuno che ha sentito parlare della campagna e ti piacerebbe essere coinvolto, questa guida è per te». 

 

di Serena Gazzaneo
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Oms contro il cibo-spazzatura: “I bambini sono bombardati da messaggi sbagliati”
Un marketing persuasivo di alimenti e bevande ricchi di zuccheri, sale e grassi imperversa su internet. Bambini e adolescenti vittime privilegiate

SALUTE | 04-11-2016

Responsive image

La depressione si nasconde nel Dna
Sono 17 i geni coinvolti nell’origine della patologia

SALUTE | 10-08-2016

Responsive image

Ecstasy, possibile cura per la depressione
Sostanze psichedeliche si sostituiscono ai farmaci contro depressione, stress post traumatici e varie forme di dipendenza

SALUTE | 14-06-2016

Responsive image

Inquinamento classista: uccide più i poveri che i ricchi
Tre milioni di persone muoiono ogni anno a causa dell’inquinamento. È in arrivo una road map per combatterlo

ESTERI | 12-05-2016

Responsive image

Responsive image

Amicizia meglio della morfina: aumentano le endorfine e si tollera meglio il dolore
Uno studio scientifico della Oxford University dimostra che il contatto umano alza il livello di attività degli antidolorifici naturali

SALUTE | 29-04-2016

Responsive image

Oms: 12,6 milioni i decessi a causa dell'inquinamento
1,4 milioni di morti solo in Europa

ESTERI | 15-03-2016

Responsive image

Notti insonni tra il rumore del pianto: bimba soffocata con un cuscino
Succede a Cosenza: la madre della piccola è sospettata per aver compiuto il terribile gesto

CRONACA | 21-02-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia