Insetti alieni, in pericolo l'economia e la salute L'invasione della vespa orientalis e della vespa velutina - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SCIENZE E TECNOLOGIA

 

10-04-2017

Insetti alieni, in pericolo l'economia e la salute

L'invasione della vespa orientalis e della vespa velutina


Responsive image

Complice il clima troppo temperato, anche fuori stagione, trovano terreno fertile in Italia i cosiddetti insetti alieni. Provengono per lo più dai paesi orientali come la rossa vespa orientalis e la vespa velutina, meglio nota come calabrone asiatico. A lanciare l’allarme è la Società italiana di allergologia, asma e immunologia clinica in occasione del trentesimo congresso nazionale che si è svolto a Firenze dal 6 al 9 aprile. La vespa orientalis originaria del Sud Est europeo e del Medio Oriente è presente soprattutto in Sicilia ma sta risalendo verso l'intera penisola. Già presente in Piemonte e Liguria, la  velutina, ivece, si sta espandendo in Francia, Spagna e Portogallo con colonie molto grandi.

 

Sia la vespa orientalis che quella velutina poi, poiché in grado di danneggiare gli alveari e la produzione del miele, costituirebbero un pericolo anche per l'economia oltre che per la salute. Ma non sono gli unici insetti alieni ad aver invaso l’Italia. Basti pensare alla cinipide o vespa del castagno che, in arrivo dalla Cina, tra il 2013 e il 2014 ha messo in crisi la produzione di castagne in Italia. Oppure al punteruolo rosso del Sud Est asiatico, micidiale parassita per molte specie di palme. Per non parlare della fastidiosa zanzara tigre sempre originaria del Sud Est asiatico e giunta nel nostro Paese a fine anni '90. E della cimice cinese che, diffusa per lo più tra Friuli e Veneto, causa danni alla frutticoltura e all'orticoltura.

 

Ritornando agli insetti alieni di ultima generazione, quali la vespa orientalis e quella velutina, gli allergologi assicurano che queste specie non sono più aggressive di quelli italiane ma rappresentano comunque un rischio. Non conoscendo ancora, infatti, la composizione del veleno che iniettano in caso di puntura, gli esperti potrebbero essere colti impreparati su diagnosi e terapie. In ogni caso, sarebbe consigliabile, soprattutto per i soggetti allergici, ricorrere al vaccino (solo un paziente su 7 ne usufruisce). Ogni anno, infatti, sono 5 milioni gli italiani punti da un'ape, da una vespa o da un calabrone. Di questi soggetti, circa 400mila sviluppano reazioni allergiche o shock anafilattico che solo in casi estremi portano al decesso.

di Valeria De Simone
 





Responsive image
Responsive image


POLITICA

Responsive image

Roma. 25 euro a notte in hotel e 10 euro a pasto: la proposta di Raggi per chi rimane senza casa

Hotel solidali per chi rimane improvvisamente senza alloggio per incendi, crolli,...

ESTERI

Responsive image

Poop Café, e la cacca è servita

Dolci con le sembianze di cacca e bevande servite in tazze a forma di Wc

CRONACA

Responsive image

Cellulari e tumori. Quando i giudici tolgono la toga e vestono i panni di scienziati

La scienza non ha mai confermato la relazione tra l'insorgenza di tumori e le onde...

CULTURA

Responsive image

Roma, International Tattoo Expo: una fiera a colpi di inchiostro

In programma al Palazzo dei Congressi dell’Eur il 5, 6 e 7 maggio



SALUTE

Responsive image

Aspirina, ecco come l'antinfiammatorio riduce il rischio cancro

La scoperta del Massachussetts General Hospital di Boston

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

‘Mosè’ Zuckerberg: i dieci comandamenti di Facebook contro le fake news

Il colosso dei social network muove guerra alle notizie false. Uno degli ultimi casi ha...


Responsive image


Responsive image