Insetti alieni, in pericolo l'economia e la salute L'invasione della vespa orientalis e della vespa velutina - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SCIENZE E TECNOLOGIA

 

10-04-2017

Insetti alieni, in pericolo l'economia e la salute

L'invasione della vespa orientalis e della vespa velutina


Responsive image

Complice il clima troppo temperato, anche fuori stagione, trovano terreno fertile in Italia i cosiddetti insetti alieni. Provengono per lo più dai paesi orientali come la rossa vespa orientalis e la vespa velutina, meglio nota come calabrone asiatico. A lanciare l’allarme è la Società italiana di allergologia, asma e immunologia clinica in occasione del trentesimo congresso nazionale che si è svolto a Firenze dal 6 al 9 aprile. La vespa orientalis originaria del Sud Est europeo e del Medio Oriente è presente soprattutto in Sicilia ma sta risalendo verso l'intera penisola. Già presente in Piemonte e Liguria, la  velutina, ivece, si sta espandendo in Francia, Spagna e Portogallo con colonie molto grandi.

 

Sia la vespa orientalis che quella velutina poi, poiché in grado di danneggiare gli alveari e la produzione del miele, costituirebbero un pericolo anche per l'economia oltre che per la salute. Ma non sono gli unici insetti alieni ad aver invaso l’Italia. Basti pensare alla cinipide o vespa del castagno che, in arrivo dalla Cina, tra il 2013 e il 2014 ha messo in crisi la produzione di castagne in Italia. Oppure al punteruolo rosso del Sud Est asiatico, micidiale parassita per molte specie di palme. Per non parlare della fastidiosa zanzara tigre sempre originaria del Sud Est asiatico e giunta nel nostro Paese a fine anni '90. E della cimice cinese che, diffusa per lo più tra Friuli e Veneto, causa danni alla frutticoltura e all'orticoltura.

 

Ritornando agli insetti alieni di ultima generazione, quali la vespa orientalis e quella velutina, gli allergologi assicurano che queste specie non sono più aggressive di quelli italiane ma rappresentano comunque un rischio. Non conoscendo ancora, infatti, la composizione del veleno che iniettano in caso di puntura, gli esperti potrebbero essere colti impreparati su diagnosi e terapie. In ogni caso, sarebbe consigliabile, soprattutto per i soggetti allergici, ricorrere al vaccino (solo un paziente su 7 ne usufruisce). Ogni anno, infatti, sono 5 milioni gli italiani punti da un'ape, da una vespa o da un calabrone. Di questi soggetti, circa 400mila sviluppano reazioni allergiche o shock anafilattico che solo in casi estremi portano al decesso.

di Valeria De Simone
 





Responsive image
Responsive image


POLITICA

Responsive image

Roma, il Comune investe sui cimiteri. E fa sapere che ne costruirà di nuovi

Cimiteri capitolini: 250 ettari di degrado. Il Campidoglio interverrà, ma non si sa...

ESTERI

Responsive image

Francia, auto investe militari alle porte di Parigi. Possibile attacco terroristico

I militari dell’antiterrorismo stavano uscendo dalla loro caserma quando una Bmw è...

CRONACA

Responsive image

Prostituzione minorile. Giro gestito da donna 60enne: clienti obbligati a fare sesso prima con lei

La sfruttatrice utilizzava i social network per procacciarsi i clienti

CULTURA

Responsive image

Zoomarine: mamma Penelope dà alla luce 4 tartarughe giganti

Possono arrivare a pesare 100 kg. Nuova nidiata dovrebbe schiudersi nei prossimi giorni



SALUTE

Responsive image

Morbillo in Italia: è epidemia. +370% di casi rispetto all’anno scorso

La bambina morta al Bambino Gesù il 28 giugno era affetta dal virus del morbillo:...

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Trombe d'aria in Italia: sono in aumento? Cosa fare per proteggersi

Ieri paura a Ostia per un vortice di vento che ha causato 10 feriti


Responsive image

SPORT

Responsive image

Antonio Cassano, quando il genio incontra la sregolatezza

Fantantonio ci ripensa di nuovo: lascia il Verona, ma non il calcio giocato


Responsive image