Aspirina, ecco come l'antinfiammatorio riduce il rischio cancro La scoperta del Massachussetts General Hospital di Boston - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SALUTE

 

10-04-2017

Aspirina, ecco come l'antinfiammatorio riduce il rischio cancro

La scoperta del Massachussetts General Hospital di Boston


Responsive image

Un uso quotidiano e a basse dosi dell’aspirina ridurrebbe il rischio di mortalità dovuto a diversi tumori. Non solo. Assumerla con regolarità potrebbe addirittura diminuire lo stesso rischio di ammalarsi di cancro. La conferma arriva dall’incontro annuale dell’American association for cancer research che si è svolto a Washington a inizio aprile. L’indagine è stata condotta dal Massachussetts General Hospital di Boston in collaborazione con la Harvard Medical School. Più di 130.000 gli  individui sotto esame dal 1980 al 2012.  Dopo 32 anni di ricerca è emerso che la mortalità generale tra chi ha usato aspirina regolarmente almeno per 6 anni è risultata più bassa del 7% per le donne e dell’11% per gli uomini.

 

Il dottor Yin Chao, responsabile dello studio, ha precisato: «L’effetto positivo emerso dall’uso di aspirina, in termini di mortalità è risultato inversamente proporzionale all’effetto negativo di un aumento dei rischi di cancro e di morte associati all’obesità». In particolare, significativa è la riduzione di morte per il tumore del colon-retto: meno 31% tra le donne che prendono aspirina regolarmente e meno 30% tra gli uomini. Dati positivi anche per il rischio di morte per cancro del seno, risultato inferiore dell’11% tra le consumatrici abituali di aspirina. E per il cancro alla prostata, ridotto tra gli uomini del 23%. 

 

Ma perché proprio l’aspirina? Oltre a essere un analgesico, per via del principio attivo dell’acido acetilsalicilico, è anche un potente antinfiammatorio. E in quanto tale può essere considerato un buon agente nella prevenzione di quelle patologie che sono associate ad uno stato infiammatorio cronico. Comprese alcune forme di cancro. Negli ultimi anni, infatti, si è appurato che i processi tumorali possano essere favoriti proprio da uno stato di infiammazione cronico. Quest'ultimo infatti, facilitando gli errori del DNA, comporterebbe una conseguente proliferazione delle cellule tumorali.

di Valeria De Simone
 





Responsive image
Responsive image


POLITICA

Responsive image

Elezioni comunali 2017: il centrosinistra perde comuni, Renzi perde la lezione

'Le amministrative non sono le politiche', minimizza il segretario del Pd. Il...

ESTERI

Responsive image

Cina, frana travolge un villaggio

Travolte 40 abitazione del villaggio di Xinmo: circa 140 persone intrappolate sotto le...

CRONACA

Responsive image

CULTURA

Responsive image

Serie Tv profeta. House of Cards aveva predetto il rogo della Grenfell Tower

Nella serie inglese, andata in onda nel 1993, un palazzo andava in fiamme proprio a...



SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Cerchi lavoro? Da oggi ci pensa Google

Nasce Google for jobs che aiuta nella ricerca delle offerte lavorative online


Responsive image

SPORT

Responsive image

Roma: Il nuovo coro è già virale. Sulle note di Despacito la Curva Sud attende la prossima stagione

La nuova creazione verrà presentata ufficialmente al ritiro di Pinzolo

MUNICIPIO DEL MARE

L’associazione Ostia Protagonista segnala il pericolo incendi


Responsive image