Vip nel mirino dell’Isis? Qualcosa sta cambiando La minaccia su un biglietto rinvenuto sul luogo dell’attacco al Borussia Dortmund. Potrebbe trattarsi di una cellula tecnologicamente più evoluta - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

13-04-2017

Vip nel mirino dell’Isis? Qualcosa sta cambiando

La minaccia su un biglietto rinvenuto sul luogo dell’attacco al Borussia Dortmund. Potrebbe trattarsi di una cellula tecnologicamente più evoluta


Responsive image

«Tutti gli attori pagani, i cantanti, gli atleti ed altre celebrità in Germania ed in altre nazioni crociate sono sulla lista di morte dello Stato Islamico». È questo il contenuto del biglietto ritrovato sul luogo dell’attacco al pullman della squadra di calcio tedesca del Borussia Dortmund. Sono i vip il nuovo obiettivo del terrorismo di matrice islamista, che continuerà a mietere vittime – come si legge sul biglietto – «fino a quando non saranno rispettate le seguenti condizioni: ritirare i Tornado dalla Siria, chiudere la base aerea di Ramstein». Gli esperti di intelligence, però, sollevano dubbi importanti sull’origine dell’attacco.

 

Lo cautela che permea l’intera dinamica dell’episodio è dovuta a due ragioni: il dichiarato cambio di obiettivo e la natura dell’ordigno usato per colpire la squadra tedesca. I terroristi hanno sempre puntato ad ambienti affollati, al fine di punire il maggior numero possibile di “infedeli occidentali”. Atleti e personaggi dello spettacolo erano stati finora solo un mezzo per colpire i grandi luoghi di incontro frequentati da gente comune: tragici simboli del modus operandi terroristico sono il locale francese Bataclan e lo Stade de France durante gli attentati di Parigi del novembre 2015. Se l’attentato al bus del Borussia Dortmund fosse di matrice islamista, la Germania dovrebbe fare i conti con una cellula terroristica nuova, più sofisticata nella forma e nei metodi, che ha scelto un’altra (delle tante) modalità ordinate dal Califfato per eseguire stragi. Al momento ci sono solo due sospettati per la mancata mattanza: un iracheno, arrestato ieri pomeriggio, e un altro uomo di nazionalità tedesca tuttora ricercato. I loro nomi sono associati agli stessi ambienti islamisti frequentati da Anis Amri, l’attentatore tunisino di Berlino.  

 

La tipologia dell’ordigno pone altri freni all’individuazione dell’origine dell’attacco. È stato fabbricato da mani esperte e conteneva esplosivo militare convenzionale misto a chiodi, metodo di stampo anarchico che apre la strada alla possibilità del “terrorismo interno”. Come riporta Il Messaggero, una seconda rivendicazione dell’attentato è arrivata tramite Twitter dal gruppo Antifa, collettivo antifascista internazionale di ispirazione comunista, anarchica e socialista libertaria, che si oppone all’ascesa dell’estrema destra alle prossime elezioni tedesche. Il bus del Borussia Dortmund – secondo quanto si legge nella rivendicazione – è stato attaccato perché la squadra non si impegna abbastanza per fronteggiare razzisti, nazisti e populisti di destra. Ma la magistratura federale tedesca è cauta sull’ipotesi di terrorismo interno, poiché lo spettro della matrice islamista aleggia anche sulla tipo di bomba utilizzato. Da San Pietroburgo al bus della squadra di calcio tedesca, infatti, i terroristi hanno sperimentato una tecnica che supera la modalità kamikaze. Non più uomini pronti ad immolarsi o a farsi uccidere, ma ordigni comandati a distanza che ne rendono superflua la presenza.  

 

Le indagini sull’attentato al Borussia Dortmund proseguono con prudenza. Ancora troppe le piste da analizzare, tutte con la stessa accuratezza. La matrice islamista, però, resta la più probabile per i tedeschi, che potrebbero trovarsi a fronteggiare una cellula terroristica tecnologicamente più avanzata e più evoluta rispetto ai terroristi “tradizionali” che hanno attaccato Bruxelles, Nizza, Londra e Berlino. 

di Serena Gazzaneo
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

L’Isis stava per commercializzare in Italia la ‘droga del combattente’
Sequestrati più di 24 milioni di pasticche

CRONACA | 03-11-2017

Responsive image

Isis: l'avvelenamento dei cibi è la nuova strategia del terrore?
L'ultimo appello ai lupi solitari inviterebbe questi a iniettare cianuro negli alimenti nei supermercati

ESTERI | 04-09-2017

Responsive image

Attentato Barcellona: terrorista in fuga verso la Francia. L’Isis esulta per gli attacchi in Spagna e Finlandia
Anche in Russia si è verificata un’aggressione con coltello in strada: si indaga

ESTERI | 19-08-2017

Responsive image

Ecco perché l’Iran è il nuovo nemico dell’Isis
Guerra tra sciiti e sunniti e fronte siriano: i motivi di un odio sopito per tanto tempo

ESTERI | 08-06-2017

Responsive image

Responsive image

Iran, Isis rivendica il doppio attentato a Teheran. Deputati durante attacco: «Morte agli Usa»
La situazione sta tornando lentamente alla normalità. Il presidente del Parlamento, Larijani, dichiara: «I terroristi hanno l’Iran come obiettivo»

ESTERI | 07-06-2017

Responsive image

Melbourne, il terrorista alla tv: 'Questo è per l'Isis'
L'attentato terroristico è stato rivendicato

ESTERI | 06-06-2017

Responsive image

Comincia il Ramadan, ma l’Isis non ci lascia a digiuno dal terrore
E dall'America un giornalista musulmano insegna il galateo del Ramadan

CULTURA | 27-05-2017



POLITICA

Responsive image

Governo o non Governo, questo è il problema: secondo tentativo per la Casellati

Proseguono le consultazioni. Entro venerdì la Presidente del Senato dovrà...

CRONACA

Responsive image

Questione Siria, la posizione dell'Italia: 'a fianco degli alleati, ma non coinvolta direttamente'

Anche il nostro paese si schiera contro l’attacco chimico in Siria

CULTURA

Responsive image

Quei prepotenti del Mep che tappezzano i muri di poesie

A noi è capitato di trovarli a Siena, ma i poeti urbani sono dappertutto



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Europa League. Follia Lazio: in sei minuti gettata via la semifinale

I biancocelesti crollano contro il modesto Salisburgo. Ora arriva il derby per provare a...

MUNICIPIO DEL MARE

Fuori dal Tribunale associazioni e sindacati fanno sentire la loro vicinanza alla giornalista di Repubblica


Responsive image