Premio alla nascita: come richiederlo e quali sono i requisiti necessari Il bonus può essere richiesto anche in caso di affidamento o adozione di un minorenne - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

03-05-2017

Premio alla nascita: come richiederlo e quali sono i requisiti necessari

Il bonus può essere richiesto anche in caso di affidamento o adozione di un minorenne


Responsive image

La legge di bilancio del 2017 dà la possibilità alle neo mamme di richiedere un bonus bebè, denominato nella normativa bonus mamma domani. La manovra di quest’anno, aggiunta al decreto legislativo 193 del 2016, dovrebbe produrre risorse per 4,2 miliardi di euro, già destinati a servizi per la società . Il bonus alla nascita è presente nel comma 1 dell’articolo 48 della legge di bilancio 2017. Dal 4 maggio, dà la possibilità alle neo mamme di richiedere un bonus da 800 euro, anche in caso di adozione o di affidamento di un minore.

 

Per fare domanda si può seguire il procedimento disponibile sul sito dell’Inps, richiedere il servizio agli enti di patronato, o chiamando il Contact Center al numero verde 803 164 da rete fissa o il 06 164 164 da rete mobile. I requisiti invece prevedono:

1. 7° mese di gravidanza;

2. Se il minore è stato adottato o affidato, deve essere presente una sentenza definitiva;

3. Nascita anche antecedente all’ottavo mese di gravidanza;

4. Affidamento preadottivo disposto tramite un’ordinanza.

 

Corrisposto dall’Inps, il bonus è valido solo per i bambini nati, affidati o adottati dal primo gennaio 2017. Il bonus vale per ogni bambino, quindi se una famiglia nell’arco di tempo previsto darà alla luce o adotterà più bambini, ognuno di loro riceverà il contributo. La domanda si può fare fino a un anno dalla nascita, e sarà valida fino al 4 maggio del 2018. L’assegno verrà versato in un’unica soluzione tramite bonifico bancario o domiciliato, su carta prepagata con codice IBAN o su libretto postale. Il comma 1 dell’articolo 48 della legge di bilancio prevede inoltre un assegno di 960 euro, già in vigore e valido dal 1° gennaio 2015, corrisposto mensilmente fino al terzo anno di età. Per accedere a questo bonus, però, la famiglia dovrà presentare l’Isee e avere un reddito massimo di 25.000 euro. Il contributo sarà raddoppiato se l’ Indicatore di situazione economica equivalente non supera i 7.000 euro. In ogni caso, i due bonus non concorrono alla formazione del reddito complessivo.

                 

                                                                                              di Alessandro Bovo

 





Responsive image
Responsive image


CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia