Longevità: il trucco è interagire con gli amici e condividere le idee Come raggiungere e varcare la soglia dei 100 anni in salute - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SALUTE

 

13-06-2017

Longevità: il trucco è interagire con gli amici e condividere le idee

Come raggiungere e varcare la soglia dei 100 anni in salute


Responsive image

È il sogno di tutti, celato o manifesto: una vita lunga e ricca di salute. Ma qual è il segreto per la conquista della tanto agognata longevità? Certamente non esiste la ricetta magica per raggiungere o varcare la soglia dei 100 anni, ma ci sarebbero delle regole da rispettare e dei consigli da seguire, suggeriti dagli scienziati e da coloro che hanno già tagliato l’ambito traguardo. La longevità è determinata da una serie di fattori concomitanti: la genetica, l’ambiente, l’alimentazione e, in generale, lo stile di vita. Ma se nulla possiamo a favore dei geni, è invece possibile agire positivamente sugli altri fattori.

 

Secondo gli esperti, l’interazione con un ambiente sano e privo di inquinamento tiene lontane numerose malattie e preserva, compatibilmente con il quadro clinico personale, il sistema immunitario. Dunque, meglio la campagna e il contatto con la natura, fonte di ossigeno e di stimoli sensoriali favorevoli, sia per il corpo che per la mente. Anche l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale. Nutrizionisti e geriatri sono concordi nel confermare tutti i benefici dei cibi freschi e genuini, possibilmente preparati in casa, non eccessivamente grassi o troppo elaborati. Fondamentali sono la frutta, la frutta secca, la verdura e i legumi, una vera e propria miniera di vitamine e sali minerali, e un toccasana non soltanto per l’intestino, ma anche per la salute di tutti gli altri organi. Via libera anche agli alimenti ricchi di antiossidanti (sostanze in grado di neutralizzare i famigerati radicali liberi, che danneggiano il Dna e inducono l’organismo a invecchiamento precoce) quali, per esempio, olio extravergine d’oliva, peperoncino, aglio, e tanti altri prodotti che ci vengono offerti da madre natura. Ottimi anche i cibi a base di farine integrali, che aiutano l’eliminazione delle scorie, rallentano l’assorbimento degli zuccheri (dannosi soprattutto per coloro che soffrono di iperglicemia e diabete) e favoriscono la salute della flora batterica intestinale, preziosa alleata della longevità.

 

Anche lo stile di vita è determinante per il raggiungimento di una vecchiaia in buona salute. L’abbandono di abitudini nocive, come il fumo e l’eccesso di bevande alcoliche, il mantenimento del peso forma e l’attività fisica, per esempio una passeggiata all’aria aperta almeno tre volte a settimana, secondo la scienza ridurrebbero sensibilmente l’incidenza di malattie cardiovascolari, degenerative cerebrali e di alcuni tipi di tumore, in primis quello all’intestino. Ma per rallentare l’invecchiamento e tentare di raggiungere o di superare l’ambito traguardo dei 100 anni nel pieno delle proprie facoltà mentali, sono fondamentali i rapporti sociali attivi: l’interazione con amici e persone con le quali condividere idee, esperienze di vita e passioni. Compagnia e clima sereno aiutano a tenere lontano lo stress, tra i nemici più temibili della salute fisica e psicologica, e mantengono attive le facoltà mentali.

  

L’Italia è ricca di centenari e ultracentenari. Tra le regioni più longeve si può annoverare la Sardegna, in particolare l’entroterra, che vanta ultracentenari quali Antonio Todde (1889-2002), che aveva quasi raggiunto i 113 anni, e Valerio Piroddi, classe 1905, che lo scorso anno ha spento 111 candeline, ottenendo lo scettro del più vecchio d’Italia. Il vecchietto ha dichiarato in diverse occasioni a giornalisti e cineoperatori che il segreto della sua longevità è da attribuirsi ai piatti semplici della sua terra. Anche Emma Morone, Piemontese, morta all’età di 117 anni e 137 giorni  ha affermato più volte, alla presenza di reporter locali, nazionali e internazionali, che il raggiungimento del suo invidiabile traguardo è stato influenzato positivamente da un’alimentazione povera e genuina, composta, in particolare, da due uova crude al giorno, di galline rigorosamente ruspanti.

Sogno, miracolo, eredità genetica, o frutto di una vita sana e scevra da vizi? La longevità è un mix di tutti questi fattori, ai quali bisogna aggiungere l’ottimismo. Perché il buon umore e la capacità di affrontare con coraggio e fiducia i momenti più bui dell’esistenza è un elisir potentissimo per varcare la soglia tanto agognata.

di Carla Maria Casula

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Missione Nasa: astronauta torna con la vita allungata
Scott Kelly è tornato dallo spazio con una mutazione del Dna

SCIENZE E TECNOLOGIA | 31-01-2017

Responsive image

Il segreto della longevità esiste e si trova in Sardegna
Società inglese acquista banca dati nostrana che conserva i patrimoni genetici di popolazioni sarde di ultracentenari

SALUTE | 20-07-2016

Responsive image

La donna più anziana al mondo è italiana: quale il segreto di Emma Morano?
Prima di Emma era toccato a Susannah Mushatt: 116 anni di storia sulle pelle

CRONACA | 13-05-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia