Con-tatto, al Museo di Roma si può sentire la pittura con le mani Le opere di Caravaggio, Raffaello, Correggio in un’esperienza tattile fino al 1 ottobre - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CULTURA

 

11-07-2017

Con-tatto, al Museo di Roma si può sentire la pittura con le mani

Le opere di Caravaggio, Raffaello, Correggio in un’esperienza tattile fino al 1 ottobre


Responsive image

È stata inaugurata il 28 giugno la mostra Contatto, sentire la pittura con le mani, al Museo di Roma a Palazzo Braschi. Sarà visitabile fino al 1 ottobre e permette l’esplorazione tattile di quattro capolavori pittorici, riprodotti in forma di rilievi per permettere anche ai non vedenti di scoprire le opere in modo bidimensionale. Si tratta di un nuovo modo di vivere l’arte, non più solo visiva, ma coinvolgente il senso del tatto, che permette di scoprirla gradualmente attraverso le forme di cui è composta, la morbidezza delle superfici, le distanze più o meno facili da misurare.

 

Contatto è allestita al piano terra di Palazzo Braschi, con accesso diretto dal cortile, ed è a ingresso gratuito per tutti. Le quattro opere tradotte in tavolette tattili sono Il Compianto sul Cristo morto del Correggio (Parma, Galleria Nazionale), il Profeta Isaia di Raffaello (affresco della chiesa di S. Agostino di Roma), la Maddalena penitente di Caravaggio (Galleria Doria Pamphilj, Roma) e un’altra opera di Caravaggio, la sua Madonna dei pellegrini (chiesa di S. Agostino, Roma). La visita è coadiuvata da schede descrittive scritte in braille e in sala sono presenti alcuni operatori del Servizio Civile nazionale che guideranno gli ospiti nell’esplorazione tattile delle tavole.

 

Questa nuova esposizione del Museo di Roma è continuativa dei progetti dedicati all’ampia accessibilità dei musei del comune, quali Musei da toccare e Art for the blind. La mostra Contatto era già stata ospitata nel 2016 nel Palazzo Rospigliosi di Zagarolo, ispirata al testo di Francesco Scannelli, Microcosmo della pittura. È stata ideata e promossa dal prof. Carmelo Occhipinti del Dipartimento di studi Letterari, Filosofici e di Storia dell’Arte dell’Università di Roma “Tor Vergata”, assieme a  Federica Bertini e ad Alessandro Marianantoni.

Contatto tratta di un modo di vivere l’arte che, attraverso il senso del tatto, richiama il vissuto individuale e il bagaglio emozionale del pubblico e lo coinvolge in un’esperienza prolungata, rispetto al solito colpo d’occhio con il quale si valutano usualmente le immagini pittoriche. 

                                                                    di Sara Iacono

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Inghilterra, si dimentica 27 lenti a contatto nell’occhio
La signora non si era accorta di ‘quella massa dal colore bluastro’

ESTERI | 19-07-2017

Responsive image

Incubo nichel in Italia. Se fossimo allergici senza saperlo?
Non esiste solo l’allergia da contatto. Ecco cos’è la sindrome da allergia sistemica al nichel

SALUTE | 11-05-2017

Responsive image


POLITICA

Responsive image

Emergenza idrica, ministro dell’Ambiente: «A Roma spreco inaccettabile»

Infrastrutture idriche 'colabrodo' e la preoccupante situazione del lago di Bracciano: il...

ESTERI

Responsive image

Barcellona, 54 feriti in stazione

Un treno proveniente da Terragona si è schiantato contro la banchina

CRONACA

Responsive image

Roma, metro A chiusa per lavori. I residenti: «In questa città non si può fare più nulla»

Emergenza idrica, divieto di consumare bevande alcoliche e, in ultimo, chiusura della...



SALUTE

Responsive image

Morbillo in Italia: è epidemia. +370% di casi rispetto all’anno scorso

La bambina morta al Bambino Gesù il 28 giugno era affetta dal virus del morbillo:...

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Trombe d'aria in Italia: sono in aumento? Cosa fare per proteggersi

Ieri paura a Ostia per un vortice di vento che ha causato 10 feriti


Responsive image

SPORT

Responsive image

Antonio Cassano, quando il genio incontra la sregolatezza

Fantantonio ci ripensa di nuovo: lascia il Verona, ma non il calcio giocato

MUNICIPIO DEL MARE

Questa sarebbe la soluzione secondo il prefetto Vulpiani


Responsive image