Tremonti: può essere lui il ponte fra Grillo e Salvini? In molti escludono questa possibile alleanza, ma la vicinanza dell'ex ministro alla Lega può far considerare ogni ipotesi - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

17-07-2017

Tremonti: può essere lui il ponte fra Grillo e Salvini?

In molti escludono questa possibile alleanza, ma la vicinanza dell'ex ministro alla Lega può far considerare ogni ipotesi


Responsive image

Due giorni fa sul Blog di Beppe Grillo è apparso un post il cui protagonista sembrerebbe apparentemente un pesce fuor d’acqua in un contesto mediatico così ostile ai politici, ma per l’ospite in questione evidentemente è stata fatta un’eccezione. Stiamo parlando dell’ex ministro dell’economia Giulio Tremonti, in carica l’ultima volta dal 2008 al 2011, cioè dall’oceanica elezione che ha visto il centrodestra trionfante alla caduta di Berlusconi in seguito all’incapacità di gestire la situazione emergenziale della crisi. L’ex ministro ha scritto una lettera molto breve ma concisa in cui ha stigmatizzato l’austerity e ha preso le distanze da tutta quella serie di provvedimenti che nel 2011 l’Ue ha dovuto prendere per limitare i danni derivanti da una gestione pessima dei debiti pubblici europei.

 

Che Tremonti avesse da tempo intenzione di tornare in scena lo testimoniano le numerose apparizioni televisive che ha ricominciato a fare negli ultimi tempi, ma certamente la scelta di questo scenario politico-mediatico ha significato qualcosa. Forse il senatore vuole semplicemente essere al centro della scena a conferma dell’egocentrismo e dell’eccesiva autostima che emerge chiaramente dai suoi libri, ma forse questa sortita potrebbe rappresentare un primo passo verso l’avvicinamento di due forze politiche solo apparentemente nemiche, il Movimento Cinque Stelle e la Lega Nord. Entrambi i partiti sono accomunati da un forte sentimento di sovranità nazionale in opposizione alla tecnocrazia burocratica europea, sono a favore di maggiore spesa pubblica per far ripartire l’economia, sposano le tesi anti-austerity e anti-euro di Bagnai e Borghi, e anche sul tema migranti il M5S sembra essere più simile alla Lega che non al Pd.

 

Nel frattempo però si avvicina sempre più la scadenza elettorale e verosimilmente si voterà a febbraio del prossimo anno. Dopo le elezioni francesi che hanno consegnato al moderato Macron presidenza e maggioranza, a settembre si voterà in Germania, dove nessuno dei due partiti possibili vincitori fa preoccupare i mercati. Noi rimaniamo a rischio da un lato a causa del nostro debito pubblico, terzo al mondo in valore assoluto, che oggi rasenta il 140% del Pil, ma dall’altro rischiamo ancor di più perché lo scontro elettorale che si profila all’orizzonte sembra giocarsi su chi offre il deficit più alto, quindi su chi si divertirà di più a scassare ancor di più le casse dello Stato e della finanza pubblica in generale. Con Renzi che propone un rapporto deficit/Pil al 2,9% costantemente, Grillo e Salvini che seguono le ricette Tremonti e Forza Italia che quelle ricette le ha inventate rischiamo di andare a votare sotto la spada di Damocle di uno spread che può risalire soprattutto dopo la fine del Quantitative easing europeo.

di Michelangelo Borri
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Governo o non Governo, questo è il problema: secondo tentativo per la Casellati
Proseguono le consultazioni. Entro venerdì la Presidente del Senato dovrà riportare la 'situazione governo' a Mattarella

POLITICA | 19-04-2018

Responsive image

Quirinale, al via la prima consultazione: Di Maio dice no a un'intesa con Forza Italia
Tajani punta il dito contro il leader grillino: “Antidemocratico”

POLITICA | 04-04-2018

Responsive image

Di Maio o Salvini? questo Premier “non s’ha da fare”
Lega e Movimento: sorgono contrasti ma ancora nessun governo

POLITICA | 29-03-2018

Responsive image

Roma esulta per i risultati anti-smog, ma Legambiente smorza subito l’entusiasmo
La Capitale non compare tra le 39 peggiori città italiane del 2017, ma nel nuovo anno la situazione è già critica

CRONACA | 30-01-2018

Responsive image

Responsive image

Perché la Roma-Lido è la linea ferroviaria peggiore d’Italia?
Legambiente presenta Pendolaria 2017: ecco i motivi per cui la linea che collega Porta San Paolo a Ostia conquista di nuovo il triste primato

MUNICIPIO CRONACA | 12-12-2017

Responsive image

Ostia. Si aprono le porte della 'palestra della legalità': a gennaio l'inaugurazione
La realizzazione del progetto a vocazione sociale del X Municipio è ormai a un passo

MUNICIPIO CRONACA | 14-10-2017

Responsive image

Ostia. La ministra Fedeli nel X Municipio per presentare Ansa Legalità e Scuola
Un progetto in partnership con Miur e dipartimento per le Pari Opportunità

MUNICIPIO CRONACA | 01-06-2017



ESTERI

Responsive image

Cosa succede in Medio Oriente? Caos e guerre: il mondo resta a guardare.

Ci siamo chiesti a cosa è dovuto questo silenzio.

CRONACA

Responsive image

Nord e sud Italia: un divario incolmabile

I dati dell'Istat sulla disparità economica e sanitaria in Italia

CULTURA

Responsive image

Quei prepotenti del Mep che tappezzano i muri di poesie

A noi è capitato di trovarli a Siena, ma i poeti urbani sono dappertutto



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Europa League. Follia Lazio: in sei minuti gettata via la semifinale

I biancocelesti crollano contro il modesto Salisburgo. Ora arriva il derby per provare a...

MUNICIPIO DEL MARE

Alla conferenza stampa di questa mattina presente anche Giuliana Di Pillo


Responsive image