Reati in Italia: percezione vs dati Delittuosità in calo secondo il Ministero degli Interni - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

10-10-2017

Reati in Italia: percezione vs dati

Delittuosità in calo secondo il Ministero degli Interni


Responsive image

Reati in calo. In Italia, come si apprende dall’ultimo dossier pubblicato dal Ministero degli Interni (agosto 2017), l’andamento delle delittuosità è in discesa. Dato che sorprende non poco se si considerano i continui fatti di cronaca di cui ci informano i media e che parte della classe politica spesso utilizza in propaganda elettorale. Guardando le cifre nel dettaglio, i delitti nell’ultimo anno sono scesi del 12,4% rispetto al 2016 (1.286.856 contro 1.463.156). Le rapine hanno visto un calo dell’11,33%, i furti del 10,29%, gli omicidi del 15%. Per quanto riguarda la lotta alla criminalità organizzata, le misure per la sicurezza adottate per il controllo capillare del territorio - con 192 unità aggiuntive di personale specializzato - da gennaio a luglio 2017 hanno prodotto l’arresto di 1133 mafiosi, 30 latitanti di rilievo (di cui uno di massima pericolosità) e 112 operazioni di polizia.

 

Ancora in tema di sicurezza, nel 2017 vediamo aumentare rispetto al 2016 la presenza di impianti di antifurti e videosorveglianza per le abitazioni, per i quali, riferisce Ania (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) al Sole 24 Ore, solo il 15% degli italiani stipula un’assicurazione per furto. Ad incidere sul calo dei furti d’auto invece è la diffusione di dispositivi satellitari, di cui l’Italia detiene il primato e che funzionano da antifurto e geolocalizzazione facilitandone il ritrovamento.

L’unico trend in crescita sembra essere quello delle frodi informatiche, da considerare prevedibile con l’aumento degli utenti di internet e della loro poca esperienza nella gestione dei dati.

 

Nel complesso, la situazione, dalla lettura dei numeri presentati dal Ministero degli Interni, è migliorata in tutto il territorio italiano, dove si differenziano i reati da regione a regione. Chiaramente i dati raccolti si basano sulle denunce presentate alle autorità, e rivolgersi alle autorità è sintomo di fiducia di riposta da parte delle istituzioni. In base al numero di denunce presentate, dunque, Milano e Torino sono le città italiane più “delittuose”, specie in riferimento al reato di furto.

di Barbara Pignataro

 





Responsive image
Responsive image


POLITICA

Responsive image

Governo o non Governo, questo è il problema: secondo tentativo per la Casellati

Proseguono le consultazioni. Entro venerdì la Presidente del Senato dovrà...

ESTERI

Responsive image

Cosa succede in Medio Oriente? Caos e guerre: il mondo resta a guardare.

Ci siamo chiesti a cosa è dovuto questo silenzio.

CULTURA

Responsive image

Quei prepotenti del Mep che tappezzano i muri di poesie

A noi è capitato di trovarli a Siena, ma i poeti urbani sono dappertutto



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Europa League. Follia Lazio: in sei minuti gettata via la semifinale

I biancocelesti crollano contro il modesto Salisburgo. Ora arriva il derby per provare a...

MUNICIPIO DEL MARE

Alla conferenza stampa di questa mattina presente anche Giuliana Di Pillo


Responsive image