Alternanza scuola-lavoro: un progetto pieno di crepe Proteste degli studenti (e non solo) in tutta Italia - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

13-10-2017

Alternanza scuola-lavoro: un progetto pieno di crepe

Proteste degli studenti (e non solo) in tutta Italia


Responsive image

Oggi le piazze d’Italia pullulano di studenti. Liceali e universitari si riuniscono per mobilitarsi contro il programma di alternanza scuola-lavoro che, dal corrente anno scolastico 2017/2018, è divenuto obbligatorio per tutti gli studenti dell’ultimo triennio di superiori. Il Ministero dell’Istruzione ha disegnato il progetto nel 2015, mosso dall’intento di stimolare la creatività degli alunni e di renderli edotti delle dinamiche di funzionamento del mondo del lavoro. Per fare ciò, è stato fissato un ammontare di ore piuttosto considerevole da dedicare all’attività lavorativa: 400 ore per gli studenti degli istituti tecnici e 200 ore per gli studenti liceali. L’alternanza scuola-lavoro, avrebbe dovuto sopperire alle lacune di cui soffre il sistema scolastico, fondato su percorsi che fin troppo spesso non riescono a essere professionalizzanti per gli studenti.

 

Lo stato attuale dei fatti, tuttavia, suggerisce che sia sorto più di un problema durante il processo di compimento di questo pregevole obiettivo. Non a caso, in migliaia hanno preso parte alle proteste di questa mattina per manifestare il proprio sdegno nei confronti del progetto. In tutte le città italiane orde di studenti in tuta da lavoro blu si sono fatte avanti contro lo sfruttamento e contro l’irrazionalità del sistema scuola-lavoro. I punti dell’iniziativa più discussi e malvisti sono due: innanzitutto non viene data la possibilità agli studenti di esprimere una preferenza circa l’attività lavorativa da compiere. In altre parole, l’azienda per cui si svolgerà l’attività lavorativa, salvo casi fortunati, opera in un settore di nessun interesse per il ragazzo. In secondo luogo, l’organizzazione di tutto il programma sembra soffrire di una serie di limiti: non trattandosi di lavoratori, gli studenti non vengono retribuiti per il lavoro svolto. Il che è naturale e non potrebbe essere altrimenti. Tuttavia il rimborso delle spese affrontate per aderire al programma – che ricordiamo è obbligatorio – dovrebbe essere garantito. Il che, di fatto, non sempre avviene: a titolo di esempio, stando ai dati regionali 2017 dell’Unione degli Studenti, in Puglia il 31% dei ragazzi non è riuscito a ottenere il rimborso spese.

 

Ma non finisce qui: la vicenda ha anche un ulteriore risvolto negativo. Si consideri che le aziende coinvolte nel progetto, avendo la possibilità di servirsi degli studenti, hanno a diposizione manodopera gratuita. Il che costituisce un grosso ostacolo per chiunque cerchi un impiego per le medesime posizioni lavorative e che abbia il diritto ad essere remunerato. Si comprende allora l’inconsueto impeto con cui oggi anche i ragazzi universitari stanno esprimendo la loro indignazione e la loro rabbia. Questo appello collettivo al Ministero dell’Istruzione sortirà qualche risultato? 

Foto Ansa

di Livia Larussa 

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Roma: arriva il salone dedicato ai corsi di lingua: Language Expo
Fiera specializzata in viaggi studio all’estero

CULTURA | 13-03-2019

Responsive image

“Vai a Tempo!”
Il tour-spettacolo dell’Università Niccolò Cusano dedicato agli studenti degli ultimi due anni di licei e istituti professionali

CULTURA | 01-03-2019

Responsive image

Morti sul lavoro: da gennaio sono 255 le morti bianche in Italia
I recenti episodi di La Spezia e Padova fanno riflettere su un problema che continua a persistere

CRONACA | 16-05-2018

Responsive image

Bullismo, violenza e social media: relazione pericolosa o percezione alterata?
Atti di violenza tra assenza di limiti, carenze educative e tecnologie

CRONACA | 21-04-2018

Responsive image

Responsive image

Professori vittime dei bulli. Maria Rita Parsi: 'Serve un nuovo modo di concepire l'istruzione'
La nuova frontiera del bullismo: minacce e violenza sui professori

CRONACA | 20-04-2018

Responsive image

Ostia, la 'Scuola del Mare e del Bosco' è promossa alle medie
Presentazione del progetto giovedì 21 dicembre

MUNICIPIO TERRITORIO | 14-12-2017

Responsive image

Palermo, scuola Giovanni Falcone: uccello decapitato all'ingresso. Intimidazione?
E' il secondo episodio di questo tipo nell'istituto del quartiere Zen: tre giorni fa decapitata statua dedicata al magistrato

CRONACA | 13-07-2017



CULTURA

Responsive image

Roma: arriva il salone dedicato ai corsi di lingua: Language Expo

Fiera specializzata in viaggi studio all’estero



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia


Responsive image