In Italia primo caso al mondo di tumore allo stomaco asportato con endoscopia La paziente è stata in grado di lasciare l'ospedale tre giorni dopo l'intervento - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SALUTE

 

18-10-2017

In Italia primo caso al mondo di tumore allo stomaco asportato con endoscopia

La paziente è stata in grado di lasciare l'ospedale tre giorni dopo l'intervento


Responsive image

Per la prima volta un tumore allo stomaco è stato asportato senza chirurgia con un intervento endoscopico, un metodo di esplorazione che dal punto di vista medico permette di vedere all’interno del corpo. Si tratta di un tubo ottico munito di microcamere che mostrano le immagini su un computer. L’operazione è stata realizzata dal dottor Antonio Granata e dal dottor Mario Traina, all’Istituto Mediterraneo per i Trapianti ad Alta Specializzazione di Palermo. L'endoscopia, fino a oggi, era stata usata solo per diagnosi o come elemento di supporto durante un intervento chirurgico.

  

 

Due le principali fasi dell’intervento: resettiva e di sutura. La fase resettiva è stata resa possibile grazie a un elettrobisturi endoscopico che ha asportato la neoformazione. La seconda fase, quella di sutura, è stata la più innovativa. L’operazione, infatti, è stata realizzata mediante un nuovo sistema di sutura endoscopica. Tramite uno strumento di nuova generazione, la parete dello stomaco della donna sottoposta all’intervento è stata richiusa senza la necessità di particolari tagli o tubi di drenaggio. La donna è stata sottoposta a una gastrectomia cuneiforme, ovvero l’asportazione di un tratto dello stomaco a forma di cuneo. Come riportato dall'Ansa, per Granata e Traina questo tipo di operazione è la prima mai realizzata al mondo a livello endoscopico, solo in Cina sono avvenuti alcuni interventi analoghi, ma sono stati portati a termine con tecniche di sutura obsolete.

 

 

La paziente è stata in grado di rimettersi in moto e di cibarsi già dopo quarant’otto ore dall’intervento, e ha potuto lasciare l’ospedale tre giorni dopo. Come riporta l’Ansa, secondo il chirurgo Massimo Traina sono numerosi i casi di tumore in Italia ogni anno come quello asportato a Palermo: «La tecnica può essere usata per asportare altri tumori anche in altre parti dell’intestino come il colon il retto e l’esofago». Si apre una nuova strada, dunque, che dà speranza e respiro a quelle persone che soffrono di patologie analoghe: grazie a una operazione meno dolorosa ma ugualmente funzionale, si può asportare un tumore allo stomaco in modo meno invasivo. 

 

di Nicholas Sabene

 





Responsive image
Responsive image


POLITICA

Responsive image

Non solo Di Battista: i più sentimentali ritiri dalla politica

Come si sono reinventati gli ex big della politica nostrana

ESTERI

Responsive image

9 novembre 1989: cade il Muro di Berlino. Dal 'Goodbye' a Lenin al progresso tedesco

A Berlino il simbolo della Guerra Fredda crollava portando la Germania a una nuova epoca

CRONACA

Responsive image

Roma, capitale dell'inquinamento: torna il blocco del traffico

Nelle giornate di mercoledì 22 e giovedì 23 novembre stop dei veicoli più...

CULTURA

Responsive image

Roma, ‘100 presepi’ da tutto il mondo in mostra

Fino al 7 gennaio presso la Sala del Bramante dalle ore 10:00 alle 20:00 festivi compresi



SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Roma, Google Street View ci paparazza nelle stazioni metro

Dal 14 al 21 novembre tutti in posa in 11 stazioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Mondiali 2018. Come sarebbe andata con la nostra formazione?

Italia-Svezia: tridente ElSha-Immobile-Insigne

MUNICIPIO DEL MARE

Il tribunale del Riesame di Roma ha respinto l'istanza di scarcerazione


Responsive image