Morte Bergamini: 28 anni di misteri. Riaperta l’inchiesta per omicidio Riesumata la salma del calciatore del Cosenza - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

30-10-2017

Morte Bergamini: 28 anni di misteri. Riaperta l’inchiesta per omicidio

Riesumata la salma del calciatore del Cosenza


Responsive image

Denis Bergamini, ex calciatore del Cosenza morto nel 1989 in un misterioso incidente sulla strada statale 106, sarebbe deceduto per soffocamento e non per il trauma dovuto allo scontro con un camion. La salma di Denis è stata riesumata a luglio per conto del gip di Castrovillari Eugenio Facciolla per cui evidentemente non sono bastate due precedenti inchieste da parte della magistratura. È stata soprattutto la sorella Donata a imporsi per ottenere la riapertura del caso e a far ripartire le indagini.

 

Il 18 novembre del 1989 Bergamini veniva trovato morto. Fin dalle prime perizie rimasero dei dubbi sulla causa del decesso: nessuno tra parenti e amici credette alla storia del suicidio. Il corpo non presentava segni di trascinamento, né tantomeno traumi tali da poter asserire che il calciatore si fosse buttato sotto il camion, come invece aveva dichiarato la allora fidanzata Isabella Internò. A distanza di ventotto anni la super perizia medico legale voluta dal gip del tribunale di Castrovillari riapre il caso. Riguardo la morte del calciatore fu anche scritto nel 2001  un libro dal titolo il Calciatore suicidato di Carlo Petrini (ex calciatore del Milan), nel tentativo di portare luce sull’evento.

 

Un risultato quello del nuovo esame, come riporta il Corriere del Sud, che «non collima con la tesi del suicidio sotto il camion in corsa e rafforza, invece, l'esito della consulenza del Ris di Messina, che definiva  incompatibile l'ipotizzato decesso causato dall'impatto con l'autocarro in movimento». L’ipotesi della procura è ora di omicidio e sarebbero ritenuti responsabili l’allora fidanzata del calciatore Isabella Internò e Raffaele Pisano, l’autista del camion che investì il calciatore. Il procuratore della Repubblica Facciolla non ha voluto rilasciare dichiarazioni in proposito. Sono attesi dunque nuovi risvolti per questa storia che necessita di chiarezza da troppo tempo.

 

Un busto di Denis Bergamini è oggi conservato nello spogliatoio del Cosenza mentre la curva sud dello stadio è intitolata a suo nome. La sua ultima partita Denis la giocò il 12 novembre 1989, con rete del suo grande amico Michele Padovano, in un Monza Cosenza finita 1-1. Padovano indossò la maglietta del suo amico, la numero 8, nella partita Cosenza Messina finita 2-0.  

 

di Nicholas Sabene

 





Responsive image
Responsive image


CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia