Roma-Lazio: sfida ad alta quota. Sarà il derby delle sorprese? Di Francesco ha lanciato Gerson, Inzaghi è Luis Alberto-dipendente - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SPORT

 

06-11-2017

Roma-Lazio: sfida ad alta quota. Sarà il derby delle sorprese?

Di Francesco ha lanciato Gerson, Inzaghi è Luis Alberto-dipendente


Responsive image

11 partite, 9 vittorie e 2 sconfitte. 27 punti, una partita da recuperare, 21 gol fatti, 7 subiti, miglior difesa del campionato, primato nel girone di Champions. Con la vittoria di domenica pomeriggio sul campo della Fiorentina, la Roma di Eusebio Di Francesco ha stabilito un nuovo record in serie A: 12 vittorie esterne consecutive, l'Inter di Mancini nel 2006-2007 si era fermata a 11.

11 partite, 9 vittorie, un pareggio e una sconfitta. 28 punti, una partita da recuperare, 31 gol fatti, 12 subiti, partenza migliore nella storia del club. Ma la Lazio di Simone Inzaghi in Europa ha fatto addirittura meglio e ha stabilito un record: conquistare l'accesso ai sedicesimi di Europa League a punteggio pieno, con 12 punti nelle prime 4 giornate.

 

Le due squadre della Capitale arrivano al derby in stato di grazia, come mai nella storia. Le stracittadine molto spesso sono state decise dalle prodezze dei campioni che hanno vestito le due maglie, da giocate illuminanti di giocatori che hanno fatto la storia dei due club. Dal cucchiaio di Totti nel 2001 (quello del prossimo 18 novembre sarà il primo derby senza il capitano), al poker di Montella, passando per il celebre gol di Di Canio sotto la curva Sud del 2005 fino al piazzato di Klose all'ultimo respiro nel derby del 2011. Eusebio Di Francesco e Simone Inzaghi di talenti in rosa ne hanno in abbondanza, ma la loro vera bravura di quest'anno è stata quella di rispolverare giocatori finiti nel dimenticatoio, dare loro una scossa, motivarli e finalmente vedere brillare il loro talento nascosto. Gerson Santos da Silva è un calciatore brasiliano, classe 1997, che fino all'anno scorso aveva collezionato più presenze in discoteca che in campo. L'ex allenatore giallorosso Luciano Spalletti non era riuscito a far sbocciare il talento del giovane brasiliano, forse perché troppo acerbo, forse perché veniva da un campionato totalmente diverso per tattica e stile di gioco, forse perché arrivato con tanta pressione, visto l'alto prezzo del suo cartellino (16,5 milioni la cifra spesa dalla Roma per strapparlo alla Fluminense). Pertanto, durante la scorsa stagione, Gerson ha collezionato la miseria di 11 presenze, segnando 0 gol. Ma quest'anno qualcosa è cambiato: Di Francesco sembra aver fatto dimenticare Spalletti e la sua cura funziona con tutti. Anche con Gerson, che ha iniziato a giocare subito, ha preso fiducia in gare importanti come quella a Stanford Bridge contro il Chelsea e domenica scorsa ha raccolto i primi frutti del suo lavoro. Nella complicata e spettacolare trasferta di Firenze, il giovane attaccante brasiliano ha messo a segno una splendida doppietta, che ha contribuito al dodicesimo successo esterno consecutivo giallorosso.

 

Sull'altra sponda del Tevere, un altro gioiello quasi dimenticato ha iniziato a brillare: si tratta di Luis Alberto, centrocampista spagnolo classe 1992, arrivato dal Liverpool alla Lazio nel 2016 per 4 milioni. Nato e cresciuto nella "cantera" del Barcellona, nel 2013 il Liverpool si accorge di lui. Sembra la chiamata della vita, ma le cose non vanno per il meglio: una manciata di presenze e più ombre che luci. Torna in prestito in Spagna, al Malaga e l'anno dopo va al Deportivo La Coruna, dove inizia a trovare spazio. La Lazio lo acquista, ma nella sua prima stagione, colleziona soltanto 10 presenze e un gol. Sembra uno dei tanti acquisti poco azzeccati di Tare e Lotito, ma Inzaghi chiede di non cederlo. Ha un colpo di genio e capisce che Luis è il giocatore perfetto per il suo modulo: trequartista, libero di svariare su tutto il fronte offensivo, alle spalle di Immobile. E la trovata è geniale: 16 presenze, 3 gol, 7 assist e tante, tantissime giocate d'autore. Tutti ne parlano, tutta Italia è stupita dal modo di giocare di Luis Alberto. E per la prima volta arriva la chiamata a cui tutti i calciatori aspirano: il commissario tecnico della Spagna Julen Lopetegui lo ha convocato con la sua selezione in vista delle amichevoli contro Russia e Costa Rica in programma questa settimana. 

 

di Francesco Margiotta

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Irriducibili Lazio: dopo i manichini impiccati, nuove dichiarazioni
Gli Ultras biancocelesti ribadiscono l’intento goliardico dell’impiccagione dei manichini

SPORT | 15-05-2017


Responsive image

Coppa Italia: finalmente torna il derby senza barriere
Per Lazio-Roma i divisori delle curve non verranno eliminati definitivamente ma solo abbassati

SPORT | 21-02-2017

Responsive image

4 dicembre altro che referendum: a Roma c'è il derby
Il countdown è iniziato e le premesse per assistere a un derby spettacolare ci sono tutte

SPORT | 29-11-2016

Responsive image

Responsive image

26 maggio 2013, Lazio: mi ritorni in mente
‘Questa finale vale quanto una finale di Champions’ disse Totti nei giorni precedenti alla gara

SPORT | 26-05-2016

Responsive image

Il derby scomparso, tifosi rimasti fuori
Derby di Roma, ultimo atto: il dominio giallorosso nel deserto dell'Olimpico

SPORT | 04-04-2016

Responsive image

Post derby: Pioli esonerato, Lazio traghettata da Inzaghi
A Formello esplode la contestazione

SPORT | 04-04-2016



POLITICA

Responsive image

Non solo Di Battista: i più sentimentali ritiri dalla politica

Come si sono reinventati gli ex big della politica nostrana

ESTERI

Responsive image

9 novembre 1989: cade il Muro di Berlino. Dal 'Goodbye' a Lenin al progresso tedesco

A Berlino il simbolo della Guerra Fredda crollava portando la Germania a una nuova epoca

CRONACA

Responsive image

Roma, capitale dell'inquinamento: torna il blocco del traffico

Nelle giornate di mercoledì 22 e giovedì 23 novembre stop dei veicoli più...

CULTURA

Responsive image

Roma, ‘100 presepi’ da tutto il mondo in mostra

Fino al 7 gennaio presso la Sala del Bramante dalle ore 10:00 alle 20:00 festivi compresi



SALUTE

Responsive image

In Italia primo caso al mondo di tumore allo stomaco asportato con endoscopia

La paziente è stata in grado di lasciare l'ospedale tre giorni dopo l'intervento

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Roma, Google Street View ci paparazza nelle stazioni metro

Dal 14 al 21 novembre tutti in posa in 11 stazioni


Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Il tribunale del Riesame di Roma ha respinto l'istanza di scarcerazione


Responsive image