Mafia, commercianti confermano: 'Pagavamo il pizzo'. 17 arresti Colpo al clan di Borgo Vecchio a Palermo - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

10-11-2017

Mafia, commercianti confermano: 'Pagavamo il pizzo'. 17 arresti

Colpo al clan di Borgo Vecchio a Palermo


Responsive image

Con l’accusa di associazione mafiosa, estorsione, tentato omicidio e illecita detenzione di armi da fuoco, il Nucleo investigativo di Palermo sta eseguendo nel capoluogo siciliano l’arresto di 17 persone. Appartenenti al clan di Borgo Vecchio, gli arrestati sarebbero stati individuati grazie alla testimonianza di due pentiti, nell’ambito di un’inchiesta iniziata sei anni fa e che vede in questi giorni l’epilogo. Indagine che ha portato inoltre a comprendere ulteriormente le dinamiche interne della cosca mafiosa.

 

Al vertice del clan spicca il nome di Elio Ganci, succeduto ai fratelli Domenico e Giuseppe Tantillo nel 2015, allora reggenti della famiglia mafiosa di Borgo Vecchio. Dalle indagini è emerso che il rachet del pizzo continua a essere una delle principali forme di guadagno di Cosa Nostra, come ha dimostrato il contenuto del “libro mastro” del pizzo. Un documento contabile indicante anche i nominativi delle vittime, ritrovato dai carabinieri coordinati dal procuratore Francesco Lo Voi. Le vittime, commercianti e imprenditori della zona di Borgo Vecchio, 14 in tutto, hanno confermato di essere state costrette a versare somme di denaro, onde evitare ritorsioni. I designati da Ganci per questo incarico sembrano essere Fabio Bonanno, Salvatore D’Amico, Luigi Miceli e Domenico Canfarotta. Già delegati, secondo gli inquirenti, a curare il sostentamento economico dei familiari dei detenuti, unitamente alla gestione dello spaccio nel territorio di sostanze stupefacenti.

 

L’indagine, oltre a smantellare il clan di Borgo Vecchio con l’arresto di 17 persone ha portato chiarimenti su alcuni episodi avvenuti nel 2011 e nel 2015, sui quali i carabinieri di Palermo indagavano ancora. Si tratterebbe della sparatoria del 4 marzo 2015, avvenuta tra le due fazioni che allora si contendevano il potere sul territorio, e di una rapina ai danni di un cittadino, rivelatasi non autorizzata e quindi frutto di ulteriori punizioni interne al clan. 

di Barbara Pignataro

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Ostia Antica. Fuoco al circolo Pd, poche ore prima si era tenuta la manifestazione antimafia
Ieri la manifestazione organizzata da Libera e Fnsi

MUNICIPIO CRONACA | 17-11-2017

Responsive image

Ostia, la libertà di stampa si fa corteo e scende in piazza
Raggi, Fnsi, Libera: tutti a manifestare contro le limitazioni violente della libertà di espressione

MUNICIPIO CRONACA | 15-11-2017

Responsive image

Caso Spada, la difesa presenta ricorso al Riesame
Roberto Spada è accusato di violenza privata aggravata dal metodo mafioso e dai futili motivi

MUNICIPIO CRONACA | 13-11-2017

Responsive image

Ostia, Raggi in piazza contro la mafia. Centrodestra: 'Corteo di parte, non partecipiamo'
La manifestazione della sindaca di Roma nel X Municipio, secondo la coalizione, è politica e 'non istituzionale'

MUNICIPIO POLITICA | 11-11-2017

Responsive image

Responsive image

Marcia contro la mafia a Ostia. Ecco perché Federica Angeli non parteciperà
In un post su Facebook la giornalista spiega perché non sfilerà a fianco ai cinque stelle

MUNICIPIO CRONACA | 11-11-2017

Responsive image

Nuova Ostia: microfoni e telecamere contro gli Spada
I giornalisti manifestano davanti alla palestra dell'aggressore degli inviati di Rai2

MUNICIPIO CRONACA | 10-11-2017

Responsive image

Ostia marcia contro la mafia
Corteo sabato 11 novembre alle 15.30

MUNICIPIO CRONACA | 09-11-2017



POLITICA

Responsive image

Non solo Di Battista: i più sentimentali ritiri dalla politica

Come si sono reinventati gli ex big della politica nostrana

ESTERI

Responsive image

9 novembre 1989: cade il Muro di Berlino. Dal 'Goodbye' a Lenin al progresso tedesco

A Berlino il simbolo della Guerra Fredda crollava portando la Germania a una nuova epoca

CULTURA

Responsive image

Roma, ‘100 presepi’ da tutto il mondo in mostra

Fino al 7 gennaio presso la Sala del Bramante dalle ore 10:00 alle 20:00 festivi compresi



SALUTE

Responsive image

In Italia primo caso al mondo di tumore allo stomaco asportato con endoscopia

La paziente è stata in grado di lasciare l'ospedale tre giorni dopo l'intervento

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Roma, Google Street View ci paparazza nelle stazioni metro

Dal 14 al 21 novembre tutti in posa in 11 stazioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Mondiali 2018. Come sarebbe andata con la nostra formazione?

Italia-Svezia: tridente ElSha-Immobile-Insigne

MUNICIPIO DEL MARE

Il tribunale del Riesame di Roma ha respinto l'istanza di scarcerazione


Responsive image