Trasporti pubblici: dal mangiare al parlare a voce alta, quanto costa la maleducazione a Roma? Le regole e le sanzioni di Atac per gli utenti indisciplinati - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

21-11-2017

Trasporti pubblici: dal mangiare al parlare a voce alta, quanto costa la maleducazione a Roma?

Le regole e le sanzioni di Atac per gli utenti indisciplinati


Responsive image

Italiani in viaggio sui mezzi di trasporto pubblici. Che sia quotidiano per recarsi a lavoro o sporadico, il tempo passato fuori casa è spesso notevole, come spesso notevoli sono i disagi quando il contatto con un estraneo sui trasporti pubblici è ravvicinato. Utile, veloce e sostenibile per l’ambiente, ma poco confortevole, soprattutto nelle ore di punta e nei periodi estivi, il viaggio in metropolitana o in autobus può diventare un vero incubo. Certi profumi sono nauseanti, spruzzati in maniera eccessiva a copertura di chissà quali odori. C’è chi altri odori, per non dire puzze, però, non li copre affatto, anzi li amplifica con movimenti continui, indifferente alle reazioni che stimola nello stomaco dei vicini.

 

La convivenza è impegnativa, si sa, e proprio di questo si parla: condivisione di uno spazio non sempre sufficiente per tutti. Luogo comune è l’idea che i mezzi di trasporto pubblici siano sporchi, rumorosi e maleodoranti. Spesso è vero, come è vero anche che molto spesso lo sono i trasportati, gli stessi che ottimizzano il tempo mangiando, chiacchierando tra loro o al telefono ad alta voce, ignorando totalmente le esigenze del vicino e le buone maniere. Di qui la necessità delle aziende che   gestiscono i mezzi di trasporto pubblici di arginare in qualche modo queste cattive abitudini degli utenti, tappezzando l’interno dei vagoni delle metropolitane e degli autobus di cartelli indicanti i comportamenti corretti e i divieti. Atac, l’azienda di trasporti di superficie e metropolitana di Roma, per esempio,li raccoglie in ununico documento come condizioni generali di trasporto: non appoggiarsi sulle porte, non mangiare e bere, mantenere una postura corretta per non invadere il posto accanto, lasciare liberi i posti riservati agli invalidi e alle donne in stato di gravidanza. E ancora: non sostare davanti alle porte e non ostacolare chi scende o chi sale, è vietato insudiciare, danneggiare e deteriorare i veicoli. Per i trasgressori di tutte queste regole è prevista una sanzione che varia da un minimo di 5 a un massimo di 23 euro a seconda del divieto non rispettato.

 

Vietato portare armi da fuoco: è indirizzato a chi detiene legalmente armi. Quando utilizza mezzi di trasporto pubblici devono essere scariche e smontate. Per loro l’ammenda è di 77 euro fino a 232 euro e non riguarda ovviamente chi si occupa di sicurezza nelle stazioni durante il servizio. È inoltre vietato, sui mezzi pubblici che circolano nella città di Roma, svolgere attività di vendita di beni e servizi (questo divieto rende illegale anche il cantante/musicista di turno che intrattiene i viaggiatori durante il tragitto in cambio di qualche euro). Per i trasgressori la multa prevista oscilla dai 15 ai 46 euro e aumenta fino a 258 euro se a compiere il reato si è in gruppo: niente raccolte fondi dunque, qualunque sia lo scopo. È altrettanto vietato gettare oggetti dal finestrino, soprattutto se il veicolo è in movimento, perché comporta una multa il cui importo da 15 euro (da fermo) arriva a 258,00 euro; si rischia anche l’arresto fino a due mesi (art. 27 D.P.R. 753/80). Stessa sorte per coloro i quali azionano i dispositivi di emergenza senza un incombente e grave pericolo: ammenda da 25 a 258 euro o arresto fino a due mesi. Fumare fa male e comporta un costo spesso notevole; farlo negli autobus e in metropolitana diventa un reato per il quale il trasgressore è assoggettato al pagamento della sanzione amministrativa da 25 a 250 euro, che raddoppia se avviene in presenza di minori o di donne in evidente stato di gravidanza. 

di Barbara Pignataro

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Roma, confermato sciopero dei trasporti pubblici per giovedì 20 luglio
Ad annunciarlo è l’Atac. Rischi anche per i bus Cotral

CRONACA | 15-07-2017

Responsive image

Roma, l'indagine di Confcommercio: turisti insoddisfatti dei trasporti pubblici della città
Gli elementi da migliorare nei servizi di trasporto pubblico: facilità d'uso, frequenza, personale e costo dei biglietti. Ma la città eterna continua a esercitare fascino sui turisti

CRONACA | 18-12-2015

Responsive image

Roma. Marino vs (e pro) Atac
Arrivano le scuse e le risposte del sindaco Ignazio Marino ai romani: Roma avrà i trasporti che si merita

POLITICA | 25-07-2015



POLITICA

Responsive image

Biotestamento: legge ‘mortifera’ o ‘civilizzatrice’?

I radicali pensano ora al prossimo passo: eutanasia e suicidio assistito

ESTERI

Responsive image

Londra, attentato a Theresa May. Trovati con bombe, coltelli e spray al peperoncino

I due terroristi sono stati fermati mentre trasportavano due esplosivi artigianali

CULTURA

Responsive image

Una 'Nuvola' di libri: ed è subito boom

Perché questa grande affluenza alla “Fiera della Piccola e Media Editoria” di Roma?



SALUTE

Responsive image

In Italia primo caso al mondo di tumore allo stomaco asportato con endoscopia

La paziente è stata in grado di lasciare l'ospedale tre giorni dopo l'intervento

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Roma, Google Street View ci paparazza nelle stazioni metro

Dal 14 al 21 novembre tutti in posa in 11 stazioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Mondiali 2018. Come sarebbe andata con la nostra formazione?

Italia-Svezia: tridente ElSha-Immobile-Insigne

MUNICIPIO DEL MARE

Virginia Raggi compirà tutti gli adempimenti necessari per avviare l’iter di candidatura. La Pro Loco esulta


Responsive image