Salvini e quel 'gesto di responsabilità' che rischia di far saltare il centrodestra Un equilibrio giocato sui candidati alla presidenza delle Camere. Convocato per questa mattina un vertice a Palazzo Grazioli - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

POLITICA

 

24-03-2018

Salvini e quel 'gesto di responsabilità' che rischia di far saltare il centrodestra

Un equilibrio giocato sui candidati alla presidenza delle Camere. Convocato per questa mattina un vertice a Palazzo Grazioli


Responsive image

Roma. È iniziata ieri, venerdì 23 marzo, la XVIII legislatura ed è già rottura nel centrodestra. Si è arrivati all'insediamento del nuovo Parlamento con due soli punti fermi: la spartizione delle presidenze delle camere tra M5S e centrodestra, e l'unione politica di quest'ultimo. Ma, a quanto pare, quest'ultimo cardine potrebbe essere già saltato. Il motivo? La Lega, sotto la guida di Matteo Salvini, non segue le indicazioni di Silvio Berlusconi nell'elezione del Presidente del Senato. Alla seconda votazione, infatti, la senatrice di Forza Italia Anna Maria Bernini riceve inaspettatamente 57 voti — i senatori leghisti sono 58 — al posto del senatore Paolo Romani.

 

«Abbiamo scelto di votare un candidato del centrodestra, un candidato di Forza Italia, per vedere se le altre opposizioni, a partire dai cinque stelle, hanno dei pregiudizi solo su un nome o sono disponibili a ragionare per far partire i lavori del Parlamento» dice il leader della Lega Matteo Salvini, al termine della seconda votazione per la presidenza del Senato. E la scelta è effettivamente ricaduta su una candidata di Forza Italia, ma non è quella condivisa e sostenuta da Berlusconi. Il leader di Forza Italia, infatti, aveva indicato il nome del senatore Paolo Romani come futuro Presidente del Senato. Un nome tuttavia non gradito dai pentastellati, in quanto condannato per peculato. È questo, dunque, il movente della disobbedienza leghista? L'accordo tra i due partiti premiati dagli elettori — ossia Lega e M5S — consisteva, infatti, nella “spartizione” delle presidenze alle camere: a Di Maio il compito di indicare un nome per la presidenza della Camera dei Deputati e quella del Senato della Repubblica al centrodestra. Salvini rimarca la scelta della Lega di non reclamare la presidenza del Senato, benché ci siano i  numeri per farlo, per accelerare i tempi e arrivare il prima possibile alla funzionalità del Parlamento. 

 

Questo pragmatismo leghista non è stato gradito dai membri di Forza Italia, in particolare dal leader del partito Silvio Berlusconi. Nella serata di ieri, infatti, si dichiarava irremovibile sulla sua posizione: Paolo Romani resta il candidato alla presidenza del Senato. Dopodiché, convocazione urgente di un vertice a Palazzo Grazioli per cercare di  riprendere in mano la situazione. Il gesto di Salvini è stato letto e definito come un «atto ostile»: Berlusconi non può accettare che la sua autorità all'interno della coalizione di centrodestra venga in questo modo scavalcata. Durissime le parole del senatore Renato Brunetta che definisce il voto della Lega un «atto ostile non solo nei confronti di Forza Italia, ma dell'intera unità del centrodestra». E mentre Di Maio, leader dei cinque stelle, con un tweet appoggia l'eventuale presidenza al senato di Anna Maria Bernini, la stessa senatrice di Forza Italia prende le distanze dalla sua involontaria candidatura. Con un tweet pubblicato alle 21:30, dichiara: «È del tutto evidente che sono indisponibile ad essere il candidato di altri senza il sostegno del presidente @berlusconi e del mio partito».

 

Questa mattina, al termine del vertice a Palazzo Grazioli, con un comunicato stampa, il centrodestra fa sapere che il nome della nuova candidata alla presidenza del Senato è Maria Elisabetta Alberta Casellati. Con un veto si boccia il candidato dei cinque stelle alla Camera, Riccardo Fraccaro, prontamente sostituito da Roberto Fico.

 

di Eleonora Savona

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Di Maio torna con una nuova proposta: le possibili imminenti elezioni fanno paura al pentastellato
Lo spostamento di Savona agli Interni ha riaperto uno scenario che sembrava tramontato

POLITICA | 31-05-2018

Responsive image

Governo, il secco 'no' di Mattarella fa saltare tutto. Nuove elezioni in vista
Il Presidente della Repubblica ha affidato a Carlo Cottarelli l'incarico di formare un nuovo governo

POLITICA | 28-05-2018

Responsive image

Conte tra M5s-Lega e Quirinale per discutere sul nodo Savona
“Dedicherò l'intera giornata di domani ad elaborare una proposta da sottoporre al presidente della Repubblica": Conte prepara una nuova proposta per il Colle

POLITICA | 25-05-2018

Responsive image

'Il reddito di cittadinanza rende più poveri e nega la dignità umana', parola di premio Nobel
L'economista Muhammad Yunus critica la soluzione alla povertà del M5s

POLITICA | 15-05-2018

Responsive image

Responsive image

Giorgetti e Fraccaro: due nomi per un Premier. Chi la spunterà?
Il primo è un immarcescibile esponente della Lega vicino alle banche; il secondo, del M5s, è un seguace della green economy

POLITICA | 14-05-2018

Responsive image

Silvio Berlusconi torna candidabile
Grazie alla riabilitazione concessagli dal Tribunale di sorveglianza di Milano, sono cancellati gli effetti della legge Severino

POLITICA | 12-05-2018

Responsive image

Governo, accordo M5s-Lega. Oggi l'incontro tra Di Maio e Salvini
Decisivo il comunicato di Berlusconi di ieri sera, ora spetta a Di Maio e a Salvini

POLITICA | 10-05-2018



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia