Bullismo, violenza e social media: relazione pericolosa o percezione alterata? Atti di violenza tra assenza di limiti, carenze educative e tecnologie - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

21-04-2018

Bullismo, violenza e social media: relazione pericolosa o percezione alterata?

Atti di violenza tra assenza di limiti, carenze educative e tecnologie


Responsive image

Episodi di bullismo e di violenza sono ormai all’ordine del giorno e sempre più protagonisti dei fatti di cronaca. Gli ultimi due casi di bullismo nelle scuole, a Lucca e a Velletri, ad esempio, hanno scosso l’opinione pubblica, in quanto le vittime della violenza sono le figure più autorevoli tra le mura scolastiche, ossia i professori. La percezione che si ha, dunque, è quella che il bullismo sia  un fenomeno fortemente in crescita e fuori controllo. Ma è proprio così?

 

Stando a un sondaggio condotto dal Centro Pio La Torre su 2.500 studenti, 1 ragazzo su 3 avrebbe assistito personalmente ad atti di bullismo, quasi il 90% pensa sia un fenomeno molto diffuso all'interno delle scuole e il 42% pensa che sia proprio la scuola il contesto in cui si faccia uso della violenza. Un’indagine condotta da  Amnesty International-Doxa rivela che per quasi la metà degli intervistati il fenomeno del bullismo è sì in aumento, ma la responsabilità è dei social media sia per la grande risonanza garantita e sia per il clima di discriminazione e incitamento all’odio che diffondono. E mentre gli indagati salgono a sei per i fatti di Lucca e a tre per quelli di Velletri — con l’accusa di minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale i primi, e di violenza privata e minacce gravi i secondi — e i consigli d’istituto discutono sulle possibili bocciature dei ragazzi coinvolti, Daniele Novara, direttore del Centro Psicopedagogico per l'Educazione e la Gestione dei Conflitti, va contro corrente.

 

Secondo l’esperto  non ci sarebbe un reale aumento del fenomeno del bullismo, che troppo spesso sarebbe confuso con normali dinamiche che vengono a crearsi tra coetanei, catalogabili come episodi di disturbo. In un’intervista riportata dall’ANSA, spiega che i requisiti necessari perché si possa parlare di bullismo sono tre: la prepotenza intenzionale e orientata a creare un danno, la continuità temporale e la condizione di inferiorità palese della vittima che ne determina l’incapacità a reagire. «Per noi il bullo è un ragazzino gradasso e prepotente, non un violento efferato. In questo modo si diffonde un allarme ingiustificato» afferma Novara. E continua: «Ad esempio da alcune statistiche emerge che alle elementari un bambino su due sarebbe vittima di bulli, eppure a ben vedere non parliamo di atti di violenza, ma solo di episodi di disturbo».

 

Questi comportamenti deviati e devianti, sono comunque sintono di una carenza educativa da parte delle famiglie. I ragazzi non riescono a percepire i limiti, a gestire i conflitti e a instaurare dinamiche relazionali consone con i coetanei se non ricevono una base educativa adeguata. Le tecnologie certamente aggravano la situazione, ma secondo il professor Novara non sono il problema: «I genitori devono controllare i telefonini dei figli fino a 15 anni, impedirne l'uso di notte, regolare l'uso diurno. Inoltre, fino a 13 anni non bisognerebbe usare gli smartphone, i bambini sono troppo immaturi per usarli in modo adeguato».

 

di Eleonora Savona

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Professori vittime dei bulli. Maria Rita Parsi: 'Serve un nuovo modo di concepire l'istruzione'
La nuova frontiera del bullismo: minacce e violenza sui professori

CRONACA | 20-04-2018

Responsive image

Vanessa Incontrada, il cyberbullismo non perdona i chili di troppo
Tutte le star bersagliate dal web: da Lady Gaga a ClioMakeUp

CULTURA | 07-06-2017

Responsive image

Il Parlamento approva la legge contro il cyberbullismo
Laura Boldrini la dedica a Carolina Picchio, la prima vittima in Italia

POLITICA | 17-05-2017

Responsive image

Ostia, arriva “Una vita da social”
Appuntamento il 16 maggio a Piazza dei Ravennati

MUNICIPIO EVENTI | 15-05-2017

Responsive image

Responsive image

Tiziana Cantone, suicidio dopo scandalo erotico: chiesta archiviazione per gli indagati
Per sboccare l'iPhone di Tiziana gli inquirenti vogliono chiedere ad Apple

CRONACA | 03-11-2016

Responsive image

Le novità di Facebook
Sicurezza, lotta al bullismo e un Marketplace

SCIENZE E TECNOLOGIA | 25-10-2016

Responsive image

Bambino cosparso di benzina e dato alle fiamme dai bulli
Non era la prima volta che i suoi compagni lo maltrattavano

ESTERI | 06-10-2016



POLITICA

Responsive image

Di Maio torna con una nuova proposta: le possibili imminenti elezioni fanno paura al pentastellato

Lo spostamento di Savona agli Interni ha riaperto uno scenario che sembrava tramontato

CULTURA

Responsive image

Word Press Photo: una mostra capace di raccontare un anno con gli occhi

A Roma, una mostra per fare il giro del mondo tra curiosità , natura, fatti



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Scontri Liverpool. Il ritorno Roma-Liverpool fa paura: se si ripetessero gli episodi di 34 anni fa?

Gravissime le condizioni del tifoso inglese rimasto ferito negli scontri di mercoledì

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia


Responsive image